Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’amaro ritorno di Curry – AS.com

Non tutti i sogni ritornano, non importa quanto alone esposto abbiano nell’NBA. Stephen Curry è tornato in azione dopo 11 partite con un infortunio alla spalla in una sconfitta totale per i Warriors, al Chase Center e davanti a un pubblico che aveva un obiettivo e giustificato desiderio di rivedere il loro grande eroe attivo. Ma non ci fu fortuna: contro alcuni soli pieni di vittime (atrocità: Devin Booker, Chris Paul, Cameron Payne, Cameron Johnson, DeAndre Ayton e Landry Shamet), i locali sono improvvisamente caduti nonostante un punteggio finale leggermente ristretto (115-123), ma alla fine, contro un avversario debole e nelle ore basse combattendo non affondare del tutto In attesa dell’enorme numero di infortunati, visto che dovrebbe essere nuovamente disponibile per raddrizzare una stagione che per loro è diventata molto complicata: 21-21, 7° a Ovest e con appena una partita da assicurarsi. giocando dentro.

La vittoria a Golden State è una boccata d’aria fresca per Monty Williams, che ha recuperato 19 punti di vantaggio nell’ultimo periodo (79-98) e ha saputo reagire. Infatti, in nessun momento ha dato ai Warriors la sensazione di rimontare nonostante siano arrivati ​​a 10 (103-113) a poco più di 3 minuti dalla fine e a 6 (111-117) a 1:28 dalla fine. Quelli dell’Arizona hanno dominato l’attacco e tentato la rinascita finale di una squadra spinta da una folla che voleva vedere un miracolo dell’ultimo minuto, ma nessun premio era possibile ei Suns hanno sigillato, con qualche difficoltà ma del tutto meritata, una vittoria che placa gli animi coraggiosi di una serie che voleva, nei suoi spalti e in posizione, gioire del ritorno del figliol prodigo. Il ragazzo che, ricordiamo, prima del suo infortunio, aveva una media di 30 punti, 6.6 rimbalzi e 6.8 assist, ha lottato per MVP e ha portato la sua squadra a un record ottimistico quando erano al loro peggio: 14-15, 14-12 quando la base era attivo.

READ  LaLiga Santander: Rayo Vallecano - Atltico de Madrid: programma e dove vedere LaLiga 29 in TV

Le tre sconfitte nelle tre assenze di Curry in quelle prime 29 partite furono minacciose per i Warriors, che sarebbero rimasti senza di lui a tempo indeterminato. Tuttavia, hanno reagito: la rimonta di Klay Thompson e il record di 6-5, con cinque vittorie consecutive, hanno dato speranza a una squadra che era scomparsa nel gennaio dello scorso anno e ha finito per ottenere l’anello. Nessuno dimentica: le finali della conferenza sono molto economiche in Occidente e i Warriors sono vecchi cani con più di un proiettile rimasto e pronti a giocare il loro miglior gioco quando arriva il momento critico. E alla fine: quale squadra non avrà le gambe traballanti quando avrà davanti a sé Curry, Clay e Draymond Green?

C’è ancora molto da fare. Curry, che ha giocato proteggendosi la spalla sinistra, è arrivato a 24 punti, ma era 8 su 22 dal campo. Clay è andato a 29 punti e Jordan Paul a 27 dalla panchina. Produzione insufficiente contro alcuni soli toccati di bastone (14 su 31 in triplo, oltre il 45%) e che hanno avuto cinque giocatori sopra i dieci punti, tre dei quali segnati in 20:26 da Mikal Bridges, e 21 da Duane Washington Jr. . E 22 (con 7 rimbalzi e 4 assist) per Damion Lee che ha fatto parte dei Warriors la scorsa stagione e che ha ricevuto l’anello iridato da Stephen Curry. Una partita che ha avuto il predominio di alcune acclamate vittorie e rimonte dei Suns, quella dello stesso Curry, che deve dare ai Warriors una regolarità, con o senza regola, che finora gli è mancata. vedremo.