domenica, Giugno 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

L’Assemblea Generale estende i diritti dei palestinesi alle Nazioni Unite – Escambray

Sebbene questo passo non garantisca la piena adesione, il voto funge da sondaggio globale sul sostegno all’ottenimento di un seggio a pieno titolo da parte della Palestina all’interno del principale forum politico del pianeta.

Il progetto ha ricevuto il via libera venerdì con una maggioranza di 143 voti favorevoli, 25 astenuti e 9 contrari. (Immagine: campana)

Venerdì l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha concesso alla Palestina maggiori diritti all’interno dell’organismo multilaterale, con cambiamenti significativi al suo status, sebbene questi non equivalgano a una piena adesione.

L’approvazione della decisione di ampliare la partecipazione alle riunioni e alle conferenze dell’Assemblea generale è stata accolta con ottimismo dalla maggioranza dei membri del forum, che tuttavia hanno riconosciuto la necessità di garantire un seggio a pieno titolo e la soluzione dei due Stati come via d’uscita dalla crisi. conflitto.

Il progetto, che ha ricevuto il via libera venerdì con 143 voti a favore, 25 astensioni e 9 contrari, prevede che il Consiglio di Sicurezza conceda alla Palestina la piena adesione e conceda modifiche significative al suo attuale status di osservatore permanente.

Dopo l’approvazione, la Palestina potrà esercitare il diritto di occupare un seggio tra i membri in ordine alfabetico. Iscrizione nell’elenco dei relatori per discussioni diverse dalle questioni palestinesi e mediorientali; o rilasciare dichiarazioni a nome di un gruppo, anche tra rappresentanti di grandi gruppi.

La delegazione avrà inoltre il potere di presentare proposte ed emendamenti e di incorporarli nelle analisi, e potrà essere eletta nell’Ufficio di presidenza delle sessioni plenarie e nelle commissioni principali dell’Assemblea generale.

Altre garanzie consentiranno loro di partecipare alle Nazioni Unite e ad altre conferenze internazionali tenute sotto gli auspici dell’Assemblea Generale o di altri organismi delle Nazioni Unite.

READ  Risultati referendum Cile 2022, live | Il rigetto della nuova costituzione finisce in tutte le regioni del Paese

Questa disposizione non ha solo un valore simbolico, ma indica anche un cambiamento nel peso diplomatico della Palestina all’interno dell’intero sistema organizzativo, che sarà effettivo dall’inizio della settantanovesima sessione dell’Assemblea Generale, a metà settembre di quest’anno. . anno. .

Tuttavia, la Palestina non potrà votare nell’Assemblea Generale né presentare la propria candidatura ad altri importanti organi delle Nazioni Unite come il Consiglio di Sicurezza o il Consiglio Economico e Sociale.

Il progetto è stato discusso nel più grande forum delle Nazioni Unite dopo che gli Stati Uniti hanno bloccato con il veto la piena accettazione del progetto in seno al Consiglio di Sicurezza.

L’esercizio di questa concessione in aprile ha interrotto il processo iniziato dopo che l’Autorità Palestinese aveva chiesto di riconsiderare la sua richiesta del 2011 di rendere il suo Stato membro delle Nazioni Unite.

Quell’anno il Consiglio di Sicurezza prese in considerazione una proposta simile, ma non riuscì a trovare l’unità per inviare una raccomandazione all’Assemblea Generale, che secondo la Carta delle Nazioni Unite deve procedere ad un voto che coinvolga tutti i suoi membri.

Le procedure per l’adesione di nuovi membri includono la creazione di un comitato specializzato e la stesura di un rapporto che ritorna al Consiglio per una votazione.

Almeno nove dei quindici membri devono aderire all’aspirante partito, tra cui Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Regno Unito, i membri permanenti.

Dal 2000, solo quattro paesi hanno completato il processo per diventare nuovi membri attivi: Svizzera (2002), Timor Est (2002), Montenegro (2006) e Sud Sudan (2011).

Tuttavia, l’approvazione a stragrande maggioranza della risoluzione di venerdì sottolinea il sostegno internazionale a una soluzione a due Stati al conflitto, aumentando il riconoscimento dello Stato palestinese da parte di oltre 140 membri delle Nazioni Unite.

READ  Stanno marciando a Montevideo per i diritti dei palestinesi

Secondo gli esperti, anche se questo passo non garantisce la piena adesione, il voto rappresenta un sondaggio globale a sostegno dell’ottenimento di un seggio a pieno titolo da parte della Palestina nel principale forum politico del pianeta.

Questo desiderio ripagherebbe un debito storico nei confronti delle Nazioni Unite dopo che la cosiddetta Risoluzione di Partizione del 1947 stabilì la creazione di uno “Stato ebraico” e di uno “Stato arabo” in Palestina, con Gerusalemme considerata un’entità separata soggetta a uno speciale regime internazionale. . .

Nonostante i decenni trascorsi, dei due Stati previsti dalla suddetta risoluzione, finora ne è stato costituito solo uno: Israele.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles