Gennaio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La “zuppa di Gomo” di Haiti è un piatto storico dal sapore di libertà

Primo emendamento:

Porto Principe (AFP) – Gli haitiani combinano carne, verdure, pasta e zucca geromone, da cui prende il nome, “zuppa jomo”, un tempo vietata agli schiavi, che gli haitiani godono ogni anno il 1 gennaio, a simboleggiare l’indipendenza del loro paese.

Questa zuppa, appena inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità, è stata a lungo sinonimo di oppressione nell’isola dei Caraibi: a molti schiavi era vietato coltivare la zucca necessaria alla sua preparazione, e il suo gusto era riservato ai proprietari di piantagioni.

Ma il 1 gennaio 1804, quando nacque la prima repubblica nera, Marie Claire Heureuse Félicie, moglie del primo leader haitiano Jean-Jacques Dessalines, decise di servire questo piatto in grandi quantità.

Cucinare questa zuppa “è stato un modo per celebrare questi anni di privazione e oppressione e per dichiarare la vittoria sui coloni”, racconta Natalie Kardashian, mentre al mercato acquistava tutti gli ingredienti per realizzare il piatto nazionale.

“Questo è il peso di questa zuppa”, aggiunge seria.

Rosmin d’Orseus prepara la zuppa tradizionale, il 31 dicembre 2021 a Port-au-Prince, Haiti Richard Perrin, AFP

Rappresenta anche un momento di ricongiungimento familiare. Qualcosa di complicato per molti quest’anno.

– Insicurezza –

Nel 2021, dopo aver registrato l’assassinio del suo presidente il 7 luglio da parte di un commando armato, Haiti è stata colpita da un devastante terremoto. I disordini politici e la povertà aumentarono, così come i rapimenti, a causa del lavoro di bande che erano diventate molto potenti.

L’insicurezza e l’impossibilità di utilizzare strade sorvegliate da bande armate costringono molti haitiani a trascorrere il capodanno lontano dai propri cari.

“Ho amici all’università i cui genitori non vivono a Port-au-Prince e non possono incontrarli nelle province a causa della situazione della sicurezza”, spiega Stephanie Smith, una studentessa di Washington. “Quindi ti invito!”

Una ciotola di zuppa tradizionale, 1 gennaio 2022 a Port-au-Prince, Haiti
Una ciotola di zuppa tradizionale, 1 gennaio 2022 a Port-au-Prince, Haiti Richard Perrin, AFP

Sua madre, Rosemin Dorsius, prepara spesso la “zuppa jumu” per la sua famiglia, ma in ogni festa nazionale porta pentole intere.

READ  OMS: Misure contro la variante delta dell'omicron

La 54enne haitiana stima abbastanza per sfamare “un certo numero di persone”, mentre sua figlia ritiene che le quantità possano bastare per una trentina di persone.

“Siamo in otto nella mia famiglia, ma purtroppo ci sono persone del quartiere che non sanno fare la zuppa, quindi pensiamo a loro”, spiega il 27enne.

Il lavoro in cucina inizia il giorno prima, e anche prima dell’alba del 1 gennaio le donne di famiglia sono impegnate intorno ai fornelli.

Rosemin Dorsius ricorda quei giorni in cui i bambini erano piccoli, lei e suo marito facevano la zuppa insieme. “Ora che le mie figlie sono cresciute, sono loro ad aiutarmi”, dice.

– ‘Imitiamo i nostri antenati’ –

La zuppa dalla ricca storia ha appena ricevuto un riconoscimento internazionale, essendo stata elevata allo status di Patrimonio Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO.

Dominique Dubuis, ambasciatore di Haiti presso l’UNESCO, ritiene che “la lotta e la voce di Haiti erano invisibili ed è oggi un mezzo per registrarla”, che cita “il ruolo fondamentale e vitale di Haiti nella storia dell’umanità”, il primo paese ad abolire schiavitù.

La dedica della zuppa Jammu costituisce, a suo avviso, una “giusta correzione storica”.

Rosmaine d'Orseus prepara una zuppa tradizionale il 1 gennaio 2022 a Port-au-Prince, Haiti
Rosmaine d’Orseus prepara una zuppa tradizionale il 1 gennaio 2022 a Port-au-Prince, Haiti Richard Perrin, AFP

Ha detto che la sua delegazione stava facendo ogni sforzo per includerlo nel registro e ha richiesto un’elaborazione accelerata del file ad agosto. Il 16 dicembre, ha finalmente ottenuto un A.

Dal momento che il 2021 è stato un “anno eccezionalmente doloroso”, ha affermato che i residenti hanno bisogno di “meccanismi che ci aiutino a tenere la testa alta”, ha affermato questa città di Cap-Haitien, una città piangente il 14 dicembre per l’esplosione di una petroliera che è costata la vita di 90 persone.

READ  L'algoritmo di raccomandazione di Twitter amplifica più contenuti politici di destra - Diario Digital Nuestro País

Ad Haiti, cucinare la “zuppa di jomo”, un’usanza che risale a più di due secoli fa, è un modo per rendere omaggio al proprio Paese e al suo passato.

Per Natalie Kardashian, è un modo per invitare il mondo a “scoprire la storia di Haiti” e un modo per mostrare “quanto siamo orgogliosi, che ci adattiamo e perpetuiamo le tradizioni dei nostri antenati”.