Ottobre 26, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le estensioni di Chrome che non adottano le nuove regole smetteranno di funzionare entro un anno

Sempre con le estensioni Chrome, ovvero che Google ha già annunciato la data finale in cui il browser ritirerà il supporto alle “vecchie regole”, impedendo di fatto l’utilizzo di estensioni che non si piegano al nuovo. Secondo le regole, deve essere aggiunto, indichiamo i puntatori La nuova versione del manifest di Chrome Utilizzato per dettare le specifiche dell’estensione.

In sostanza, il manifest è un file di testo in cui sono indicate alcune specifiche delle estensioni di Chrome, come i loro permessi e le API a cui possono accedere e la loro funzionalità. Ma quelle API cambiano e con esse le “regole” manifest. Ora, infatti, coesistono la seconda e la terza versione del comunicato, ma non sarà così Il prossimo giugno 2023, in poco più di un anno.

sarà A partire da giugno 2023 Pertanto, quando le estensioni che non hanno aderito alle nuove specifiche impostate da Google diventano compatibili con il browser. E mentre probabilmente non accadrà nulla perché c’è un sacco di tempo per tutti gli sviluppatori per adattare le loro estensioni alle nuove linee guida, che sono state rinnovate per migliorare la sicurezza e la privacy del browser, ma anche per rendere più efficiente lo sviluppo delle estensioni, non si tratta di cambiare senza polemiche .

In effetti, ti abbiamo già parlato in precedenza di come l’entrata in vigore esclusiva di Manifest v3 possa influenzare le estensioni di Chrome come elementi essenziali di oggi come Ad blockerA peggiorare le cose, con la maggior parte degli argomenti. Si tratta quindi di un cambiamento che non regge secondo la risposta sollevata tra locali e outsider.

READ  Intervista a Wendy Aguayo di La Voz Informativa, un nuovo spazio di notizie: LIVE

Ad esempio, ha rifiutato di cambiare gli sviluppatori di derivati ​​del cromo come Brave, Oprah e Vivaldi, come lui Rifiuta lo stesso Firefox, anche se ti sembra che non c’entri niente, sì: Mozilla è certificato per Firefox Specifiche di Chrome per le estensioni, ma senza influire sui blocchi degli annunci.

Cosa accadrà ai popolari add-on come UBlock Origina e altri, i cui sviluppatori hanno già avvertito che con le restrizioni di accesso imposte dal nuovo Manifest, la loro efficacia diminuirà drasticamente? resta da vedere. Come per il fatto che molti utenti di Chrome che hanno queste estensioni come funzionalità principale lo faranno. Le alternative, ovviamente, esistono e continueranno ad esistere con l’aumentare della solvibilità.