Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le Nazioni Unite promuovono la fine dei crimini contro i giornalisti in tutto il mondo

Las Tunas: Con l’obiettivo di porre fine all’impunità per l’uccisione di giornalisti, l’organizzazione Organizzazione delle Nazioni Unite Fondata il 2 novembre in nome di Giornata internazionale per porre fine all’impunità per i crimini contro i giornalisti.

Secondo i dati delle Nazioni Unite, negli ultimi 14 anni sono stati uccisi 1.200 giornalisti per aver fatto il loro dovere di informare le persone, e queste cifre non includono altri crimini, come tortura, sparizioni, detenzioni arbitrarie, intimidazioni o bullismo.

Quest’anno 2021, secondo un rapporto pubblicato da UNESCO, si registra una diminuzione del 20 per cento degli omicidi contro i giornalisti negli ultimi cinque anni, rispetto al periodo precedente.

Tuttavia, c’è anche un aumento dei livelli di impunità, in media dell’87 per cento, come negli anni precedenti, e sono aumentate le minacce ai media.

A livello regionale, l’America Latina e i Caraibi hanno il maggior numero di attacchi mortali, con il 31% di tutti i giornalisti uccisi in tutto il mondo, e il Messico è il paese con il maggior numero di omicidi.

A Cuba dopo la vittoria della rivoluzione, nessun evento del genere si è verificato, l’ultimo omicidio di un giornalista è avvenuto all’Avana il 13 maggio 1958 quando un killer professionista della dittatura di Fulgencio Batista ha assassinato il giovane giornalista ecuadoriano Carlos Bastidas Arguelo, uno dei loro. Corrispondenti che sono saliti sulla Sierra Maestra per riferire sulla lotta contro la tirannia di Batista.

La celebrazione di quest’anno metterà in evidenza il ruolo essenziale dei pubblici ministeri nelle indagini e nel perseguimento non solo degli omicidi, ma anche delle minacce contro questi professionisti.

Alla celebrazione del 2020, il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha dichiarato: “Quando un giornalista viene attaccato, l’intera comunità ne paga il prezzo. Se non proteggiamo i giornalisti, la nostra capacità di rimanere informati e prendere decisioni informate sarà gravemente ostacolato.

READ  Lo spettro dell'estradizione perseguita di nuovo Assange a Londra - Prinsa Latina

/ mg/

Commenta con noi sulla pagina Sito di social network Facebook e seguici Twitter e Youtube