Gennaio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le banche di Wall Street hanno previsto quattro aumenti dei tassi di interesse statunitensi nel 2022

FILE FOTO: Un cartello di Wall Street davanti alla Borsa di New York, 22 gennaio 2008. REUTERS/Chip East, USA

Di Gertrude Chavez-Dreyfus e Chuck Mikolajchak

NEW YORK (Reuters) – Alcune delle maggiori banche di Wall Street si aspettano quest’anno quattro rialzi dei tassi negli Stati Uniti, a partire da marzo, previsioni più stringenti rispetto a una settimana fa, anche se la situazione resta incerta vista la prospettiva di un allentamento dello shortage dell’offerta nell’economia e la stabilità dei prezzi al consumo.

Goldman Sachs, JP Morgan e Deutsche Bank hanno pubblicato note analitiche che prevedono che la Federal Reserve inasprirà la politica monetaria almeno quattro volte nel 2022, un valore superiore ai tre aumenti previsti dalla maggior parte degli analisti a dicembre.

Goldman Sachs ritiene inoltre che la Fed avvierà il processo di riduzione del proprio bilancio di oltre 8 trilioni di dollari, o il cosiddetto “aggiustamento quantitativo” (QT, in breve), non appena luglio.

Da parte sua, il CEO di JPMorgan Jamie Dimon ha detto lunedì alla CNBC che sarebbe sorpreso se ci fossero solo quattro aumenti quest’anno, aggiungendo che quei quattro aumenti “sarebbero molto facili da assorbire per l’economia”.

In una nota che esamina tutti e quattro i guadagni di venerdì, Deutsche ha previsto che l’economia statunitense sta mostrando ulteriori progressi verso la massima occupazione. La banca tedesca prevede che la chiusura del bilancio della Fed inizi nel terzo trimestre.

Alcuni investitori ritengono, tuttavia, che l’inflazione statunitense potrebbe avvicinarsi al picco.

“Stiamo già assistendo al calo delle perforazioni della catena di approvvigionamento e, se le condizioni non cambiano, anche senza un aumento dei tassi, prevediamo una probabile contrazione dell’inflazione nel corso dell’anno”, ha affermato Jack Aplin, chief investment officer di Cresset Capital Management presso Cresset Capital Gestione questo trimestre. Chicago.

READ  Perché i marchi più famosi del mondo stanno sperimentando gli NFT nel metaverso? di CoinTelegraph

“Questa settimana continueremo a vedere i numeri di inversione. È al punto in cui prevediamo un picco dell’inflazione. Quello che accadrà è che il ciclo naturale aiuterà la Fed, e se o se alzerà i tassi tre volte o se lo farà due anni fa, quest’anno. Non ci aspettiamo che l’inflazione rimanga così alta a lungo”.

I problemi della catena di approvvigionamento erano già evidenti in un’indagine sul settore manifatturiero statunitense pubblicata la scorsa settimana dall’Institute for Supply Management.

L’attività manifatturiera statunitense è rallentata a dicembre a causa del rallentamento della domanda di beni, dei vincoli di offerta hanno iniziato ad allentarsi e una misura dei prezzi alla produzione pagati dalle fabbriche ha registrato il calo più grande in un decennio.

L’indice nazionale dell’attività manifatturiera dell’ISM è sceso il mese scorso a 58,7, il più basso da gennaio 2021, mentre l’indicatore dei prezzi pagati dai produttori dell’indagine è sceso a 68,2 del mese precedente, il più basso da novembre 2020, da 82,4 di novembre. L’incidente di 14,2 punti è stato il più grande dall’ottobre 2011.

“I dati sull’inflazione rimarranno elevati, ma ci sono segnali che tutto sia leggermente migliorato, anche dal lato dell’inflazione salariale”, ha affermato Jim Barnes, direttore del reddito fisso presso il Bryn Mawr Trust di Berwyn, in Pennsylvania.

“Il problema è che non saremo in grado di confermarlo per un altro mese, finché non inizieremo a ricevere alcuni dati aggiuntivi su come stanno andando le cose”.

I futures del Fed Fund di lunedì riflettono circa 3,5 aumenti dei tassi quest’anno, 2,7 aumenti nel 2023 e 0,7 aumenti nel 2024.

Dalla pubblicazione dei verbali della riunione di politica monetaria della Federal Reserve statunitense di dicembre la scorsa settimana, i mercati hanno fissato il tasso di prezzo finale, o il picco del ciclo di rally, all’1,8%, secondo la visione dei futures sull’eurodollaro statunitense. Tassi di interesse a tre anni dal primo rialzo previsto a marzo, in rialzo dall’1,4% di un mese fa.

READ  Wall Street chiude positivamente dopo l'annuncio della Federal Reserve americana

Quel tasso era ben al di sotto del punto di vista della Fed sulla banca centrale statunitense al 2,5%, e ancora inferiore alla stima rivista per l’inflazione core del 2,6% per il prossimo anno.

(Informazioni di Gertrude Chavez-Dreyfus e Chuck Mikolajchak a New York; Informazioni aggiuntive di Aniruda Ghosh e Sruthi Shankar a Bengaluru; Montaggio di Alden Bentley e Krishna Chandra Eluri e Lisa Shoemaker; Tradotto da Jose Muñoz nell’ufficio di Danzica)