Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

LaLiga Santander: Il fascino della Liga: un terzo delle squadre è già di proprietà di stranieri

Dicono a Santander che Ali Syed Al Hindi ha acquistato Racing nel 2011 Ha messo sul tavolo tre milioni – e altri due dopo -, ha volato con jet privato, ha noleggiato una Mercedes bianca a Bilbao perché nella capitale della Cantabria non ce n’erano, ha alloggiato nella suite del Real Hotel, 80 metri quadrati ed enorme. Finestre con vista sulla città. La spiaggia, e finisco per cenare tutte le sere in pizzeria.

Il racconto illustra il profilo eccentrico di uno dei primi magnati degli affari esteri Che ha rivolto i suoi desideri al calcio spagnolo, quando era un mare di debiti con il Tesoro. “Ha detto che il Racing non poteva differire il debito con il Tesoro. E che stava per risolverlo. E ha pagato solo la prima rata”, rivela un agente che all’epoca era coinvolto nel calcio.

Quei tempi di Pozzo, Peterman -Ex- E i singoli personaggi hanno lasciato il posto a un panorama completamente diverso. Ci sono ancora situazioni inadeguate per un presidente o un direttore generale, come la tendenza di Abdullah bin Nasser Al Thani, l’ex proprietario dell’impiccione Malaga CF, a rivolgersi ai social network per sciogliere i rancori portati dalle grandi società in altri stadi, ma per tutti c’è l’immagine della serietà.

“Tutto è diventato più professionale e ha un doppio effetto. Poiché più professionale è il settore, maggiore è l’interesse per i fondi di investimento e più fondi, più professionale sarà il settore. È un feedback”, afferma Carlos Kant, CEO di SPSG Consulting, ricercatore nello studio degli investimenti sportivi per grandi gruppi.

Principalmente contratti firmati per i diritti di trasmissione televisiva Dal 2014 hanno cambiato il panorama calcistico spagnolo e quello internazionale. La fine dei numeri rossi, uno scenario in cui lo sport non si sentiva a disagio per la riluttanza del potere popolare che Celta e Siviglia dimostrarono nell’agosto 1995 di non scendere, scaldò l’umore degli investitori che andarono allegramente al mercato.

Nel giro di due anni, Alcorcon, Valencia e Maiorca furono vendute due volte; Espanyol e Granada. il gruppo Dalian Wanda è diventata azionista dell’Atltico de Madrid acquistando il 20 percento dei titoli per 45 milioni di euro, di cui si è sbarazzata da allora. Segui la politica dettata dal governo cinese per disinvestire nello sport. Successivamente, fu la regione del Golfo Persico ad interessarsi alla concorrenza spagnola. Il Qatar ha investito nel semplice. L’Emirates, tramite il dispositivo del Manchester City, è diventato un club legato al Girona…

Javier Gómez ammette: “Quelli che vengono ora sono gruppi seri”, Direttore Generale della Liga. “Non devi fare un lavoro di ricerca come prima perché la sua solvibilità è ben nota. Il processo di ammissione per legge dipende dal Consiglio Supremo dello Sport. Quello che riceviamo qui sono molti investitori interessati al calcio spagnolo, ma è inoltre non è chiaro dove vuoi investire Li aiutiamo negli studi precedenti. Tutti sono rimasti sbalorditi dal fatto che siamo passati dalla vendita di diritti TV per 840 nel 2013 a farlo nel 2020 per 1.600, quasi il doppio. Ci chiedono quale sia la strategia che stiamo seguendo, come è strutturato il settore e le sottigliezze stesse”.

controllo economico

In questo studio preliminare ivi contenuto, salvo espressa autorizzazione, l’entità guidata da Javier Tebas non può rivelare i club in vendita, questioni come le autorizzazioni vigenti presso gli impianti sportivi o le normative richieste nelle trasmissioni anche in casi specifici, come il rapporto con i politici locali o i media. “Senza dubbio, l’aspetto stellare è una questione di controllo economico. Quanto possono investire nei giocatori, se sono autorizzati a raccogliere capitali e fino a che punto si spinge la supervisione della LaLiga in alcune decisioni”, aggiunge Gomez.

Chiediamo solo di rispettare la storia e le idiosincrasie dei club

Jos Manuel Mateos (Responsabile di United Hobbies)

“Questi investitori stanno arrivando grazie a quel controllo tanto necessario”., ammette Jose Manuel Matthews, presidente di United Hobbies. “Sarebbe ingenuo pensare che il calcio debba essere tutelato nell’economia locale, soprattutto dopo la nascita delle società per azioni nel 1992. Vi chiediamo solo di rispettare la storia e la privacy dei club. Sta agli hobby, insieme alle pubbliche amministrazioni, farsi garante di questo. Ma siamo in un mercato aperto e il campionato è attraente perché ha dei club redditizi. Beh, in realtà era il calcio prima, ma sarà sicuramente gestito male”.

Da Ronaldo a Peter Lim

L’identificazione con il proprietario non segue uno schema comune. Ad una estremità ci sarà Ronaldo con Valladolid, il cui arrivo, nonostante la retrocessione, ha emozionato la città. All’altro capo della chiamata c’è la figura di Peter Lim, il magnate asiatico degli affari che ha dovuto vedere come i tifosi del Valencia sono scesi in piazza per chiedere le sue dimissioni e che in autunno dovrà affrontare tre cause legali considerando che ha sopportato la squadra in bancarotta. Nell’ultimo anno fiscale, il Valencia ha annunciato perdite per 50 milioni.

La rete aziendale del calcio è una miscela di formule. Non possono essere divisi in cinque gironi: “Squadre tradizionali con struttura manageriale facente capo ai soci (Real Madrid, Barcellona, ​​Atletico, Osasuna); società con base 50% + 1 che appartengono a un titolare con alcune eccezioni… che appartengono ad una società (es. Bayer Leverkusen), quelle appartenenti a persone fisiche ma rappresentate da persone giuridiche (Espanyol), quelle quotate in borsa (Ajax, Benfica…) e quelle società con sport individuali, proprietari o meno di più società .

A quest’ultimo gruppo appartiene il gruppo Orlegiacquisita questa estate dallo Sporting de Gijn. Aveva già quattro club in Messico, incluso il Santos Laguna. È stata un’altra estate intensa in cui è entrato anche il gruppo di investimento guidato dall’uomo d’affari americano di origine cubana, Jorge MS, che è anche co-protagonista con il direttore dell’Inter Miami David Beckham. Lo scambio è stato di 74 milioni: 60 per chiudere il debito del Mao Club. Questo è il terzo tentativo di acquisto dopo due tentativi frustrati da parte di altri gruppi di investimento.

Non sappiamo l’esatto prezzo di vendita. Questo è un accordo tra l’acquirente e il venditore. A volte si affidano a grandi studi legali in Spagna, ea consulenti… ad agenti specializzati”, ammette Gomez, che parla di club con i denti più dolci di altri”. Essendo un sindacato aperto, corri il rischio di evaporare. La più grande, senza dubbio, è la discesa dal Secondo al Primo RFEF. Il nostro unico meccanismo è aiutare ad arrivare laggiù. Ecco perché gli investimenti più ragionevoli sono nel primo ordine o con i primi decimi di secondo in termini di storia e fatturato, dove il rischio di ribaltamento è minore. Tutto sommato, è una risorsa molto redditizia in cui la cosa peggiore che può succederti è rimanere quello che sei.

L’esempio è Espanol. Rastar Group (Chen Yansheg) ha acquisito il 56% delle azioni tra il 2015 e il 2016. 50 milioni erogati. L’anno successivo, ha rifiutato un’offerta di $ 100. In totale ha investito circa 210 milioni. Fin dalla primavera si parlava che potesse essere venduto a un gruppo americano per 300. È stato anche sostenuto da Turki Al-Sheikh, il ministro saudita dello spettacolo, che ha acquistato Al-Mira nel 2019 per 20 milioni di euro e che ha fornito una lussuria. Un’auto in ogni partita dei Giochi del Mediterraneo. Solo con l’aggiornamento alla prima classe l’ha spento. Il club con il minor numero in televisione nella stagione 2021-22 ha guadagnato 46,8 milioni.

Questo particolare cambiamento di latitudine è il più recente nel mercato spagnolo. Come Saragozza, Legans è stato venduto al gruppo americano Blue Crow Sports, di Houston, dove il calcio non è una religione. “È un processo naturale che è già stato visto nel PM”, afferma Gemeez. “Nel co-marketing sono con noi da 25 anni e questo ha dato loro un vantaggio. Ora, il senso del marchio e la serietà di LaLiga stanno raccogliendo i frutti. Gli investitori sanno che la storia può ripetersi come ha fatto in Inghilterra. Ci riconoscono un valore serio, crescente e paragonabile a quello che è successo lì”.

Ci saranno più vendite?

– “C’è appetito”, come si dice dalla Lega.

READ  Sei Cubs serie di addio a Wilson?