Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’allarmante situazione del colera ad Haiti

Il dottor Ginti Fils Exalos, portavoce del Ministero della Salute, ha ammesso a una radio locale che la malattia non può essere adeguatamente combattuta se le persone non credono che esista.

Ha anche ammesso che, a causa del contesto sociale e politico, i mezzi di intervento delle autorità sono imitati, ma svolgono attività in vari campi come la sorveglianza epidemiologica, la sensibilizzazione e l’assistenza medica.

Il colera è comparso per la prima volta il 1 ottobre ad Haiti in mezzo a un blocco del principale terminal petrolifero, che ha limitato il lavoro di ospedali, impianti di depurazione dell’acqua, fabbriche, produttori di ossigeno e persino la stessa pubblica amministrazione.

Da quella data, le autorità hanno identificato 8.257 casi sospetti, inclusi 791 casi confermati, mentre 7.228 persone sono state curate nei centri sanitari.

Inoltre, sono stati segnalati 101 decessi nelle strutture sanitarie e altri 54 a livello di comunità, compresi i decessi nella Prigione Nazionale, la più grande prigione di Haiti situata nella capitale.

Otto dei 10 dipartimenti sono colpiti dalla malattia, anche se l’Occidente ha ancora di gran lunga il maggior numero di casi.

In questo dipartimento sono stati segnalati 3344 casi sospetti nel comune di Port-au-Prince, 1470 a Cité Soleil, 875 a Carrefour, 541 a Pétion-Ville, 176 a Tabaré, 146 a Croix-de-Bouquet e 102 a Petite – Goâve, 54 a Ganthier e 48 a Kenscoff.

Fils ha affermato che i bambini di età compresa tra uno e quattro anni costituiscono la fascia di età più registrata, seguiti dai giovani di età compresa tra 20 e 29 anni.

L’epidemia ha ravvivato vecchie ferite nella nazione caraibica colpita dalla malattia nel 2010 e di conseguenza sono morte circa 10.000 persone e più di 800.000 sono state contagiate.

READ  Cuba rifiuta di espellere la Russia dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite | Notizia

M/Ann