Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le disgrazie del club da 100 milioni | Gli sport

Il prezzo che un calciatore paga è direttamente correlato al grado di frustrazione che genera se non si comporta come previsto da lui con le sue possibilità di essere trasferito con successo da una squadra all’altra. Non importa se guardi al caro o al economico: i cambi di club la metà delle volte vanno bene e l’altra metà male. Al dipartimento di analisi dei dati di Liverpool, hanno tradotto i calcoli in una formula matematica, che il suo direttore, Ian Graham, ha spiegato pochi giorni fa in una conferenza a Londra.

Come ha spiegato, hanno individuato sei ragioni principali che potrebbero portare a un fallimento caratteristico: il giocatore non è bravo come previsto, non si adatta allo stile della squadra e l’allenatore non lo mette nella sua posizione ideale, l’allenatore. Non gli piace, in realtà la squadra ha un calciatore migliore in questo ruolo e il giocatore ha problemi personali o fisici. Anche se il club acquirente è sicuro al 90% che non ci siano problemi in nessuna di queste sei aree, ciò lascia solo il 53% di possibilità che l’assunzione vada a buon fine. Poiché le sei condizioni sono necessarie affinché un calciatore lavori nel suo nuovo club, l’incertezza si diffonde, tanto che la certezza che hai è 90% del 90% del 90% … 53%.

Il prezzo supera la delusione, qualunque sia la ragione. Poco importa che il problema derivi da problemi fisici, come nel caso di Eden Hazard, 31 anni, il giocatore più costoso della storia del Real Madrid, con un prezzo comodo sopra i 100 milioni legato al rispetto di alcune condizioni. O l’infortunio di Ousmane Dembele, 24 anni, annunciato ieri come il suo tredicesimo infortunio da quando giocava al Barcellona. Dopo un problema muscolare che lo ha lasciato senza l’Europeo di giugno, martedì ha giocato di nuovo, 25 minuti nella partita del Barcellona contro la Dinamo Kiev, e si è dovuto nuovamente fermare: soffre di un allungamento alla coscia sinistra semimembranosa.

READ  Il Dortmund ha battuto la voce di Erling Haaland, che è ancora inarrestabile

Da quando ha concluso la sua firma, nel folle agosto 2017, il Barcellona ha potuto contare su di lui solo nel 42,9% delle partite ufficiali in programma, secondo i record Opta. Il club lo ha acquistato dal Borussia Dortmund, motivato dalla partenza di Neymar e sotto l’influenza che tutti sanno di aver appena ricevuto 222 milioni di euro per il brasiliano.

Giorni dopo, il presidente del club, Josep Maria Bartomeu, e un altro amministratore delegato si trasferirono da Barcellona in un hotel a Montecarlo, secondo la storia New York TimesPrima di attraversare la porta dietro la quale i dirigenti del Borussia Dortmund stavano aspettando di negoziare, si sono ricordati che avrebbero pagato non più di 80 milioni e si sono abbracciati. I manager tedeschi hanno detto loro che non avrebbero venduto sotto i 160 e non avevano molto tempo perché dovevano prendere un volo per tornare a casa. L’operazione si è chiusa a 105 milioni più altri 40 in varianti.

Quello che è stato il secondo affare più costoso della storia si è infortunato un mese dopo quando ha battuto il tallone in una partita contro il Getafe a Madrid. Ciò si è aperto a una serie di disgrazie fisiche e distrazioni personali che hanno portato a passare attraverso la sala operatoria, a parlare con i pesi massimi nello spogliatoio, a guardare, agli chef e ad alcuni momenti memorabili sul prato.

Mentre Dembele si stava riprendendo dal suo primo infortunio, il Barcellona è andato di nuovo a Coutinho, che nel mercato invernale ha rovesciato il francese come il secondo affare più costoso della storia. Bartomeu ha accettato di pagare al Liverpool quello che riteneva troppo alto qualche mese fa: 120 milioni di euro più 40 variabili. Nel caso del brasiliano, la delusione è arrivata da una regione diversa da quella di Dembele: Coutinho, 29 anni, non era il calciatore che il Barça pensava di essere o voleva essere, né Neymar né Iniesta. Ha partecipato solo al 56,6% delle partite del Barcellona, ​​che ha portato a un’intera stagione per il Bayern, dove anche lui non ha prosperato.

READ  Astros vs Braves, il mondiale che aspettavi da 60 anni, con grandi sfide

All’altro capo del ponte aereo, un tempo il giocatore più costoso della storia, Gareth Bale, 32 anni, ha giocato il 57% del suo tempo, attraversando diverse fasi: ha una manciata di titoli. E momenti cruciali come Dembele e Coutinho devono ancora avvicinarsi (quattro gol in Champions League, gol in finale), accumulando anche settimane di malattia e la delusione di non essere il giocatore che voleva; Nel suo caso Cristiano quando Cristiano è andato alla Juventus.

Un po’ più di merito rispetto al gallese del Real Madrid Hazard, che ha iniziato a vacillare a causa di disastri fisici, ha giocato solo il 44,9% delle partite, e ora ha soddisfatto le aspettative di Carlo Ancelotti: Il problema di Hazard è che preferisco qualcun altro.L’italiano ha detto pochi giorni fa.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES su Sito di social network Facebook e Twitter, o registrati qui per ricevere Newsletter settimanale.