Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’attività commerciale cinese è cresciuta di 9,4 punti nel periodo gennaio-giugno

Secondo l’Amministrazione generale delle dogane, il volume totale del commercio estero in quel periodo è stato di 2,94 miliardi di dollari, con le esportazioni in aumento di 13,2 punti e le importazioni in aumento di 4,8 punti.

A giugno, il settore è avanzato del 14,3 per cento, che ha continuato il trend rialzista visto con l’espansione del 9,5 a maggio e ha ratificato un solido rimbalzo.

Nel quinto mese dell’anno, la Cina ha iniziato ad allentare le restrizioni, riattivare la produzione a un ritmo accelerato e normalizzare il trasporto internazionale di merci a Shanghai, suo cuore finanziario e importante centro mondiale per la circolazione delle merci.

In generale, il governo ha messo in atto diverse misure volte a stabilizzare e rilanciare l’economia e a dotarla di resilienza di fronte alle incertezze derivanti dallo scoppio del virus Covid-19 e dal conflitto tra Russia e Ucraina.

Secondo alcuni esperti, è molto probabile che le autorità procederanno con ulteriori provvedimenti con l’obiettivo di rilanciare il commercio estero durante il resto del 2022.

La Cina sta valutando un aumento del 5,5% del prodotto interno lordo quest’anno, che è uno degli obiettivi più bassi dell’ultimo decennio ma in linea con la ripresa del Paese e prevede di garantire stabilità economica di fronte alle sfide interne ed esterne.

Secondo il governo, tra le principali pressioni durante il 2022 vi sono la riduzione della domanda, l’interruzione delle catene di approvvigionamento e le deboli prospettive di crescita poiché il mondo rimane sotto il peso della pandemia, nonché il conflitto tra Russia e Ucraina.

In effetti, le probabilità di espansione del PIL per il secondo trimestre sono solo del 2,1% circa.

READ  Il Venezuela attua misure per contrastare l'impatto delle sanzioni sulla Russia

Tuttavia, le autorità hanno promesso di mantenere i principali indicatori dell’economia all’interno dell’intervallo appropriato, diversificare gli strumenti monetari, introdurre ulteriori tagli ai tassi di interesse e favorire le piccole e medie imprese in difficoltà.

ode / ymr