Dicembre 7, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’America Latina aumenta l’uso della criptovaluta del 40% rispetto al 2021

Foto: RT in spagnolo.

L’America Latina è diventata la seconda regione del pianeta in cui l’uso delle criptovalute è aumentato ancora di più rispetto all’anno precedente, Secondo un nuovo rapporto della società di ricerca Chainanalysis. La società ha condotto uno studio sul volume delle transazioni di criptovaluta in diversi paesi e regioni del mondo. Lo studio analizza il periodo compreso tra luglio 2021 e giugno 2022 e comprende 154 paesi.

La regione Medio Oriente e Nord Africa (MENA) appare nel rapporto come una regione e in cima alla lista. In questa vasta area, le transazioni in criptovaluta sono aumentate del 48% nel corso dell’anno. L’America Latina è al secondo posto con un aumento del 40%. Il Nord America si è classificato terzo, con una crescita del 36% nell’uso della criptovaluta. La regione con l’incremento minore è l’Asia orientale, con solo il 4%.

In termini di transazioni totali in criptovaluta, l’Europa (esclusi i paesi dell’Europa orientale) è il luogo in cui avviene la maggior parte delle transazioni 21,9% del volume globale. Le seguenti aree sono Nord America con il 19%; e l’Asia centrale e meridionale e l’Oceania con il 15,8%. L’America Latina rappresenta solo il 9,3% del volume globale.

Gli analisti hanno anche creato un indicatore per i paesi sul livello di adozione della criptovaluta. In cima alla lista ci sono Vietnam, Filippine, Ucraina, India e Stati Uniti. La Russia è al 9° posto, la Cina al 10° e la Spagna al 34°. In fondo alla classifica c’è l’Afghanistan, dove l’uso delle criptovalute è severamente vietato. L’anno scorso, questo paese si è classificato 20°.

READ  Il Congresso del Perù decide se votare la fiducia al governo Castillo

Tra i paesi dell’America Latina, solo il Brasile era tra i “top ten” della lista, classificandosi settimo. Argentina, Colombia ed Ecuador sono rispettivamente al 13°, 15° e 18° posto. Tra i principali paesi dell’America Latina, il Messico è al 28° posto, il Perù al 35°, la Bolivia al 42° e il Cile al 56°.

Lo studio indica anche che l’adozione globale delle criptovalute ha raggiunto il suo limite Attualmente il livello più alto di sempre Nel secondo trimestre del 2021. Da allora si è mosso a ondate, calando nel terzo trimestre del 2021 a causa del calo dei prezzi delle criptovalute, e rimbalzando nel quarto trimestre anche con i prezzi.

Nei primi due trimestri del 2022, l’uso delle criptovalute è nuovamente diminuito quando le criptovalute sono entrate in un mercato ribassista. Tuttavia, l’adozione globale è al di sopra dei livelli del 2019, in vista del mercato rialzista delle criptovalute del 2020, osserva il rapporto.

(preso da RT in spagnolo)