Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le famiglie cubane vivono sotto embargo da più di 60 anni

Le famiglie cubane hanno vissuto per più di 60 anni sotto l’embargo economico, commerciale e finanziario imposto dai governi successivi negli Stati Uniti.

Le carenze ei danni risultanti da questa politica limitano lo sviluppo della vita cubana e la realizzazione dei loro diritti umani.

La comunità internazionale ha sostenuto quasi all’unanimità la risoluzione Antille dal 1991 davanti alle Nazioni Unite: “La necessità di porre fine all’embargo economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti contro Cuba”.

Cittadini e stranieri sono consapevoli del danno causato da questa politica in tutte le aree del Paese, che sta reinventando modi per continuare l’opera della rivoluzione e delle conquiste del socialismo.

Sono stati anni difficili per il popolo cubano, con tentativi di ricerca per aggirare le restrizioni del governo unilaterale che soffocano e uccidono.

Di recente, il ministro degli Affari esteri dell’isola caraibica, Bruno Rodriguez, ha illustrato alla stampa qui accreditata alcuni numeri che mostrano, tra agosto 2021 e febbraio 2022, gli effetti negativi del blocco.

In quel periodo, la più grande delle Antille ha perso 15 milioni di dollari al giorno, 454 milioni al mese e infine 3.806 milioni di dollari in sette mesi, un record storico per un breve periodo.

Ha aggiunto che durante i primi 14 mesi di governo del governo Joe Biden i danni sono stati pari a seimila e 364 milioni di dollari. L’embargo definisce la natura della politica degli Stati Uniti nei confronti di Cuba ed è stato rafforzato a livelli senza precedenti sotto il governo del presidente Donald Trump, su cui insiste l’attuale presidente degli Stati Uniti, poiché non ha mantenuto le sue promesse elettorali.

READ  I talebani hanno attaccato la roccaforte degli insorti nella provincia afgana del Panjshir-Prinsa Latina

Il 2 e 3 novembre, le Nazioni Unite esamineranno per la trentesima volta la risoluzione cubana contro l’embargo e, ancora una volta, Cuba dimostrerà di avere il diritto di vivere in pace, e questo sarà vantaggioso per gli Stati Uniti e il mondo. .

Di: Yoel Almaguer de Armas


Margherita Cesare Pietra