Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’allentamento delle pressioni sui prezzi aumenterà le speranze, ma può influire sull’euro?

  • L’indice armonizzato dei prezzi al consumo della zona euro dovrebbe aumentare del 9,7% su base annua a dicembre.
  • Sembra improbabile che l’IPCA nell’UE influenzi il corso della politica monetaria della BCE.
  • L’EUR/USD si sta consolidando vicino ai massimi di più mesi, con i rialzisti dell’euro in stallo.

Eurostat pubblicherà un file Indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) Eurozona dicembre venerdì 6 dicembre alle 10:00 GMT. Le pressioni sui prezzi dovrebbero allentarsi ulteriormente dopo essere aumentate del 10,6% su base annua nell’ottobre 2022 e È aumentato a un tasso annuo del 9,7% nell’ultimo mese dell’anno. Ma, L’IPCA sottostante dovrebbe mantenersi stabile al 5%. in dicembre.

inflazione nell’eurozona È in aumento da giugno 2021, poiché il mondo si è lasciato alle spalle la prima fase della pandemia di coronavirus e la ripresa economica ha portato a colli di bottiglia globali e problemi alla catena di approvvigionamento con la ripresa dei consumi. A metà del 2022 sono emersi segnali di condizioni di mercato più stabili che, insieme a politiche monetarie restrittive, hanno portato a un aumento dell’inflazione tra le principali economie nell’ultimo trimestre dell’anno.

I dati macroeconomici europei rilasciati prima dell’IPCA UE sono stati molto incoraggiantiFa Lo IAPC della Germania è salito del 9,6% su base annua a dicembre, molto meno dell’11,3% registrato a novembre.. In Francia, l’inflazione è aumentata del 7% su base annua, anch’essa al di sotto del massimo storico.

Inflazione e Banca Centrale Europea

Il peggio della crisi inflazionistica dell’Eurozona sembra tuttavia essere superato Cosa significa questo per la Banca centrale europea (BCE)?

La Banca centrale europea si è unita al carrozzone in ritardo e in modo prudente, il che significa che I tassi di interesse europei hanno ancora molta strada da fare. In effetti, le pressioni sui prezzi si sono attenuate grazie al miglioramento dei prezzi dell’energia, ma secondo la BCE è probabile che l’inflazione sottostante dei generi alimentari e le pressioni sui prezzi in tutta l’economia persistano per un po’ di tempo. accanto a, L’inflazione potrebbe diminuire, ma rimane ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della banca centrale..

READ  Il prezzo del bitcoin supera $ 50.000

Presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagardesorpreso dalle sue parole da falco dopo la riunione di politica monetaria di dicembre, rilevandolo “Naturalmente” ci sono altri aumenti di prezzo sul tavolo. Pertanto, mentre l’allentamento dell’inflazione è un segnale economico incoraggiante, non avrà alcun impatto specifico sulle prossime decisioni della BCE.

Prospettive tecniche per la coppia EUR/USD

il marito EUR/USD È aumentato tra settembre e dicembre, raggiungendo il livello più alto in diversi mesi 1.0735, quindi lo slancio positivo è stato perso, ma soprattutto consolidato. Il ritracciamento di Fibonacci del 23,6% del rialzo menzionato fornisce un forte livello di supporto stabile nella tendenza al ribasso 1.0450troppo lontano dal prezzo attuale per essere rilevante, ma comunque un livello di cui gli operatori di mercato si preoccuperanno.

Nel frattempo, il ritracciamento di Fibonacci del 61,8% del calo annuale del 2022 si trova a 1.0740, appena sopra il massimo di dicembre e consolidando l’area di resistenza. Finché la coppia rimane al di sotto di questo livello recente, il trend rialzista dell’ultimo trimestre dell’anno precedente continuerà a fermarsi. Tuttavia, affinché i ribassisti prendano il controllo della coppia EUR/USD, dovrebbero almeno superare il ritracciamento del 38,2% del rally di settembre/dicembre in 1.0275che è uno scenario alquanto improbabile.

L’allentamento delle pressioni sui prezzi nell’eurozona sarebbe benvenuto, ma non sorprendente. D’altra parte, se i dati sull’inflazione sono superiori alle attese, anche superiori al 10%, gli operatori di mercato probabilmente si affretteranno a scontare una stretta monetaria più aggressiva da parte della BCE, che finirà per avvantaggiare l’euro a breve termine.