Settembre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’attività economica dell’eurozona frena lo slancio ad agosto | Economia

crescita attività del settore privato L’eurozona ha registrato un leggero calo ad agosto rispetto al mese precedente, sebbene sia ancora vicino ai massimi da 15 anni, secondo i dati avanzati per il PMI composito, che si è attestato a 59,5 punti dai 60,2 di luglio. da IHS Market.

Attività Settore dei servizi Il suo tasso di espansione è leggermente diminuito ad agosto rispetto al mese precedente, raggiungendo 59,2 punti dai 61,1 di luglio, il livello più basso degli ultimi due mesi, mentre in settore manufatturiero Ha rallentato a 61,5 punti dai 62,8 del mese precedente, la lettura più debole in sei mesi.

“La ripresa economica dell’Eurozona è proseguita ad agosto e il PMI è sceso solo leggermente dal suo livello più alto dello scorso luglio, portando la sua media del terzo trimestre finora al livello più alto in ventuno anni”, ha affermato Chris. Williamson, capo economista di IHS Markit.

In questo senso, ha sottolineato che nonostante il fatto che le infezioni da variabili delta abbiano causato problemi diffusi nell’area dell’euro, riducendo la domanda e creando maggiori problemi di offerta, le aziende hanno beneficiato dell’allentamento delle misure di contenimento del virus ai livelli più bassi sin dall’inizio. epidemico.

IHS Markit ha osservato nella sua analisi che i livelli di nuovi ordini ricevuti ad agosto sono rimasti tra i più alti degli ultimi due decenni, spinti dalla continua ripresa della domanda di prodotti e servizi.

Ha anche osservato che il continuo aumento della domanda e migliori prospettive grazie all’aumento del numero di persone vaccinate si è tradotto in un’ondata di ottimismo per i prossimi dodici mesi.

READ  Expoquimia, uno spettacolo per ripristinare la chimica tra fornitori e clienti | un lavoro

Nel frattempo, l’occupazione è cresciuta a un ritmo pari al massimo da 21 anni lo scorso luglio, poiché le aziende hanno ampliato la capacità in linea con la recente crescita degli ordini e le prospettive promettenti.

Nonostante un certo rallentamento della creazione di posti di lavoro nel settore manifatturiero, dovuto in parte a una carenza di manodopera, la crescita dell’occupazione nel settore dei servizi ha raggiunto il livello più alto da settembre 2018.

“I ritardi nelle catene di approvvigionamento continuano a provocare il caos, spesso causando l’incapacità delle aziende di rispondere alla domanda e aumentando ulteriormente i costi per le aziende. Questi costi, combinati con l’aumento della domanda, hanno portato a un altro aumento quasi record dei prezzi medi praticati per i prodotti e servizi, anche se ci sono alcune indicazioni positive che queste pressioni inflazionistiche potrebbero aver avuto la peggio ora”.

Tuttavia, l’esperto ritiene “inquietante” notare un certo movimento al rialzo della crescita salariale dovuto allo sviluppo del mercato del lavoro, in quanto ciò può tradursi in una maggiore inflazione.