Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Africa orientale e il Corno d’Africa si aspettano la peggiore siccità degli ultimi decenni

MOMBASA, Kenya (AP) – Gli agricoltori dell’est e del Corno d’Africa si stanno preparando per la più grave siccità degli ultimi 40 anni poiché le autorità avvertono le agenzie meteorologiche di temperature più elevate e precipitazioni inferiori al normale a marzo e aprile.

L’Autorità intergovernativa per lo sviluppo ha affermato che è probabile che le precipitazioni diminuiscano per il quarto anno consecutivo, sollevando i timori di una crescente malnutrizione, minacce ai mezzi di sussistenza e gravi rischi per 29 milioni di persone nella regione. I meteorologi associano l’attuale siccità al cambiamento climatico causato dall’uomo, che sta aumentando la temperatura nell’Oceano Indiano, il che a sua volta porta a una maggiore frequenza dei cicloni.

Come in gran parte del continente, nell’Est e nel Corno d’Africa, il principale pilastro economico è l’agricoltura, che dipende dalle precipitazioni, rendendola più vulnerabile agli eventi meteorologici estremi. Mama Charity Kimaru, che pratica l’agricoltura mista per allevare bestiame, cereali e verdure nella sua fattoria di 30 acri (12 ettari) a Nyandaruwa, a circa 80 miglia (126 km) a nord di Nairobi, è una di quelle che si preparano al peggio. Kimaru afferma che l’aumento delle temperature negli ultimi mesi ha privato il suo bestiame del pascolo e ha causato il fallimento dei raccolti che ha piantato in previsione della lunga stagione delle piogge.

L’agenzia meteorologica ha dichiarato a febbraio che l’area dovrebbe prepararsi per una stagione delle piogge “più attiva della media”, che di solito va da marzo a maggio, ma questa settimana ha rivisto le sue previsioni.

“Le piogge di marzo, aprile e maggio sono cruciali per la regione e, sfortunatamente, non stiamo affrontando tre stagioni piovose consecutive, ma forse quattro stagioni consecutive”, ha affermato Workneh Gebeihu, segretario esecutivo dell’agenzia intergovernativa. “Questo, combinato con altri fattori di stress come i conflitti nella nostra regione e in Europa, l’impatto del COVID-19 e le sfide macroeconomiche, ha causato un alto livello di insicurezza alimentare in tutto il Corno d’Africa”.

READ  #PandoraPapers: Panama, spaventata dalla nuova inchiesta internazionale sulle società offshore

Una riduzione delle precipitazioni medie nel 2022 potrebbe prolungare condizioni già estremamente aride che non raggiungevano questo livello dal 1981. Etiopia, Kenya e Somalia, che saranno gravemente colpite dalla diminuzione delle precipitazioni, stanno già soffrendo una grave carestia.

La mancanza di precipitazioni durante la breve stagione delle piogge dell’anno scorso e l’attuale siccità durante la lunga stagione hanno causato il fallimento dei raccolti e la morte del bestiame, facendo salire i prezzi dei generi alimentari, aumentando i conflitti tra le comunità per i pascoli scarsi e il degrado delle risorse idriche.

“Quando avremo gravi cicloni nell’Oceano Indiano sudoccidentale, ci stiamo preparando per una lunga stagione secca nelle regioni orientali e nel Corno”, ha affermato Evans Mukoloy, ex direttore scientifico delle Nazioni Unite. Questo perché gli uragani assorbono molta umidità, privando la regione delle tanto necessarie precipitazioni. Questo è stato il modello per decenni. “

Le organizzazioni umanitarie sono già preoccupate per come il peggioramento degli effetti del cambiamento climatico influenzerà la regione nei prossimi decenni.

“Questa non è la prima siccità nel Corno d’Africa, e probabilmente non sarà l’ultima”, ha affermato Sean Granville-Ross, direttore regionale per l’Africa presso l’agenzia umanitaria Mercy Corps. “Con l’aggravarsi dell’emergenza climatica, la siccità diventerà più frequente e grave. Le persone colpite dai cambiamenti climatici non vedono l’ora che una crisi finisca per prepararsi alla prossima”.

“La risposta internazionale deve dare la priorità ai bisogni immediati mentre alloca risorse aggiuntive per interventi intelligenti a lungo termine che faranno la differenza a lungo termine e aiuteranno le comunità a diventare più resistenti alla siccità”, ha aggiunto.

L’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite ha avvertito la scorsa settimana che l’attuale siccità “rischia di diventare una delle peggiori emergenze legate al cambiamento climatico nella storia recente nel Corno d’Africa”, sottolineando che sono necessari 1,5 miliardi di dollari per aiutare circa 5,5 milioni nel Corno d’Africa dell’Africa. Quartiere.

READ  Cuba lancia un messaggio di sostegno alle vittime dei recenti uragani negli Stati Uniti

___

La copertura climatica e ambientale dell’Associated Press è supportata da diverse fondazioni private. AP è l’unico responsabile del contenuto.