Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ambasciatore designato peruviano riconosce la democrazia in Venezuela – Prinsa Latina

“La nostra posizione partigiana è che il Venezuela è una democrazia”, ​​ha detto in un’intervista trasmessa a una radio ostile al governo di quel Paese e alla normalizzazione delle relazioni diplomatiche che si sono realizzate ieri, quando è stato riferito che i due governi nominati ambasciatori per ciascuno.

La notizia ha suscitato indignazione nel settore politico e dei media di destra che ha chiesto la conservazione dell’allontanamento virtuale iniziato nel 2017, quando l’allora governatore del Perù, Pedro Pablo Kuczynski, ha ordinato il ritiro definitivo del suo ambasciatore a Caracas e in seguito il L’espulsione del venezuelano da qui. .

Ero alle elezioni del 2018 in Venezuela. Stavo guardando le elezioni e si sono svolte in modo trasparente e calmo”, ha detto Rojas, aggiungendo che “finché c’è il legislatore, c’è chiaramente democrazia”.

Riguardo alla sua nomina, ha affermato che il presidente Pedro Castillo lo ha informato direttamente 12 giorni fa.

D’altra parte, Rojas ha indicato che uno dei suoi compiti principali che svolgerà a Caracas, dove spera di essere nelle prossime settimane, è quello di facilitare il ritorno volontario dei migranti venezuelani che si trovano in Perù, la maggior parte dei quali si trova in un situazione precaria. Termini.

“Sono circa 60.000 i venezuelani registrati per tornare nel loro Paese”, ha detto, giusto in tempo per stimare che con la normalizzazione dei rapporti, che durano da più di quattro anni solo a livello consolare, alcuni migranti sono desiderosi di tornare in patria.

D’altra parte, il parlamentare Guillermo Bermejo, del partito di governo Peru Libre, ha accolto con favore la normalizzazione della diplomazia peruviano-venezuelana e ha commentato con gioia che “la democrazia dei popoli sovrani è iniziata”.

READ  I talebani guadagnano terreno nel Panjshir, avverte Washington del pericolo di guerra civile

Il legislatore progressista Sigrid Bazin ha concordato con la misura, che ha ritenuto realistica perché indicava il riconoscimento del vero governo del Venezuela, e ha indicato che era giusto mantenere le relazioni con tutti i paesi, a prescindere da possibili disaccordi.

D’altra parte, il ministero degli Esteri ha spiegato che la decisione “viene in risposta allo sviluppo del processo politico venezuelano e al riconoscimento reciproco come legittimi interlocutori” tra il governo venezuelano e l’opposizione, che attualmente sta conducendo un dialogo in Messico.

Ha aggiunto che la normalizzazione “ci consentirà di servire meglio i nostri cittadini residenti, cercare una soluzione alla situazione umanitaria dei cittadini venezuelani in Perù e tenere il passo con gli sforzi del popolo venezuelano, con il sostegno della comunità internazionale, per risolvere i loro problemi , in modo sovrano».

m/signora