Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La zona euro registra un’inflazione annua del 9,2%.

Secondo il rapporto pubblicato venerdì, la varianza interannuale dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) – la metrica principale per misurare l’inflazione – è in calo di nove decimi rispetto a novembre, quando era del 10,1%.

In un’analisi per settore, i prezzi dell’energia hanno guidato la crescita rispetto a dicembre 2022, sebbene l’aumento del 25,7% sia stato inferiore al 34,9% di novembre e al 42% di giugno.

Nel frattempo, gli alimenti trasformati, gli alcolici ei tabacchi hanno registrato un aumento del 13,8 per cento, rispetto al 13,6 per cento registrato nel penultimo mese dell’anno; e alimenti non trasformati, 12,0%, rispetto al 13,8% del mese precedente.

D’altra parte, i prezzi dei beni industriali – energia esclusa – sono aumentati del 6,4 per cento a dicembre ei prezzi dell’inflazione dei servizi sono aumentati del 4,4 per cento.

Per paese, la Spagna ha registrato l’HSCI più basso secondo Eurostat al 5,6%, seguita da Lussemburgo (6,2%), Francia (6,7%), Malta (7,3%), Grecia e Cipro (7,6%) e Irlanda (7,6%). ). .

Sebbene l’inflazione nella regione sia tornata a una cifra per la prima volta da agosto, l’unica ragione della moderazione potrebbe essere la crescita più lenta dei costi energetici e le pressioni sottostanti nascoste, affermano gli esperti.

ode/att

READ  Santander acquista il resto della sua consociata statunitense per i consumatori per 2,5 miliardi di dollari Da Reuters