Maggio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite sospende la Russia dal Consiglio per i diritti umani

Giovedì l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato la sospensione della Russia dal Consiglio per i diritti umani. La mossa arriva dopo le accuse dell’esercito russo di aver ucciso civili nella città ucraina di Bucha, che Mosca ha più volte negato.

La risoluzione è stata approvata da 93 paesi a 24, con 58 paesi astenuti.

Tra i paesi dell’America Latina, Bolivia, Cuba e Nicaragua hanno votato contro la risoluzione, mentre Brasile, El Salvador e Messico si sono astenuti. Il Venezuela non ha votato. Il resto dei paesi della regione ha sostenuto la decisione.

Tra i Paesi che non hanno appoggiato la sospensione ci sono Cina, così come Iran, Algeria, Etiopia e Kazakistan.

In una situazione simile a quella di altri paesi che hanno votato contro o si sono astenuti, l’ambasciatore cinese alle Nazioni Unite, Zhang Jun, ha chiesto un’indagine sul massacro di civili a Bucha prima che fosse presa la decisione.

Qualsiasi accusa deve essere basata sui fatti. Prima che il quadro completo fosse chiaro, il diplomatico ha esortato a moderare ed evitare accuse infondate.

Martedì, la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki e il rappresentante permanente degli Stati Uniti presso l’organismo mondiale Linda Thomas Greenfield hanno riferito che Washington sta cercando di sospendere Mosca dal consiglio in connessione con un’operazione militare in Ucraina. “La Russia non dovrebbe avere una posizione di autorità in quell’organismo, né dovremmo consentire alla Russia di utilizzare il suo seggio nel consiglio come strumento di propaganda per segnalare che ha legittime preoccupazioni sui diritti umani”, ha affermato Thomas Greenfield.

Al contrario, il rappresentante della Russia alle Nazioni Unite, Vasily Nebenzia, ha convocato lunedì una conferenza stampa per presentare la posizione di Mosca sugli omicidi di Bucha e ha descritto il fatto che Washington sta cercando di persuadere altri a sospendere l’ingresso del Paese eurasiatico nelle Nazioni Unite per i diritti umani Consiglio nonché di escluderlo da vari forum multilaterali. “Non possiamo credere a ciò che l’Occidente ei suoi alleati stanno attualmente cercando di fare”, ha detto il diplomatico. “Questo fatto non ha precedenti e non faciliterà né aiuterà ciò che sta accadendo tra Russia e Ucraina”, ha ribadito il diplomatico.

READ  Presidentes de China y Rusia acuerdan reforzar lazos estrategicos

Da parte sua, ha affermato in precedenza Stephane Dujarric, portavoce del direttore generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che l’espulsione di Mosca dal forum creerà un “precedente pericoloso”.

  • Il Consiglio per i diritti umani è un organismo intergovernativo all’interno del sistema delle Nazioni Unite, composto da 47 stati e responsabile della sua promozione e protezione in tutto il mondo.
  • La risoluzione, adottata nel marzo 2006 e la creazione del Consiglio per i diritti umani, afferma che l’Assemblea Generale ha il diritto di sospendere l’appartenenza a qualsiasi Stato se “commette violazioni gravi e sistematiche dei diritti umani”.
  • L’unica volta in cui l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha sospeso un paese dal consiglio è stato nel 2011, quando si è discusso della partecipazione della Libia, in risposta alle violenze del governo di Muammar Gheddafi contro i manifestanti in quel paese africano. Pertanto, Mosca ha sostenuto il commento
  • Il Consiglio per i diritti umani è stato oggetto di varie critiche. Così, nel 2018, l’allora ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Nikki Haley, ha definito l’organizzazione “ipocrita” per le sue “critiche ingiuste” nei confronti di Israele e ha annunciato che Washington avrebbe revocato la sua adesione, anche se in seguito ha cambiato la sua decisione.
  • Tra il 2017 e il 2019, la Russia non ha fatto parte del consiglio. Questo perché ha perso le elezioni che si sono svolte nell’ottobre 2016. Ha poi ricevuto 112 voti ed è stata superata da Ungheria e Croazia rispettivamente con 144 e 114 voti.