Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Algeria accetta un contratto di gas italiano per 4.000 milioni di dollari

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 lug 2022 – 14:50

Algeri, 18 lug. (EFE) .- Il presidente algerino Abdelmadjid Debon ha annunciato in Algeria che domani sarà firmato un accordo del valore di 4.000 milioni di dollari “permetterà all’Italia di fornire una quantità molto significativa di gas naturale”.

“Domani verrà firmato un importante accordo con le società americane, italiane e francesi ‘Occidental, Eni e Total'”, ha annunciato Tebboune durante una conferenza stampa congiunta con il premier italiano Mario Draghi.

Il presidente algerino ha voluto rinnovare il suo “progetto amico Presidente Draghi”, che l’Italia sia uno dei “fornitori di energia solare e convenzionale in Europa”.

Il Paese nordafricano ha soppiantato la Russia come principale fornitore di gas dell’Italia, cercando di ridurre ulteriormente la sua indipendenza da Mosca.

Draghi, in visita ufficiale ad Algeri per partecipare al IV Vertice Intergovernativo Italo-Algerino, ha confermato “una partnership privilegiata” nel settore energetico.

L’Algeria è diventata negli ultimi mesi il principale fornitore di gas del nostro Paese” e l’annuncio di 4.000 milioni di metri cubi di gas degli ultimi giorni indica contratti e “un’accelerazione rispetto alle forniture precedenti” nei prossimi anni.

L’Algeria, già importante partner commerciale di Roma, sarà rafforzata dalla firma di martedì di un accordo che aumenterà le forniture di gas attraverso il gasdotto Transmed, che raggiungerà Mazara del Vallo in Sicilia attraverso la Tunisia.

La società algerina di idrocarburi Sonatrach ha annunciato tre giorni fa che aumenterà le sue esportazioni di gas verso l’Italia a partire dalla prossima settimana con ulteriori 4 miliardi di metri cubi oltre ai quasi 14 miliardi consegnati finora quest’anno.

READ  Italia e Cuba riallacciano i legami culturali con un festival di una settimana

L’aumento è del 113% dei volumi attesi e il Paese nordafricano prevede di salire a 6.000 milioni di metri cubi entro la fine dell’anno per “rafforzare ulteriormente i legami storici” tra le due società. EFE

No/lfp/mah

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE è espressamente vietata senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA.