Gennaio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Abu Dhabi Millionaire Fund è il terzo attore nell’offerta di Nutresa e potrebbe investire 1.100 milioni di dollari | America

La borsa valori colombiana (BVC) si è svegliata dopo diversi anni di comportamento letargico e ora è teatro di una delle più grandi offerte commerciali nella storia della Colombia: Gilinskis vs Grupo Empresarial Antioqueño (GEA) nelle offerte pubbliche di acquisto (OPA) da Nutresa e Sura.

Tuttavia, c’è un terzo giocatore di cui non si parla molto. È il Royal Group di Abu Dhabi, il fondo multimiliardario del Medio Oriente la cui partecipazione in società colombiane potrebbe significare molto più di un massiccio acquisto di azioni.

Incontra il terzo giocatore

Il Royal Group, di Abu Dhabi, è proprietario di Aflaj Investment LCC, che possiede una quota del 49,9% in Nugil: la società panamense di cui fa parte anche Gilinski (con il 50,1%), che è stata la società che ha presentato l’offerta pubblica di acquisto ostile . Acquistare tra il 50,1% e il 62,62% delle azioni del Grupo Nutresa. È chiaro, quindi, che il fondo mediorientale ha poco a che fare con questa disputa borsistica, ma va visto come un gioco tra tre protagonisti.

Sebbene i fondi comuni di questo tipo siano di natura ristretta, è noto che il gruppo reale è guidato da Tahnoon bin Zayed Al Nahyan, fratello di Mohammed bin Zayed Al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi. È un conglomerato di oltre 60 società, che a loro volta partecipano ad altre società. La rete aziendale è diffusa in 90 paesi e offre circa 27.500 opportunità di lavoro in tutto il mondo.

Dopo aver analizzato le proprietà e le operazioni di Royal Group ad Abu Dhabi, “Si può dire che il loro interesse in Colombia è nuovo e può essere spiegato identificando un’opportunità di business interessante e non da fattori legati alla strategia di investimento che l’azienda ha. Bravo commentato.

“È un gruppo di investimento molto diversificato. Opera in settori come media, finanza, edilizia, tecnologia, salute, ospitalità, vendita al dettaglio e robotica. Ha anche attività nel settore alimentare (noci, salse, verdure surgelate) e ha fast food ristoranti. La cosa interessante è che quell’anno furono coinvolti in non meno di 27 affari e quasi tutti erano negli Emirati Arabi Uniti. Uno negli Stati Uniti, uno alle Maldive e nel Regno Unito “, osserva Luis Carlos Bravo, professore di Finanza presso Inalde Business School.

READ  Il Giappone ha lanciato un nuovo satellite per migliorare la sua rete GPS

Javier Mejia, Ph.D. in economia presso l’Università di Los Andes e post-dottorato presso la Stanford University, ha spiegato: “Questo fondo ha avuto molto successo come sviluppatore, hanno sviluppato un’isola chiamata Al Reem ad Abu Dhabi: un mega- progetto. Pertanto, è un gruppo con una capacità comprovata di realizzare progetti su larga scala, mirando al mercato internazionale con le ultime tecnologie. Negli ultimi anni si è ampliato per includere altri settori e regioni. “

Mejia aggiunge: “Il modo migliore per pensare a una porzione significativa di questi fondi è considerarli come portafogli di capitali su scala globale con una significativa esposizione al rischio. In altre parole, l’elemento comune è la loro elevata eterogeneità. Ad esempio, scatola di visione Softbank ha investimenti capitale di rischio Strategia in America Latina, come Rappi. Ma include anche posizioni dirigenziali in aziende come WeWork”.

È anche noto che non è la prima volta che questa potenza mediorientale viene associata a Jelenskis. In realtà, è un rapporto che è cresciuto per diversi decenni. Ad esempio, è stato il conglomerato colombiano (Jelinsky) ad acquistare la filiale colombiana Banco Internacional de Crédito y Comercio (BCCI) all’inizio degli anni ’90, un consorzio globale che rappresentava il 77% di Abu Dhabi. Inoltre, lo stesso Jaime Gilinsky ha recentemente affermato di lavorare da più di quindici anni per rafforzare le relazioni con il Medio Oriente.

Per questo motivo si può dire che la strada è già stata tracciata per entrambi i conglomerati per lanciare l’attacco al mercato azionario più aggressivo nella storia della borsa colombiana.

L’opportunità che hanno trovato

Dopo aver analizzato le proprietà e le operazioni di Royal Group ad Abu Dhabi, “Si può dire che il loro interesse in Colombia è nuovo e può essere spiegato identificando un’opportunità di business interessante e non da fattori legati alla strategia di investimento che l’azienda ha. Bravo commentato.

In altre parole, la chiave per comprendere il nuovo interesse del Fondo per il Medio Oriente in Colombia è identificare quell’opportunità che hanno trovato. E questa dovrebbe essere una buona cosa, perché il tuo investimento potrebbe superare i 4,2 miliardi di dollari (1,1 miliardi di dollari) solo nell’OPA di Nutresa.

READ  La crisi dei semiconduttori ha fatto sì che SEAT producesse 100.000 unità in meno

“Ci sono titoli molto economici sulla borsa colombiana: Vilas, BBVA, Bolívar, Cemex, Conconcreto, Construcciones El Cóndor tra gli altri. Il prezzo di questi titoli è molto più basso del loro prezzo base, il valore al quale dovrebbe essere, secondo a Diego Franco, Presidente del Gruppo Franco “indicatori e potenziale di crescita.

In altre parole, il prezzo attuale delle azioni colombiane rappresenta un prezzo interessante per gli investitori, in particolare i grandi investitori.

Come vengono presentati Gilinskis e la Royal Collection?

Nell’offerta di acquisto, Nugil ha offerto di acquistare tra il 50,51% e il 62,62% delle azioni di Nutresa a $ 7,71 (o $ 30.000 sotto il TRM di giovedì) per azione. che rappresenta un premio (profitto) del 36% rispetto al prezzo prima della dichiarazione OPA; Ha proposto di acquistare tra il 25,34% e il 31,68% delle azioni del Grupo Sura a $ 8,01 per azione ($ 31.200). Ciò rappresenta un profitto del 50% rispetto al prezzo dell’indirizzo prenotato prima dell’offerta di acquisizione di Nutresa e del 27% prima della divulgazione dell’offerta di acquisizione di Sura.

Tuttavia, prima del tentativo di acquisizione, i sondaggi d’opinione Bloomberg Ha rivelato che, in media, gli analisti hanno considerato il prezzo base di Nutresa tra $ 27.400 e $ 27.420 per il braccialetto. Da questo punto di vista, il guadagno rispetto alle offerte di acquisizione sarebbe rispettivamente del 9% (Nutresa) e del 13% (Sura).

Sebbene rappresentino rendimenti interessanti, non è chiaro se sia un premio abbastanza buono per gli investitori esistenti perdere posizioni in due delle più grandi società del paese, una delle poche che sono cresciute durante la pandemia.

Infatti, Grupo Argos ha rilasciato una dichiarazione la scorsa settimana in cui affermava che non avrebbe partecipato all’offerta pubblica di acquisto di Nutresa perché il prezzo offerto era insufficiente e non riflette il valore e il potenziale dell’azienda.

D’altra parte, Franco fa notare che la svalutazione del peso sarebbe un altro fattore che stimolerebbe l’ingresso di questo tipo di denaro nella BVC: “Per uno straniero, come il Royal Group, è più conveniente acquistare azioni denominate in peso perché il dollaro sta salendo”.

READ  'Bitcoin non ha valore' Cina contro criptovaluta, Cuba lo adotta

Per Mejía, il tasso di cambio è anche un fattore chiave nella partecipazione del Fondo Medio Oriente: “Le operazioni di questi fondi si basano principalmente su dollari o valute con stretta parità con il dollaro, quindi in termini relativi, le attività in Colombia sono fatte sempre più attraente Inoltre -Questo aiuta a diversificare il proprio portafoglio in termini di termini di cambio.

Arriveranno altre offerte pubbliche di acquisto?

È chiaro, quindi, che il dollaro esorbitante e le azioni a basso costo di BVC sono un’esca per denaro straniero come il Royal Group. In pratica, il Paese è nella stagione degli sconti per gli investitori internazionali. Per questo è inevitabile chiedersi se potrebbero esserci più offerte di acquisizione come quelle di Nutresa e Sura.

“Se le offerte di acquisizione saranno completate, penso che ci saranno più operazioni di questo tipo. Per un investitore, è molto bello vedere fondi di queste dimensioni andare in Colombia. Penso anche che la Colombia abbia molto potenziale in alcuni settori come l’agroalimentare, il turismo, l’energia e le merci”, ha osservato Luis Carlos Bravo.

Da parte sua, Javier Mejia osserva: “Non è noto se ci saranno più offerte di acquisizione, perché è un modo insolito date le ridotte dimensioni del mercato dei capitali in Colombia. Ma è chiaro che i fondi della regione, per molti anni, ho visto molto Dal potenziale in Colombia. Il modo per trarne vantaggio è variato, dagli acquisti regolari nel mercato pubblico agli acquisti aziendali nel mercato privato. Credo che questo continuerà ad accadere. Ma, dal momento che il la platea di mercato è molto ridotta, non credo ci saranno molte più operazioni dall’avvento dell’OPA di Nutresa”.

Ciò che è chiaro è che il Royal Group ha visto l’opportunità di investire in Colombia. E se le condizioni sono soddisfatte, non può che essere il punto di partenza per la partecipazione di questo fondo estero. Ma tutto dipenderà da come andranno a finire le offerte di acquisto per Nutresa e Sura.