Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’AIEA non monitora i rischi per la sicurezza a Zaporizhia dopo il bombardamento

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 nov 2022 – 19:24

Vienna, 21 novembre (EFE). – L’Agenzia internazionale per l’energia atomica ritiene che, nonostante il grave bombardamento della centrale elettrica ucraina di Zaporizhia, non vi siano “immediati problemi di sicurezza”.

“Le condizioni delle sei unità del reattore sono stabili ed è stata confermata la sicurezza del combustibile usato, del combustibile fresco e delle scorie radioattive a bassa, media e alta attività nei rispettivi depositi”, si legge in una nota dell’agenzia per l’energia nucleare delle Nazioni Unite.

I quattro esperti internazionali della più grande fabbrica d’Europa – sotto l’occupazione russa – sono stati informati dalla direzione e successivamente ispezionati per i danni causati dagli attentati di sabato e domenica.

Gli ispettori hanno potuto constatare i grandi danni provocati dalle bombe nel complesso.

ha detto il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi, che ha rilevato la necessità di creare una zona di sicurezza intorno alla barca.

Il team dell’IAEA ha notato che non ci sono stati ulteriori attacchi all’impianto durante la notte o durante il giorno, sebbene ci siano stati bombardamenti nella vicina città di Enerhudar e nella zona industriale.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica ritiene che i bombardamenti di questi giorni siano stati i più forti da mesi, senza attribuire responsabilità a nessuno.

Esperti ONU hanno accertato danni ai serbatoi di stoccaggio, che hanno provocato “fughe non radioattive”, diversi impatti sulla strada principale adiacente ai reattori della centrale, oltre che su una rotaia e tubo dell’aria compressa e due collisioni sul tetto di un tubo ausiliario . L’edificio, tra gli altri danni.

READ  Una depressione tropicale unica verso Cuba e le Bahamas

Grossi da mesi chiede senza successo a Mosca e Kiev di istituire al più presto una zona di sicurezza nucleare intorno alla centrale.

L’impianto di Zaporizhia è attualmente sotto il controllo delle forze russe, ma le zone circostanti sono state oggetto di attacchi sin dall’inizio dell’invasione russa, il 24 febbraio, di cui ucraini e russi si accusano a vicenda. EFE

lp/psh

� EFE 2022. La ridistribuzione e ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA