Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le navi di soccorso attraccarono fino in Italia

Il Le navi di soccorso umanitario non possono trascorrere giorni nel Mediterraneo centrale svolgendo varie operazioni di soccorso. richieste Il riparo dovrebbe essere dato nella stessa nave Sei lì La violazione delle regole può comportare la confisca. Sono alcuni dei nuovi provvedimenti approvati dal Consiglio dei Ministri e firmati dal Presidente della Repubblica il 2 gennaio 2023.

Da quando è salito al potere lo scorso ottobre, i dirigenti sono stati al timone Georgia Meloney di estrema destra È iniziata una vera e propria crociata contro le organizzazioni dedite a salvare la vita di uomini, donne, ragazzi e ragazze in mare.

Il 4 novembre il ministro dell’Interno Matteo Piandosi, il ministro della Difesa Guido Crocetti e il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Matteo Salvini hanno approvato un decreto che consente ai mezzi di soccorso di entrare in porto e sbarcare persone solo in caso di emergenza. In condizioni di salute critiche, cioè discendenza elettiva. Il resto deve rimanere sulle barche, tornare in acque internazionali, e le nazioni indicate sulle bandiere delle barche si assumono la responsabilità delle persone rimanenti.

Pochi giorni dopo quell’ordine, Quattro navi con più di 1.000 persone soccorse attendono il passaggio in un porto sicuro senza alcuna risposta. Iñigo Mijangos è il presidente di Humanitarian Maritime Rescue (SMH), la ONG che lo gestisce Aita Mari e prevede di partire questo mese per il Mediterraneo centrale, “International Law Afferma che un’operazione di ricerca e salvataggio termina quando tutti i sopravvissuti atterrano in un luogo sicuroDunque È illegale selezionarne alcuniIn effetti, è contro la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare.

Così ha fatto l’Italia Atterraggi selezionati insieme a Umanità 1 Una delle 30 persone a bordo della nave è svenuta quando ha saputo che gli era stato negato un punto d’appoggio sul suolo europeo. Genitori GeoMa Rise Above ha consentito un atterraggio completo, e il salvataggio è stato effettuato nell’area di competenza della ricerca e soccorso marittimo italiano.

Ma ore dopo il piano italiano è crollato Gli equipaggi si rifiutano di lasciare il porto con i sopravvissuti a bordo. Lo crediamo anche noi Le squadre mediche italiane, incaricate di decidere chi è atterrato, hanno insistito per porre fine alla pantomima.”, racconta Mijangos.

READ  Polemiche in Italia per le dichiarazioni del presidente del Napoli sull'affare dei giocatori africani

Invece, una quarta nave, The Vichinghi del mare Secondo la stessa Ong, ha aspettato il porto per 18 giorni con equipaggio e 234 superstiti esausti. Decise di rivendicare un porto dalla Francia, il che scatenò una crisi diplomatica tra i due paesi.

Una svolta in politica

Dopo questo evento, Maloney ha dato una svolta alla sua politica anti-immigrazione: riservare porti lontani. «Di solito i porti sono in Sicilia, soprattutto sulla costa sud-sud-ovest. Ma adesso iniziano a fare scalo ovunque in Italia. Ci sono navi che Dovevano viaggiare per un massimo di quattro giorni con porti regolari. L’idea è chiara, quelle barche Trascorrono giorni navigando senza soccorsi. È una vera assurdità”.

Alla fine, mentre l’anno volgeva al termine, il governo di estrema destra ha dato il suo cenno Un mandato per gestire i flussi migratori e facilitare le procedure di immigrazione “fornirebbe protezione legale alla detenzione e all’arresto delle navi”.. «In effetti», insiste il capo del Smh, «c’è già un diritto internazionale che rende molto chiaro l’obbligo di soccorso. Un obbligo, tra l’altro, che non riguarda la società civile, ma i governi stessi. violato sistematicamente”.

Questo nuovo standard risolve questo problema Una volta effettuato il primo salvataggio, è necessario richiedere un porto e impostare la rotta senza indugio per completare l’operazione di salvataggio. “Stanno quasi cercando di dare un’immagine di collaborazione e velocità, ma non è così. Ora ti stanno dando quella Porti che sono molto lontani, ma se non rispetti ti possono multare se aspetti due o tre giorni per vedere se arrivano ancora le barche. Le navi più grandi sono pronte a soccorrere per diversi giorni, anche una settimana. barca Aita Mari È piccolo (ha una capienza di 150 persone) e di solito i nostri soccorsi sono praticamente in contemporanea, a poche ore di distanza l’uno dall’altro, quindi non credo che ci riguardi, ma che problema. Le grandi navi segnalano le operazioni di salvataggio che stanno facendo e quando hanno una flotta al completo entrano in porto? In effetti già lo facciamo, contattiamo le autorità per ogni operazione di soccorso. È chiaro che questa decisione aumenta il rischio di barche incustodite, cioè più morti di persone costrette a lasciare i propri paesi.

READ  L'Italia lancia il deodorante per ambienti per parlare di piante in via di estinzione

Pertanto, i comandanti rischiano sanzioni fino a 10.000 euro e la possibilità di 20 giorni di fermo amministrativo della nave se non richiedono un porto sicuro dopo il primo salvataggio.

Sanzione fino a 50.000 euro

Il Le multe possono arrivare fino a 50.000 euroCon il sequestro della nave si viola il codice di condotta imposto da questo Paese e si tenta di entrare nelle acque italiane senza la debita autorizzazione delle autorità.

Infine, il decreto obbliga i comandanti a informare i migranti a bordo della possibilità di chiedere asilo, in modo che la nave con la cui bandiera è responsabile del processo sia “semplicemente insostenibile” per Mijangos.C’è una circolare e una serie di raccomandazioni dell’UNHCR che afferma che le navi non sono luoghi idonei e che non possono effettuare alcun tipo di valutazione dell’asilo: “La condizione stabilisce che no. Né gli interpreti né gli equipaggi sono qualificati per raccogliere prove o valutare la vulnerabilità dei soccorsi”, afferma.

Sebbene questo ordine sia l’ennesimo divieto delle imbarcazioni di soccorso, nel corso degli anni hanno subito campagne di criminalizzazione de facto da parte di diversi governi. È il caso della nave Uventa, sequestrata dalle autorità italiane cinque anni fa. Nel 2021, dopo una lunga indagine, sono stati denunciati quattro membri dell’equipaggio accusati di “favoreggiamento all’ingresso abusivo nel territorio italiano”. Ogni persona sorpresa nelle varie operazioni rischia fino a 20 anni di reclusione e una multa di 15.000 euro.

Davide Salvadori, membro del gruppo di sostegno Iuventa, descrive le numerose irregolarità che si verificano durante l’iter giudiziario. “Il processo è stato sospeso a più riprese a causa di ripetuti errori della Procura, come la mancata fornitura di interpreti qualificati o la mancanza di informazioni da parte degli imputati su aspetti fondamentali del procedimento, violando così i loro diritti fondamentali e mettendo in discussione l’equità del processo .

READ  I vari vantaggi di una smart grid

Il 3 dicembre è stata ammessa per la prima volta la presenza di osservatori internazionali nel processo, che a causa di numerosi errori procedurali e della mancanza di garanzia di un giusto processo, è stato nuovamente interrotto affinché l’ufficio del pubblico ministero potesse essere rettificato. I suoi errori”, dice Salvatori.

I soccorritori nominati

Pochi giorni dopo è arrivata una buona notizia per il team Uventa, che da anni osservava le condizioni arrugginite e sempre più deplorevoli della nave: “Il magistrato che ha ispezionato Trapani ha ordinato all’autorità portuale di riparare la nave e riportarla allo stato in cui si trovava prima il blocco».

Ma la buona notizia fu di breve durata. Il 19 dicembre “il presidente del Consiglio italiano, insieme al ministro dell’Interno, con una decisione quasi senza precedenti, ci ha citato in giudizio come caso individuale nell’inchiesta”.

Nonostante tutto, Salvatori resta lucido. “Lo stesso governo che ci accusa di danni morali, uccide migliaia di persone ogni anno nel Mediterraneo centrale e mantiene accordi con la Libia per evacuare migliaia di persone e rimandarle in un Paese distrutto dalla guerra. Più di 20.000 persone nel 2022. Questi sono crimini contro l’umanità e sono loro che dovrebbero essere sul banco degli imputati. Quelli bisognosi. Il nostro unico crimine ha salvato la vita a più di 14.000 persone tra il 2016 e il 2017. Ma non siamo gli unici criminali. La polizia italiana ha arrestato più di 2.500 persone dal 2013, e almeno 1.905 sono state condannate nelle carceri greche nel 2019. Queste persone chiedono assistenza legale: “Stanno affrontando processi senza alcuna possibilità e senza alcuna conoscenza dei crimini che hanno commesso”, conclude.