Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’amministratore delegato della Volkswagen si aspetta tagli e licenziamenti senza precedenti nella sua storia

L’amministratore delegato della Volkswagen si aspetta tagli e licenziamenti senza precedenti nella sua storia

L’azienda è impegnata in un piano di risparmio di 10.000 milioni di euro nel passaggio ai veicoli elettrici

“Con le numerose strutture e processi di cui disponiamo e i costi elevati, Non possiamo più competere Come il marchio Volkswagen.” Questa frase è stata detta da Thomas Schäfer, amministratore delegato del gruppo Volkswagen, in uno dei canali interni dell’azienda, secondo quanto sostiene. Reutersche sono riusciti a raggiungerlo.

Il discorso ruota attorno al piano di risparmio che il gruppo automobilistico sta preparando per i prossimi tre anni, attraverso il quale mira a risparmiare complessivamente 10 miliardi di euro in costi. Tale importo passa inevitabilmente attraverso i dipendenti dell’azienda stessa.

A farne le spese saranno i lavoratori

Se l’affermazione di Schaefer era chiara, quella di Gunnar Kilian, membro del Consiglio di amministrazione delle Risorse umane, non è stata meno diretta. Secondo l’agenzia, nella stessa conversazione, Kilian aveva avvertito che “dobbiamo bastare Coraggioso e onesto Per liberarci di cose che sono duplicate all’interno dell’azienda o che sono solo un peso di cui non abbiamo bisogno per ottenere buoni risultati.

Anche se lo stesso direttore ha affermato che la maggior parte dei risparmi non sarà a carico dei lavoratori, ha cominciato a parlare di piani di pensionamento anticipato o parziale. Nella strategia precedente l’azienda prevedeva una riduzione graduale del numero di posti di lavoro. L’idea era che non avrebbero sostituito i lavoratori in pensione e che nel 2029 si sarebbero ritrovati con una forza lavoro new age.

In Emozione cinetica Rapporto che Schäfer si sarebbe rivolto ai sindacati Volkswagen nei seguenti termini: Un risparmio di 10.000 milioni di euro e un margine operativo compreso tra il 9% e l’11% da qui al 2030 “non saranno sufficienti senza… Grandi sconti. Dobbiamo anche affrontare questioni spinose, comprese le questioni relative al personale”.

READ  BNDES sostiene la produzione di biocarburanti ed elettricità dai rifiuti industriali all'interno di San Paolo

Questi nuovi tempi puntavano direttamente alla produzione di auto elettriche. L’industria avverte da tempo che sarà necessaria meno manodopera per produrli. Ford ha il futuro delle raffinerie in sospeso. I sindacati spagnoli avvertono che i numeri da “stringere la vite” aumentano Sul punto di scomparire. NIO ha appena annunciato che mira a ridurre la propria forza lavoro del 30%.

Le notizie sui problemi finanziari della Volkswagen non cessano di accadere. Nell’annunciare il piano di ristrutturazione Schaefer ha sottolineato che “il tetto è in fiamme” e che il mancato risparmio sui costi di produzione rappresenta un pericolo reale. Questi costi sono saliti alle stelle con il veicolo elettrico dell’azienda e ora hanno un problema.

A parte il fatto che la domanda di auto elettriche potrebbe essere in calo, la realtà è che Tesla o i produttori cinesi stanno danneggiando molto Volkswagen, sia in Europa che in Cina. Cambiare la rotta della Volkswagen è un tentativo di cambiare la rotta del Titanic, ma l’iceberg sembra avvicinarsi e il conglomerato automobilistico si muove molto lentamente.

Negli ultimi anni e mesi, la Volkswagen ha abbandonato il gioco su larga scala, garantendo ciò Maggiore redditività Le sue auto erano ideali per i suoi interessi commerciali. Il problema è che, pur passando all’auto elettrica, questa non riesce a raggiungere la tanto attesa redditività. Minacciando addirittura l’idea di abbandonare la battaglia delle auto elettriche a buon mercato.

Mentre le piccole battaglie nella grande guerra delle auto elettriche si infiammano, Volkswagen ha avuto un grosso problema nello sviluppo delle sue piattaforme, un’architettura estremamente complessa in un momento in cui il risparmio sui costi è fondamentale. Questa situazione ha causato molti ritardi e ha spinto l’azienda a rinunciare al suo ex amministratore delegato e cercare aiuto in Cina, dove ha acquistato una piattaforma per la vendita di modelli Audi e ha investito in XPeng.

READ  Grano sotto forma di token, crediti a "senza banca", identità digitale decentralizzata... Blockchain e interruzioni del metaverso in sei progetti pluripremiati

La complessa strategia della piattaforma ha messo Cariad, una società dedicata esclusivamente allo sviluppo di software per loro, sotto i riflettori per il risparmio sui costi, e si parla già di ridurre la sua forza lavoro con un massimo di 2.000 licenziamenti.

Come ha affermato Gunnar Kilian, non è stato stabilito che le vittime siano direttamente collegate a Karyad, ma non sembra che alla fine rimarranno lì. Bisogna tenere conto che alcuni rapporti indicavano che Volkswagen aveva bisogno di 30 ore per produrre la ID.3, mentre Tesla aveva bisogno solo di 10 ore per produrre la Model 3. Una differenza di tempo basata su un processo più automatizzato e sulla sua Giga Press, che ha un impatto diretto sui costi di produzione. Tesla vuole anche assicurarsi di poter continuare a ridurre questi costi in futuro, aumentando così il margine per abbassare i prezzi.

A Chataka |

Foto | Volkswagen