Marzo 20, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Laporta è tornato in città, dove non è stato riconosciuto

Il 29 aprile 2008, Joan Laporta ha assistito dall’area di rigore all’Old Trafford mentre il Barcellona ha gettato via la stagione perdendo nella semifinale di Champions League contro il Manchester United. E perdere l’unica tabella di riscatto lasciata dalla squadra. Sono stati giorni difficili per il presidente che In quel momento ha vissuto il momento peggiore del suo stato. Gli hanno solo fatto una mozione di sfiducia, il comportamento delle stelle con Ronaldinho al timone sarebbe stato poco professionale e il progetto di Rijkaard si sarebbe concluso con un passaggio al Real Madrid al Bernabéu.

Tra queste circostanze, il capo blaugrana si è recato a Manchester tra le polemiche e si è notato lo stato di nervosismo che stava vivendo nella città inglese. La mattina della partita è stato coinvolto in un incidente con un tifoso che gli si è avvicinato per strada in modo sgarbato, definendolo un “imbroglione” e Laporta ha risposto schiaffeggiandolo in faccia. che ha acceso il morale del seguace.

Di notte in campo, il presidente non ha mantenuto la calma prevista dalla sua posizione e ha protestato con rabbia contro le decisioni arbitrali.così come hanno immortalato le immagini televisive.

A scatenare la pressione su Laporta è stato un movimento di organizzatori legati a Sandro Rosell che ha portato anche all’Old Trafford striscioni che chiedevano le dimissioni del presidente. A seguito di questa tensione, settimane fa, Laporta ha pronunciato la famosa frase “Al pappagallo! Non siamo così male! Vogliono ingannare alcuni di voi che dicono di essere del Barcellona e non lo siete perché se non scrivono di Barcellona nessuno li leggerà”.

READ  Pekín estrena sus Juegos Olímpicos de invierno entre la covid e la nieve artificial | Deporta

due settimane dopo la rimozione, Joan Laporta è stato intervistato su Gol a Gol di TV3 dove gli hanno mostrato tutte queste foto, e lui ha risposto: “Non mi conosco. Stai cercando i motivi per cui. Forse è perché vivo qui da cinque anni e perché stai accumulando uno stress che a volte non riesci a gestire. Abbiamo sperimentato microfoni da sala conferenze, minacce, interrogatori, dirottamento di computer e un certo interesse nell’offuscare l’immagine che ho, e potrebbe essere tutto ciò che inconsciamente ti fa agire in questo modo. Capisco che la squadra catalana possa essere infortunata e me ne scuso. Ha un sapore molto cattivo per me. Mi dispiace molto”.

Laporta, cosa? Dopo 15 anni, sta affrontando una nuova situazione estrema a Manchester, questa volta con lo scandalo Negreira e il match di hurling, Sai com’è affrontare lo stress. Nel 2008 sembrava vacillare e affondare, ma sopravvisse a una stagione disastrosa, a un movimento di sfiducia, alle dimissioni di metà consiglio, e l’anno successivo vinse tutto per mano di Pep Guardiola.. Lì è stato riconosciuto.