Dicembre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le chiavi del progetto Aston Martin e perché aspirano a vincere… nel 2025

L’obiettivo di Lawrence Stroll è raggiungere la vetta della F1 nel 2025

Le chiavi del successo: budget, strutture, personale e piloti

Fernando Alonso lascerà la “nave” alpina alla fine di questa stagione per guidare un ambizioso progetto Aston Martin. Molti fan hanno alzato le mani alla testa con questa mossa, quindi spiegheremo le chiavi della “formula” che Lawrence Stroll ha nelle sue mani per provare a vincere nel 2025.

Prima di approfondire l’argomento, va chiarito che i “piani” o i “compiti” non si costruiscono con il fumo, ma con le risorse. Credere ciecamente in qualcosa o qualcuno è legale, ma può portare alla delusione. Per vincere in F1, hai bisogno di quattro pilastri fondamentali: Soldi, utenze e personale In grado di utilizzare queste risorse per realizzare un’auto vincente… e piloticertamente.

La tabella di marcia di Lawrence Stroll è quella di vincere la stagione 2025. Al-Kindi ha detto nello show AMR22 che si tratta di un progetto quinquennale e loro sono nel secondo. Ma quale di questi quattro pilastri possiede attualmente l’Aston Martin? E per quanto riguarda il futuro? Questo è esattamente ciò che cercheremo di spiegare in questo articolo.

Conversazioni finanziarie

In Formula 1, come in ogni altro business, il fattore economico gioca un ruolo molto importante. Senza soldi, gli altri tre pilastri sono diluiti. In passato prima che si raggiungesse il limite di budget era più importante, ma oggi una squadra che vuole essere vincente deve avere almeno questi Inizialmente, il massimo era di $ 141,2 milioni.

Si è sempre detto che non vincerai in Formula 1 se non investi tanto o più dei tuoi concorrenti. Al massimo, almeno devi investire tanto quanto investi. La maggior parte delle squadre gioca in questo limite del campionato. L’Aston Martin è tra queste, senza andare oltre. Dall’altro lato della scala, una delle squadre che operavano al di sotto del limite era… le Alpi!

Ciò è diventato chiaro quando le “grandi aziende” hanno chiesto che il tetto del budget fosse adeguato a causa dell’inflazione. Inizialmente erano quattro le squadre a cui mi sono opposto: Alpine, Haas, Alfa Romeo e Williams. Queste quattro squadre, senza più soldi, avrebbero appena visto come il divario economico è aumentato rispetto al resto. Ma alla fine la FIA ha acconsentito Limite di budget aumentato del 3,1%.

Va notato che l’Aston Martin non sta vivendo i suoi momenti migliori come marchio automobilistico. Infatti, Ha chiuso lo scorso anno con perdite di circa 190 milioni di sterline. Ma il team di Formula 1 ha un buon portafoglio di sponsor – è l’unico con due “sponsor” come Aramco e Cognizant – e inoltre, a metà luglio, il Sovereign Wealth Fund of Saudi Arabia è entrato in proprietà del marchio.

Motori Aramco-Aston-Martin-Suy.  jpg

personale

Risolto il problema del denaro, le fondamenta di questa struttura poggiano sulla presenza di strutture all’avanguardia e di personale in grado di gestirla. In questo caso , Lawrence Stroll ha ordinato di costruire una nuova base per la squadra Che dovrebbe essere completato nel 2023 e che, secondo una dichiarazione dell’Aston Martin, sarà il primo impianto “intelligente” in Formula 1.

READ  Calciomercato in diretta: iscrizioni, cancellazioni, rinnovi e feedback | L'ultimo minuto di oggi

Sarà una fabbrica – la prima completamente nuova negli ultimi 17 anni in Gran Bretagna, dove rimarrà così vicino a Silverstone – e composta da tre edifici che verranno dalla mano di uno stato – per gestire una nuova galleria del vento e simulatore. Ricordiamo che il team sta attualmente utilizzando il Mercedes Tunnel.

L’intera base, con la galleria del vento e il simulatore, potrebbe non essere completamente operativa fino alla seconda metà del 2023, dopodiché la tabella di marcia di Lawrence Stroll passerà Raggiungere la vetta della Formula 1 nel 2025. Parlare del 2024 come di un anno vincente può essere troppo frettoloso e troppa pressione sulle spalle dei dipendenti che dovranno adattarsi alle nuove strutture.

Parlando dello staff, che è un altro ingrediente chiave nella ricetta del successo, va ricordato che l’Aston Martin è cresciuta in modo aggressivo negli ultimi tempi. Non solo mettono un vincitore come Martin Whitmarsh a capo delle tecnologie delle prestazioni dell’Aston Martin, ma “catturano” anche grandi team come Red Bull o Mercedes. La chiave è in cinque contratti:

  • Mike crepa: Dopo la partenza di Otmar Safnauer, l’Aston Martin ha trovato in Mike Crack garanzie di testa per il suo progetto. Con la sua esperienza in Formula 1 come ingegnere capo alla BMW Sauber e immersa anche in altri tipi di programmi di successo, come la Porsche e la 919 Hybrid, la lussemburghese vuole fare come Andreas Seidl alla McLaren e guidare il team sulla strada giusta.
  • Dan Fallows: È stato forse uno degli episodi più controversi degli ultimi tempi quando si tratta di attività fuori pista. Dopo un intenso “duello”, questi rubò a Silverstone il capo dell’aerodinamica alla Red Bull e iniziò a lavorare come direttore tecnico dell’Aston Martin il 2 aprile. Conoscete il pacchetto di aggiornamento del GP di Spagna o una nuova soluzione di alettone posteriore? Non sappiamo se c’entrasse qualcosa, ma è una strana coincidenza.
  • Andrea Alessi: Non era famoso come l’arrivo di Dan Fallows, ma anche Andrew Alessi viene dalla Red Bull e lavora già come capo delle operazioni tecniche per la formazione di Lawrence Stroll.
  • Eric Blandin: Le ultime grandi aggiunte dell’Aston Martin provengono dalla Mercedes. Eric Blanden era il responsabile dell’aerodinamica per il marchio stellare e avrebbe sicuramente avuto buone idee per confrontare i concetti con Fallows, Alessi & Co. Dovrebbe entrare a far parte della squadra nell’ottobre di quest’anno.
  • Luca Furbato: Infine, un altro grande affare è Luca Forbato che già ricopre la carica di Direttore dell’Ingegneria in Aston Martin. Viene dall’Alfa Romeo, ma in passato è andato anche in altre squadre, inclusa la McLaren.
READ  Cary e Warriors travolgono i Blazers dopo l'All-Star Game

Oltre a quei cinque grandi nomi, hanno annunciato dalla dirigenza del team britannico che daranno lavoro a oltre un centinaio di persone quando il nuovo stabilimento sarà completamente pronto. A svelarlo è stato lo stesso Otmar Szafnauer… prima di rinunciare al progetto per passare all’Alpine all’inizio di questa stagione.

Certo, è possibile che uno stampo così interessante possa ancora esistere, in una pura illusione. Non dimentichiamo che il progetto McLaren-Honda aveva anche un ingegnere Red Bull come Peter Prodromou come una delle sue principali risorse. È impossibile prevedere il futuro, ma è sempre meglio gettare le basi e fare un piano a medio-lungo termine che spendere tutte le energie a parlare.

krack-whitmarsh-soymotor.jpg

Fame oggi, pane per domani

Sì, è vero che la squadra di Silverstone lavora poche ore. A partire dalla stagione 2020 – ancora sotto il nome di Racing Point – sembravano prendere una terza miglior vettura con la famosa “Mercedes rosa” e da allora finire quarti nel campionato costruttori. Quest’anno sono appena davanti alla Williams.

Ma, secondo le normative vigenti, la fame di oggi può essere la “festa” di domani. Il prestigio detta il campionato costruttori Tempo in galleria del vento disponibile per ogni squadraIn questo senso, l’Aston Martin è ben posizionata per il 2023 e non andrà sprecata nel tunnel più delle sue dirette concorrenti.

Va anche notato che l’Aston Martin ha rivelato nella dichiarazione della firma di Fernando Alonso di averlo fatto Una collezione dedicata all’auto del prossimo anno. “Il team ha una nuova direzione incentrata sullo sviluppo dell’AMR23 e siamo tutti lieti che i nostri progetti trarranno vantaggio dalle conoscenze e dall’esperienza che Fernando porterà”, ha affermato Mike Krake.

In altre parole, il team britannico non solo avrà più tempo nella galleria del vento rispetto ai suoi rivali e denaro da spendere, ma potrà anche concentrarsi sull’auto del 2023 che ha davanti. Mentre Alpine, McLaren o Alfa Romeo spendono le loro risorse per conquistare un quarto posto nel campionato costruttori di quest’anno, all’Aston Martin possono scommettere che daranno a Fernando Alonso un’auto decente nel 2023. Dignitoso significa essere in quella battaglia per guidare il gruppo centrale. I miracoli, almeno a breve termine, non esistono.

alonso-vettel-soymotor.jpg

Il cliente è meno del cliente

Essere un team di clienti è qualcosa che ha subito deluso molti. “Non puoi vincere essendo un cliente Mercedes”, ho letto più di una volta di recente. Ed è vero che sarebbe molto difficile per qualsiasi cliente farlo, ma alcuni potrebbero aver dimenticato che una percentuale delle azioni Aston Martin è nelle mani di Mercedes-Benz.

Sì, a ottobre 2020 è stato raggiunto un accordo formale tra le due società: da un lato, Aston Martin avrà accesso a una serie di tecnologie Mercedes-Benz; A sua volta, Mercedes-Benz passerà dal possedere una partecipazione del 2,6% in Aston Martin ad aumentarla gradualmente Un massimo del 20% nei tre anni successivi.

READ  I guerrieri non perdonano e tagliano la linea del jazz

In altre parole, il successo di Silverstone andrà a beneficio del marchio della star. L’accordo sulla safety car di Formula 1 –Dal 2021 si alternano tra Mercedes e Aston MartinBuona prova del rapporto tra i due marchi. Inoltre, la FIA ha già chiarito in passato che i clienti dovrebbero ricevere gli stessi materiali del produttore del motore … anche se il “programma” è dove in precedenza si è discusso.

Un altro fatto degno di nota in questa sezione è l’era gloriosa della Red Bull nell’ultimo decennio. Ricordiamoci che la Renault era ancora in Formula 1 con un team ufficiale quando nel 2010 è iniziato il dominio del marchio di bevande energetiche. Anche se è molto complicato, il team dei clienti può vincere… e più in tempo. I motori sono congelati fino alla fine del 2025fino a quando il resto dell’auto non diventa più importante e, in collaborazione con Fallows, Blandin e i loro co-protagonisti, è qui che l’Aston Martin vuole brillare.

walk-wolff-soymotor.jpg

Il capitano della nave

Con tutti questi componenti, Aston Martin aveva bisogno di un leader per dirigere il progetto. Un pilota dedicato che conosce le tecnologie necessarie per arrivare al top. Questo è il quarto pilastro essenziale del successo, poiché niente di tutto ciò avrebbe senso senza un pilota in grado di esercitare pressione sulla vettura e resistere alla pressione di lottare per il campionato del mondo.

Volevano affidarsi a Sebastian Vettel, ma sembra che l’attività del quattro volte campione non si sia “sposata” con un marchio automobilistico inondato di soldi petroliferi sauditi. Firmare un contratto in Formula 1 non è cosa da un giorno. Ricordi l’ingresso dell’Arabia Saudita nella quota di Aston Martin a metà luglio? Perché dovrebbero voler versare più soldi in un marchio che sta guidando un pilota che va contro i loro interessi? Forse, e solo forse, Stroll e Alonso erano già “fidanzati”.

Si dice che il contratto di Alonso sia “1 + 1 + 1” con relative clausole, in modo che abbia la possibilità di scegliere anno dopo anno e, se è felice, può arrivare al 2025 – l’anno migliore, l’anno che vogliono vincere – dalla mano dell’Aston Martin. Ma Fernando Alonso raggiungerà la posizione di lotta per il titolo all’età di 44 anni? C’è un altro grande sconosciuto.

Certo, oggi non sappiamo se questa nave sta andando nella giusta direzione o se il suo capitano sarà in grado di portarla in un porto sicuro quando sarà il momento, ma possiamo darlo per scontato. Fernando Alonso, 41 anni, continua a esibirsi ad alto livello E aveva la spinta per guidare un progetto che voleva, come minimo, essere un vincitore nel 2025. Alpine non voleva vederlo. Il tempo dirà chi ha preso la decisione migliore.

Se vuoi leggere altre notizie come questa, visita Flipboard