Ottobre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Argentina aumenta i controlli sui cambi per proteggere le riserve della banca centrale | Economia

Una persona passa davanti a un ufficio di cambio a Buenos Aires (Argentina).Juan Ignacio Roncoroni (EFE)

occupazione Argentina, il dollaro è uno strumento di risparmio, ma anche Un termometro che riflette l’andamento dell’economia e della politica. Quando il peso scende bruscamente, gli argentini sanno che stanno arrivando problemi, in particolare i forti aumenti dei prezzi. Mercoledì la valuta statunitense è stata venduta a 104 pesos sul mercato ufficiale, ma il suo prezzo nel circolo non ufficiale ha raggiunto i 185. Questo divario di cambio porta a ogni tipo di manovra finanziaria che colpisce le riserve della Banca Centrale: in quello che fino a ottobre è stato costretto a liquidare quasi $ 200 milioni per soddisfare la domanda e mantenere il peso. Governo Alberto Fernandez Cerca di mantenere la pace del tasso di cambio almeno fino alle elezioni legislative del 14 novembre e, per raggiungere questo obiettivo con il minor esaurimento possibile delle riserve, si impegna a rafforzare ulteriormente i controlli sulla vendita di valuta estera.

Le prime misure approvate questa settimana si concentrano sugli importatori che chiedono dollari al cambio ufficiale per pagare le merci acquistate all’estero. La Banca Centrale della Repubblica Argentina (BCRA) ha deciso questo martedì di modificare l’autorità di pagamento anticipato per alcune importazioni dopo aver scoperto che da giugno i pagamenti sono stati registrati in un valore maggiore delle merci in entrata. “La misura prevista dalla BCRA è applicabile solo nei casi in cui le importazioni siano effettuate ad un valore superiore a quanto inserito e quindi interessa il 13% di esse. L’agenzia ha annunciato che la misura sarà in vigore fino al 31 ottobre e mira a bilanciare i pagamenti. con le merci che sono entrate nel paese.

READ  L'Agenzia internazionale per l'energia avverte che la transizione verso l'energia pulita è "troppo lenta" | DW

Lo scorso giugno, le importazioni sono ammontate a 5.600 milioni di dollari e i pagamenti a 5.900 milioni di dollari. A luglio la differenza è stata di altri 300 milioni, ad agosto 800 e a settembre altri 400. Alla sovrafatturazione delle importazioni esiste una pratica comune in Argentina in tempi di forte divario di cambio (consentendo alle aziende di accedere al dollaro al cambio ufficiale, molto più basso del “parallelo”), sommato agli interessi da pagare degli importatori al più presto per garantire l’attuale cambio e non essere in balia di una possibile svalutazione post-elettorale.

La seconda misura è relativa alle operazioni finanziarie nel mercato dei cambi. La grande differenza di valore del dollaro nel mercato ufficiale e parallelamente favorisce l’emergere di molte manovre di borsa attraverso le quali si possono ottenere benefici. Per questo motivo, il National Securities Exchange ha imposto nuove restrizioni martedì per frenare la pressione al rialzo nelle ultime settimane, costringendo la banca centrale a intervenire quotidianamente nelle vendite di dollari.

La SEC ha fissato un limite nominale di 50.000 a settimana per la vendita di titoli negoziabili denominati in dollari emessi ai sensi della legge locale con regolamento in valuta estera. Coloro che desiderano acquistare “dollari eurodeputati” (il processo che deriva dall’acquisto di obbligazioni è noto come pesos che vengono poi venduti in dollari) devono dichiarare di non aver gestito obbligazioni di diritto estero o altri beni in dollari negli ultimi 30 giorni e accettare di non Quindi nei prossimi trenta giorni.

“Questa decisione è stata emessa in coordinamento con BBK e il Ministero dell’Economia con l’obiettivo di contribuire a una gestione prudente del mercato dei cambi, limitando la volatilità delle variabili finanziarie e contenendo l’impatto delle fluttuazioni dei flussi finanziari sull’economia reale. All’interno del quadro dell’attuale politica economica” ricevuta dal CNV.

READ  L'inflazione colombiana è cresciuta dello 0,45% ad agosto 2021

Alla lunga lista precedente si aggiungono nuovi ostacoli, tra i quali spiccano Azioni per risparmiare dollari, uno dei meccanismi più diffusi tra gli argentini per proteggersi dalle numerose svalutazioni del peso e dall’elevata inflazione (51,4% su base annua).

A settembre, la banca centrale ha perso quasi 3,3 miliardi di dollari di riserve a causa del pagamento di oltre 1,8 miliardi di dollari al Fondo monetario internazionale e dell’intervento permanente sul mercato dei cambi. È stato il mese peggiore per le casse dell’autorità monetaria argentina da settembre 2020 nonostante controlli molto più restrittivi rispetto all’anno precedente. Il mancato ingresso di dollari dalle esportazioni agricole dopo la fine della stagione del raccolto porta sempre a pressioni sul valore della moneta nazionale in queste date, nonché all’aumento della disponibilità del peso derivante dall’aumento della spesa pubblica del stato e la sua vicinanza alla moneta nazionale. elezioni.

Iscriviti qui Alla newsletter di EL PAÍS América e ricevi tutte le chiavi informative sulla situazione attuale nella regione