Aprile 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’acqua della Terra potrebbe essere più antica del sole stesso

Non c’è dubbio che la caratteristica più distintiva del nostro pianeta sia la presenza dell’acqua. Se vogliamo essere molto precisi, l’esistenza dell’acqua è allo stato liquido. Senza di esso, la vita come la conosciamo sarebbe inimmaginabile; Senza di esso, non sarebbe possibile immaginare il futuro della nostra specie in altri ipotetici mondi abitabili in futuro.

Infatti, la Terra è, per quanto ne sappiamo, l’unico pianeta del sistema solare dove c’è abbastanza acqua liquida per sostenere la vita. Tutta questa serie di domande ha indotto gli scienziati a porsi una domanda legittima: da dove viene l’acqua della Terra?

L’origine dell’acqua sulla Terra

Per rispondere a questa domanda sono state avanzate diverse ipotesi. Uno di questi è che l’acqua del nostro pianeta rPotrebbe essere esistito fin dalle prime fasi della sua formazione, circa 4,5 miliardi di anni fa, contenuti negli stessi planetesimi che si sono accumulati per dare alla Terra la sua forma finale. Altri sostengono che abbia un’origine piuttosto tarda, e la colloca quando la terra si raffreddòe il rilascio di gas – compresa l’acqua – dall’interno.

Tra le teorie più accreditate vi sono quelle che difendono l’origine extraterrestre dell’acqua del nostro pianeta e ipotizzano che una parte significativa di essa possa essere stata trasportata da comete, asteroidi o meteoriti verso cui la Terra è stata attratta dalla forza di gravità per milioni di anni .

Il meteorite di Winchcombe e il mistero dell’origine della vita sulla Terra

E un’ultima ipotesi, che sostiene che l’acqua della Terra potrebbe farloprovenire direttamente dalla Nebulosa Protosolare che ha dato origine al nostro sistema planetario.

READ  L'app Contatti Google avvierà una funzione a stella per semplificare la chiamata a qualcuno

L’anello mancante per l’acqua nel sistema solare

Tuttavia, la presenza dell’acqua sulla Terra potrebbe avere un’origine, basata non solo su una di queste teorie, ma in parte su ciascuna di esse. Se prendiamo come punto di partenza le ultime ipotesi menzionate, il trasferimento di acqua dalle nebulose di formazione stellare al sistema stellare stesso è già stato documentato. Oltre a trasportare l’acqua dalle comete ai pianeti. Eppure ancora Non si sapeva come l’acqua potesse arrivare alle comete dalle stelle.

La buona notizia è che ora si utilizza un telescopio spirito – Atacama Large Millimeter / Submillimeter Array – Gli scienziati hanno rilevato per la prima volta l’esistenza di acqua allo stato gassoso nel disco di una stella in formazione planetaria: V883 Orione.

Ora possiamo rintracciare le origini dell’acqua nel nostro sistema solare prima della formazione del sole”.

I ricercatori hanno analizzato più di una delle sue firme chimiche, che spiegano il viaggio dell’acqua dalle nubi di gas che formano le stelle ai pianeti, e supportano l’idea che l’acqua sulla Terra sia più antica del nostro sole”.Ora possiamo rintracciare le origini dell’acqua nel nostro sistema solare prima della formazione del sole”.E passaggio John J. TobinUn astronomo del National Radio Observatory degli Stati Uniti e autore principale di uno studio pubblicato oggi sulla rivista Nature.

Stelle e pianeti formano la storia passata attraverso l’acqua

La scoperta è stata fatta studiando la composizione dell’acqua in V883 Orionis, un disco di formazione planetaria situato a circa 1.300 anni luce dalla Terra.Quando una nube di gas e polvere collassa, forma una stella al suo centro. Intorno alla stella, anche la materia delle nuvole forma un disco. Nel corso di pochi milioni di anni, la materia nel disco si aggrega per formare comete, asteroidi e infine pianeti.

READ  Feedback WhatsApp: puoi inviare qualsiasi emoji

Una nuvola di gas si trasforma in una formazione di sistema planetario
Modo ESO/L

Tobin e il suo team hanno utilizzato ALMA per misurare le firme chimiche dell’acqua e il suo percorso da una nuvola che forma stelle ai pianeti. In questo senso, meritato Poiché l’acqua leggera e l’acqua pesante, che differiscono negli isotopi di idrogeno che costituiscono le loro molecole, si formano in condizioni diverse, il loro rapporto può essere utilizzato per tracciare quando e dove si è formata l’acqua. Ad esempio, questo rapporto in alcune comete del sistema solare si è dimostrato simile a quello trovato sulla Terra, indicando che le comete potrebbero aver portato l’acqua sulla Terra.

Nel caso Tobin mostra che V883 Orionis “La composizione dell’acqua nel disco è molto simile a quella delle comete nel nostro sistema solare, rafforzando l’idea che l’acqua nei sistemi planetari si sia formata miliardi di anni fa, prima del sole, nello spazio interstellare, ed è stata ereditata sia dalle comete che Terra relativamente invariata.

La nube molecolare Chameleon 1 osservata dal James Webb Telescope

James Webb ha scoperto il ghiaccio e le molecole organiche in una nuvola molecolare

Secondo il coautore dello studio, Margot Limaker, Dottorando all’Osservatorio di Leiden in Olanda, fino ad ora è stato molto difficile trovare tracce di quest’acqua nei dischi protoplanetari delle stelle perché, a causa delle basse temperature, si trova solitamente sotto forma di ghiaccio. Tuttavia, il disco di V883 Orionis è relativamente caldo a causa di un’esplosione di energia nella sua stella. Ciò ha portato al fatto che l’acqua al suo interno era allo stato gassoso, che poteva essere rilevato da ALMA.

Infatti, grazie al telescopio, gli scienziati hanno scoperto che questo disco contiene almeno 1.200 volte la quantità di acqua di tutti gli oceani della Terra. Ora i ricercatori stanno aspettando di poter utilizzare un altro telescopio, vale a dire Estremamente grande telescopio-ELT– per saperne di più sulla natura dell’acqua contenuta in questi dischi e per comprendere meglio il percorso dell’acqua dalle nuvole di formazione stellare ai sistemi solari.

READ  Alcune regioni del pianeta avranno un'eclissi solare parziale martedì