Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lagarde chiede di tenere conto della nuova situazione quando si discute di regole finanziarie | mercati

Giovedì, la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha chiesto di tenere conto del forte aumento del debito dei paesi dell’Unione europea quando si discute di un ritorno alle regole finanziarie dell’accordo di Maastricht.

“Le condizioni sono cambiate enormemente. C’è stato almeno un aumento del 20% del rapporto debito/PIL nella maggior parte degli Stati membri”, ha detto Lagarde in una presentazione con domande alla Paris Business School.

Le regole sono state sospese per consentire una forte risposta europea alla crisi causata dalla pandemia e da novembre l’UE studierà come applicarle nuovamente, tra le crescenti richieste di farlo gradualmente per evitare una recessione economica.

“La situazione è cambiata. Le risposte devono affrontare questi cambiamenti e tenerne conto”, ha sottolineato. Tuttavia, ha evitato di scommettere su qualsiasi formula che lasciasse il processo decisionale nell’Unione europea.

Ha osservato che “non so se ciò comporterebbe un cambiamento nei trattati o sarebbe necessario modificare alcune regole” con una sorta di “transizione graduale” delle regole.

Era ottimista perché “la discussione è iniziata”, ma ha osservato che in ogni caso “dovremmo avere delle regole nell’Ue”.

Il Parlamento europeo a luglio ha invitato l’Unione europea ad aggiornare le sue regole di controllo del disavanzo e del debito pubblico prima di re-implementarle.

Lagarde ha indicato che a novembre la Commissione europea avvierà il dibattito se gli Stati membri debbano tornare quanto prima ai livelli di debito e disavanzo pubblico del Patto di stabilità o se ci sarà una certa flessibilità data l’entità delle spese che stanno facendo. sostenute in risposta alla crisi causata dall’epidemia.

L’Eurogruppo, i ministri dell’economia della zona euro, “lo vedrà anche a novembre”, ha aggiunto il presidente della Bce, che ha osservato che ci sono stati molti laboratori di idee e accademici che hanno proposto soluzioni e opzioni.

READ  Societe Generale accelera DeFi 2.0 Una mossa di CoinTelegraph

Lagarde ha sottolineato che “l’economia è in netta ripresa nell’eurozona”, dopo la crisi causata dall’epidemia. Questa ripresa è “più forte di quanto ci aspettassimo sei mesi fa”, con una crescita del PIL del 5% e un’inflazione del 2,2% per l’anno.

Numeri superiori alle attese per giugno (crescita del 4,6%). “Stiamo aggiornando le nostre previsioni al rialzo man mano che andiamo avanti”, ha spiegato.

Ha attribuito questo aumento, non a variabili economiche, ma al “processo di vaccinazione” contro il virus Corona, in cui più del 70% della popolazione sopra i 12 anni nella zona euro è stata vaccinata con almeno una dose.

E ha avuto un impatto significativo sulla reazione dell’economia e su come sono state revocate le restrizioni, soprattutto nel settore dei servizi, che è il più colpito dalle misure adottate per contenere la diffusione del virus.

Il risultato è che l’attività “prima della fine del 2021” nell’eurozona dovrebbe ora tornare al livello pre-pandemia, rispetto alle precedenti previsioni, che risalgono alla metà del 2022.

Nonostante queste aspettative positive, Lagarde ha mantenuto un tono di cauto ottimismo alla sua nona conferenza stampa, dopo la conclusione del Consiglio direttivo della Banca centrale europea. “Siamo fuori dal precipizio, ma non siamo fuori dal bosco”, ha detto.

La Banca centrale europea ha annunciato la scorsa settimana che taglierà i suoi acquisti settimanali di debito di emergenza pandemica nel quarto trimestre, date le migliori condizioni di finanziamento.