Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’acquisizione di Telecom Italia da parte di KKR riapre la ricerca di fondi per le principali società di telecomunicazioni | comp

L’acquisizione da parte di KKR di Telecom Italia, uno degli storici operatori europei, ha provocato un forte sconvolgimento nel settore delle telecomunicazioni. Obiettivo questa volta è uno dei più grandi del settore, e il fondo ha lanciato un’offerta di 10.800 milioni di euro per acquistare il 100% del gruppo, oltre ad assumere un debito esistente di 22.500 milioni di euro, con quello che è il valore totale della società circa 33.000 milioni di euro. In questo modo, è una delle più grandi operazioni della storia private equity in Europa.

Con questo movimento sembra che sia stato riaperto il divieto di ricerca degli operatori per cassa, ma non sono più piccoli gruppi, e ora è un grande gioco, visto che Telecom Italia è un’azienda che è una presenza di uno dei grandi paesi .

Negli ultimi mesi, il denaro è passato attraverso alcune delle grandi società di telecomunicazioni. La KPN olandese ha rifiutato due offerte a maggio, una da EQT e Stonepeak e l’altra da KKR. L’offerta del primo era di circa 18.000 milioni, compreso un debito di 5.500 milioni.

C’è anche molta speculazione in BT, soprattutto dopo l’ingresso del magnate Patrick Drahi, il principale azionista di Altice, con un acquisto del 12,1% del capitale a giugno. Nei giorni scorsi, vari media finanziari hanno indicato che Drahi ha intenzione di aumentare la sua presenza.

I fondi sembrano voler approfittare della debolezza del mercato azionario nel settore delle telecomunicazioni. KKR offre 0,505 euro per azione Telecom Italia, un premio del 45% rispetto alla chiusura di venerdì. Tuttavia, Telecom Italia ha lasciato oltre il 50% del suo valore negli ultimi cinque anni. BT ha anche lasciato il 54% del suo valore negli ultimi cinque anni, circa il 47% da Telefónica, il 42% da Vodafone e il 30% da Orange.

READ  Il prezzo del bitcoin supera $ 50.000

Borsa

L’annuncio dell’OPA ha fatto salire Telecom Italia in borsa del 30% a 0,45 euro, ancora inferiore al prezzo di offerta. Telefónica è in crescita del 6,64% ed è vicina al massimo dello scorso anno. Il gruppo spagnolo è stato di gran lunga il più avvantaggiato dal processo. Vodafone guidata dal 3,13%, 2% da Orange, 2,6% da BT, 3,7% da KPN, 2,6% da Deutsche Telekom e 1,8% da Telia.

Il denaro sembra chiaro che le società di telecomunicazioni hanno il potenziale per generare valore. In Telecom Italia una delle idee di KKR è quella di disaccoppiare la rete in fibra, che è il bene più prezioso, la capacità di fare investimenti redditizi grazie a entrate garantite attraverso tariffe regolamentate.

L’interruzione di denaro coincide con uno scenario in cui le società di telecomunicazioni europee chiederanno una modifica della normativa, consentendo l’attuazione di un processo di consolidamento. La scorsa settimana, gli amministratori delegati di Telefónica, Vodafone e Orange si sono espressi in questa direzione, avvertendo che la situazione nel settore è insostenibile a causa di un’intensa concorrenza, che sta erodendo ricavi e redditività, mentre allo stesso tempo le aziende di telecomunicazioni devono affrontare ingenti investimenti .in nuove reti.

In questo senso, le fonti del settore indicano la possibilità che i fondi prendano posizione a fronte di un cambiamento nelle politiche regolamentari.

Molte acquisizioni

Rilevanza. La densità di presenza dei fondi nel settore delle telecomunicazioni ha continuato ad aumentare, con operazioni significative nel 2021. Apax Partners e Warburg Pincus hanno raggiunto un accordo per l’acquisizione di T-Mobile Netherlands, filiale olandese di Deutsche Telekom, per 5,1 miliardi di euro. In Spagna, Euskaltel, controllata da Cinven, KKR e Providence, è stata acquisita da MásMóvil, per circa 2.000 milioni.

READ  Nel 1921 proposero una "valuta garantita dall'energia" invece dell'oro

la base. KKR, azionista di Telxius insieme a Telefónica, è diventato anche partner del gruppo spagnolo nei suoi veicoli di investimento in fibra in Cile e Colombia. La strategia di portare fondi di investimento nelle proprie unità in fibra è stata attuata da Orange, Telia, KPN, Proximus, Tele Columbus, Bouygues, Altice o dalla stessa Telecom Italia in Brasile.