Gennaio 31, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’anno in cui iniziamo a dire addio alle password

Il 2023 sarà l’anno in cui inizieremo a dire addio alle password? L’industria di Internet ha già una soluzione in atto. Uno dei principali trend per i prossimi mesi è legato alla possibile realtà mista degli occhiali Apple. La fine del 2022 è stata segnata anche dall’emergere di ChatGPT, un bot conversazionale in grado di superare molti dei limiti che l’Intelligenza Artificiale (AI) aveva finora e che ci pone di fronte a nuove sfide. Nel corso dell’anno, l’informatica del futuro e l’informatica quantistica promettono nuovi progressi nei laboratori.

La chiave sarebbe la biometria

Nel 2013 è stata costituita la FIDO (Fast Online Identity) Alliance, un’associazione del settore Internet che ha rafforzato gli standard di identificazione per aggirare le password. Android, Windows, iOS e MacOS supportano già le passkey, che sono un nuovo tipo di chiave di identificazione. Più di 40 servizi online utilizzano già questa tecnologia. È solo l’inizio.

Lo standard FIDO è un sistema che utilizza un identificatore biometrico come un’impronta digitale o uno scanner facciale e genera una chiave pubblica, che è la chiave memorizzata da un servizio Internet, e una chiave privata, che non lascia mai il portachiavi del dispositivo. L’hacking di un servizio online non aiuterà i criminali, perché non avranno in alcun modo accesso alla chiave privata. Per identificarsi su un dispositivo sprovvisto di biosensore, come avviene ad esempio per la maggior parte dei computer desktop, un codice QR scansionato con un cellulare consentirà di effettuare l’operazione. Sì, il telefono sarà più onnipresente.

Alcuni occhiali per vedere di più

READ  Microsoft afferma che Sony e PlayStation hanno bloccato il rilascio di Final Fantasy VII Remake e Bloodborne su Xbox

La tecnologia della realtà aumentata non è una novità, ma quest’anno potrebbe avere una spinta finale grazie agli occhiali che Apple può offrire – di cui ci sono diversi indizi – accompagnati da un sistema operativo completo da utilizzare con ogni tipo di applicazione modificata. Sarà Apple, come è successo in altri settori, a trovare il dispositivo che lo renderà popolare?

Il concetto di realtà aumentata

Yagi-Studio/Getty Images/iStock Photo

A differenza del metaverso futuristico che Mark Zuckerberg spera di costruire in circa 10 anni, l’obiettivo di Apple è che le sue cuffie siano utili (e utilizzabili) nel mondo reale di oggi, offrendo strati di informazioni su ciò che si trova di fronte all’utente e molteplici utilità. Il CEO dell’azienda, Tim Cook, ha menzionato in più di un’occasione che questo tipo di tecnologia è così utile che un giorno ci chiederemo come potremmo sopravvivere così a lungo senza di essa.

La macchina finge di essere un essere umano.

Se finora la maggior parte dei robot IA con cui potevi parlare sembrava programmata per presentare solo la parvenza del pensiero umano, una macchina esibisce ora una capacità di ragionamento molto maggiore, al punto che è difficile distinguerli da una persona.

ChatGPT è di OpenAI, che ha Elon Musk tra i suoi fondatori e utilizza un’intelligenza artificiale chiamata GPT-3.5, addestrata su 500.000 milioni di parole di testo Internet, Wikipedia e varie pile di libri. Il risultato sono enormi capacità di risoluzione dei problemi che sono versatili e stratificate in complessità. Il sistema può risolvere la stessa programmazione software della scrittura di una poesia sull’argomento e lo stile desiderati.

READ  Il sistema solare può essere circondato da un tunnel magnetico - Prensa Latina

Immagine concettuale dell'intelligenza artificiale

Immagine concettuale dell’intelligenza artificiale

Chris Georgiou – iStock

Una delle grandi domande sollevate da queste funzionalità di ChatGPT è se trasformeranno o addirittura sostituiranno intere professioni data la possibilità che uno strumento con queste caratteristiche dovrebbe apparentemente fare bene quello che fanno molti umani. Ad un certo punto in un futuro non troppo lontano arriverà GPT-4. Questa rivoluzione scende quasi senza preavviso e devi iniziare a prepararti per come cambierà il mondo.

Un passo avanti nel calcolo del futuro

I computer stanno diventando più potenti e veloci, come risultato della miniaturizzazione dei processori, che includono sempre più transistor, ma questa diminuzione delle dimensioni ha dei limiti spaziali. La soluzione per andare avanti un giorno sarà il calcolo quantistico. Mentre l’unità classica si basa su unità di informazione, i bit, che hanno due possibili stati, uno e zero, nel quanto, l’unità fondamentale è il qubit, che può avere due stati contemporaneamente. Ciò consente calcoli più complessi e aiuta a risolvere problemi in pochi secondi che richiederebbero anni utilizzando l’informatica tradizionale.

Alla fine del 2022, IBM ha introdotto un processore quantistico a 433 qubit. Se tutti i suoi possibili stati fossero rappresentati dal calcolo classico, usando uno e zero, questo chip conterrebbe più di quanti siano gli atomi nell’universo. I progressi di questa azienda, di Google e di altri nella realizzazione di sistemi di calcolo quantistico affidabili e stabili stanno compiendo progressi sempre più importanti e quest’anno ci saranno nuovi traguardi. È una corsa lunga, ma nel 2023 si continueranno a gettare le basi.

Leggi anche

READ  F-Zero X (N64) arriva su Nintendo Switch Online: data confermata