Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le nonne di Plaza de Mayo identificano il nuovo nipote adottato illegalmente durante la dittatura – NBC Sacramento

L’organizzazione argentina “Nonne di Plaza de Mayo” ha annunciato mercoledì l’identificazione di un nuovo nipote – il n. 132 – figlio di un contadino ucciso durante l’ultima dittatura militare (1976-1983) e adottato illegalmente da un proprietario terriero .

Conosciuto come Juan Jose, 46 anni, questo è il secondo caso di ripristino dell’identità raggiunto dalle nonne in meno di una settimana, senza precedenti da quando hanno cercato 500 nipoti dopo il ritorno alla democrazia nel 1983.

Il tribunale federale ha detto alle nonne questo mercoledì che “il 132esimo nipote non è il figlio della famiglia che lo ha cresciuto come proprio a Tucumán, il proprietario di un ranch dove lavorava sua madre, Mercedes del Valle Morales, arrestata e scomparsa nel 1976 nella stessa provincia”, ha riferito la presidente dell’organizzazione, Estela Di Carlotto, in conferenza stampa.

Juan Jose è il figlio di un contadino ucciso dai militari

Juan José aveva nove mesi quando Mercedes, allora 21enne, fu rapita da un’operazione militare il 20 maggio 1976 a Monteros, Tucuman, una provincia a 800 miglia a nord di Buenos Aires che fu l’epicentro di violenti scontri tra militari e organizzazioni durante il bande di guerra negli anni settanta.

Oltre alla giovane donna, sono stati rapiti i suoi genitori Torrebia Romero de Morales e Jose Ramón Morales e i suoi tre fratelli Jose Silvano Morales, Juan Severino Morales e Julio César Morales.

Tutti loro sono nella lista delle 30.000 vittime della dittatura, secondo i calcoli delle organizzazioni per i diritti umani.

Juan José è stato allevato come suo dal proprietario del ranch, la cui identità non è stata rivelata. Dopo la morte del suo sequestratore, i fratelli adottivi gli hanno comunicato che era stato adottato e gli hanno restituito il documento di identità originale.

READ  Denunciano i tentativi di dividere i lavoratori boliviani

Come dichiarato da Di Carlotto, Juan José si è sottoposto volontariamente ad un’analisi del DNA che ha confermato la sua affiliazione dopo averli confrontati con campioni prelevati dai resti di Mercedes, individuati dal team di antropologia forense argentina presso il cimitero nord di Tucumán.

“Ho sempre avuto dei dubbi”, ha detto Juan José, che ha partecipato alla conferenza stampa da Tucuman in videochiamata. “Voglio esprimere la mia gratitudine ad Abualas”.

L’uomo non sa chi sia il suo padre biologico.

Le nonne di Plaza de Mayo non si arrendono nonostante la pandemia.

“Oggi lo accogliamo come il nostro 132esimo nipote e come un puzzle che non finisce mai, inizia un nuovo percorso per trovare il suo vero padre”, ha detto Di Carlotto.

Il piano di sterminio dei dissidenti messo in atto dal sanguinario regime argentino prevedeva il sequestro, l’occultamento e la sostituzione delle identità di centinaia di bambini scomparsi, consegnati all’esercito e ai loro parenti per l’adozione illegale.

Il dittatore Jorge Rafael Videla e altri membri delle forze armate sono stati condannati per questo crimine contro l’umanità, così come gli operatori sanitari che hanno collaborato alle consegne nei centri di detenzione segreti.

Giovedì scorso, Abu Al-Alas ha annunciato la risposta del 131esimo nipote sospettato di essere nato nella Army Mechanics School (ESMA), uno dei più grandi centri segreti di detenzione e tortura del regime.

“Juan ha detto a José che la sua famiglia non lo ha lasciato in pace, erano i mostri della dittatura”, ha detto Di Carlotto. “Dal cielo gli hanno dato l’opportunità di sapere chi è.”

READ  L'Italia torna alla sfida politica con una nuova tornata di elezioni comunali