Maggio 20, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Arsenal non si arrende |  gli sport

L’Arsenal non si arrende | gli sport

Non si arrende l’Arsenal, che dopo quattro partite senza vittorie ha trovato il miglior compenso possibile, una partita contro il Chelsea, la squadra che spende di più del pianeta e una delle detentrici di meno soluzioni, ed è una partita in cui disastri e le prove sono deboli perché il contendente al titolo riprenda la buona strada che ha perso. Abbastanza per concentrarsi sulla finale di campionato in cui vuole costringere il Manchester City a mantenere la sua versione migliore per riaffermare la sua permanenza nella Premier League inglese. L’Arsenal riconquista la leadership della Premier League, aggiunge 78 punti, ha due punti e ha giocato due partite in più rispetto alla squadra guidata da Pep Guardiola. se fosse Arsenale Vincere le quattro partite rimanenti (Newcastle e Nottingham in trasferta e Brighton Wolves in casa) costringerebbe il City a vincere cinque delle sei partite rimanenti per aggiudicarsi il campionato. Questo è l’obiettivo che Mikel Arteta si è prefissato. “Siamo nella parte più bella della stagione e dobbiamo godercela”, è il gentile messaggio lanciato dal tecnico dell’Arsenal.

La revisione del Chelsea ha avuto i suoi momenti difficili. Lampard, che stava per festeggiare a un mese dal rientro in squadra, aggiunge sei sconfitte, due delle quali in Champions League. Quindi vai alla disperata ricerca di soluzioni. Il suo ultimo trucco è stato quello di conferire il titolo ad Aubameyang, lo stesso ragazzo che ha lasciato l’Arsenal ammaccato dopo uno scontro con Arteta. Negli ultimi 12 giorni ha giocato a malapena tre piccoli momenti e non ha goduto della proprietà per sei mesi, ma Lampard sta già commettendo ogni tipo di miracolo per rivitalizzare una squadra di cadaveri. “In queste situazioni puoi trovare una certa motivazione”, ha giustificato il tecnico. Aubameyang è rimasto in panchina per il primo tempo, dopo aver toccato la palla nove volte nel primo tempo.

READ  Cosa dicono i giocatori della MLB dominicana del World Baseball Classic?

Due dei nove tocchi dell’attaccante gabonese sono stati sul campo avversario, fatto che rivela che la partita è andata nella direzione opposta. L’Arsenal ha giocato con il solito entusiasmo, con quello stile di gioco vivace ed eccessivo senza palla che era diventato il suo segno distintivo. E ha ritrovato il meglio di Odegaard, autore dei primi due gol a lasciare il segno al suo arrivo. Il centrocampista norvegese ha già segnato 14 gol finora in Premier League. Un calciatore non si vedeva all’esordio con una tale abilità da gol negli Emirati Arabi Uniti da quando Cesc Fàbregas ha segnato 15 gol nella stagione che ha portato a vincere la Coppa del Mondo a Johannesburg.

Madueki de Videla

Fàbregas, che trascorre le sue brevi giornate al Como italiano, ha visto lo spettacolo di Odegaard in diretta perché un canale televisivo inglese lo ha reclutato per commentare la partita. Ma resta da chiedersi se l’Arsenal eccellesse per il suo valore o per le carenze del Chelsea. Arteta ha suonato le braciole. Con Saliba, pilastro della sua difesa, ancora fuori dal campo, ha regalato minuti al neo polacco neozelandese, a causa dell’apatia di Houlding nelle ultime partite. E in mezzo al campo, Thomas ha dato una pausa per dare spazio a Jorginho. La squadra ha ripreso forza. Avrebbe dovuto colpire, ma non l’ha fatto. Dopo l’intervallo è tornato prepotente, Thiago Silva ha forzato un tiro di Gabriel sotto i bastoni, ma ha subito un gol di Madueki che sembrava un incidente, ma ha dato vita al Chelsea e ha scatenato un po’ di ansia visto che l’Arsenal è reduce dalla resa. Un gol guida Liverpool e West Ham United.

READ  ExReal Madrid accusa il presidente del Napoli di 'non assumere africani' e di 'sparare' un 'fatto indiscutibile'

Il falso allarme era come la pelliccia di Chelsea. L’Arsenal si è lasciato andare fino a tre fischi con una certa pacatezza, senza brillantezza, ma con punti. E questo mercoledì si siederà davanti alla tv per vedere se il Manchester City, che accoglie in fretta e furia il West Ham, tornerà in vantaggio. Se non lo fa, sognerà di nuovo il nord di Londra.

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook E Cinguettiooppure registrati qui per ricevere Notiziario settimanale.