Ottobre 18, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’autorità elettorale venezuelana afferma di poter rivedere l’accordo con l’Unione europea sul monitoraggio elettorale

Un membro delle forze armate nazionali bolivariane aspetta seduto per disinfettare le mani delle persone che vengono a votare in una finta elezione in vista delle elezioni regionali del 21 novembre per governatori e sindaci, a Caracas, in Venezuela, il 10 ottobre 2021. REUTERS/Leonardo Fernandez Filoria.

CARACAS (Reuters) – La massima autorità elettorale del Venezuela, il Consiglio elettorale nazionale, ha dichiarato domenica che i delegati dell’Unione europea hanno accettato di essere osservatori alle elezioni di novembre.

L’Alto rappresentante europeo per gli affari esteri, Josep Borrell, ha confermato la scorsa settimana che seguirà il processo di elezione delle autorità regionali il 21 novembre, in una missione che rappresenta la “più grande garanzia” per l’opposizione venezuelana. Il governo ha condannato i commenti di Borrell, dicendo che erano “interferenze”.

“Finora (…) l’Ue non ha fornito alcuna spiegazione, né ha risposto al nostro appello”, ha affermato Pedro Calzadela, presidente del Consiglio elettorale nazionale (Cne), aggiungendo che chiedono chiarimenti.

Calzadela ha affermato che dopo aver partecipato a una finta elezione organizzata dalle autorità per testare le condizioni delle squadre e le misure di prevenzione contro il COVID-19, chiediamo che l’Unione europea “non solo chiarisca, ma si scusi pubblicamente per tale aggressione contro il popolo venezuelano”. L’epidemia ha coinvolto alcuni oppositori e funzionari di governo.

Alla domanda su cosa accadrebbe se non ricevessero questa risposta dall’Unione Europea, Calzadella ha affermato che “tutto ciò che viola i principi di quell’accordo mi costringe (…) a prestare attenzione e rivedere” l’accordo, annunciato lo scorso settembre 29.

Poco fa, il presidente dell’Assemblea nazionale, Jorge Rodriguez, ha affermato che se Borrell “ha ruoli politici lì all’interno dell’Unione europea, quella è una sua prerogativa”.

READ  La Bolivia ribadisce che non accetterà un patto di silenzio sul golpe

Ma ha aggiunto che se si devono commettere atti di interferenza, “è meglio non venire”, ha aggiunto Rodriguez. “Vengono per svolgere il compito di osservare le elezioni (…) devono attenersi rigorosamente a questo”, ha detto.

La presenza della missione di osservazione elettorale dell’Unione europea, prevista per questo mese, non si verifica in Venezuela dal 2006 e si verifica in un momento in cui l’opposizione partecipa alle elezioni dei governatori e dei sindaci dopo la loro assenza alle elezioni presidenziali del 2018 e nel Elezioni presidenziali 2018. Garanzie elettorali.

(Segnalazione di Vivian Sequera. Mayela Armas Edition.)