martedì, Luglio 23, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

L’astronauta che ha nascosto i suoi appunti dallo spazio alla NASA ed è diventato un cacciatore di tesori | internazionale | Notizia

Quando Leroy Gordon Cooper è salito a bordo della navicella spaziale Mercury per una missione della NASA, non avrebbe mai immaginato di diventare un cacciatore di tesori. Era il maggio del 1963 e sarebbero passati sei anni prima che Liam Armstrong mettesse piede sulla luna. Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica erano nel mezzo della Guerra Fredda ed entrambi i paesi volevano dimostrare la loro superiorità nello spazio.

Con quella pressione, Cooper ha raggiunto la missione Mercury, che ha orbitato attorno alla Terra 22 volte durante il suo volo da solista. La loro missione è durata 34 ore, 19 minuti e 49 secondi e uno dei loro obiettivi era scoprire i siti missilistici sovietici vicino agli Stati Uniti. I sospetti erano forti, poiché erano passati solo sette mesi dalla crisi dei missili cubani.

Leroy Gordon Cooper nella capsula Mercury.

Ma l’obiettivo dell’astronauta era diverso. Mentre Cooper ha completato con successo la missione della NASA, ha anche fatto altre osservazioni dal veicolo spaziale. Durante il sorvolo del Mar dei Caraibi, il sistema ha rilevato anomalie, in particolare letture magnetiche che indicavano la presenza di materiale sul fondo del mare.

Distogliendo la mente dai missili sovietici, Cooper si rende conto dell’origine delle anomalie: erano naufragi, avvenuti secoli fa, e custodiscono ancora dei tesori al loro interno.

Al ritorno sulla Terra, il sito del relitto è diventato il segreto meglio custodito dell’astronauta. Le coordinate che ha annotato su un taccuino sono compilate su una mappa, che lo conduce in un viaggio in mare alla ricerca di tesori nascosti.

Tra l’Europa e l’America sono state centinaia le traversate che hanno incontrato relitti o navi affondate perse per strada a causa di tempeste, attacchi di pirati o incidenti.

READ  La NASA inizia le prove del nuovo vestito per la missione Artemis I in Florida

Cooper credeva che una delle navi da lui rintracciate in fondo al mare fosse la Santa Maria, dove Cristoforo Colombo si recò nel suo viaggio in America nel 1492. Ma l’astronauta morì nel 2004 senza realizzare il suo sogno di scoprire tutti i segreti e i tesori .

I relitti sono ancora allo stesso punto, forse in attesa che qualche altro avventuriero provi a capire la loro posizione. (IO)

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles