Dicembre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le nuove chiavi della logistica sono di moda

In uno scenario caratterizzato da costi crescenti, dall’energia ai trasporti, e interruzioni e tensioni nella catena di approvvigionamento, la logistica è diventata uno degli aspetti chiave delle imprese nello spazio della moda. Questo è stato il punto di partenza per il meeting Modaes Business Foodies tenutosi a Barcellona sotto il titolo Il momento giusto e il posto giusto: Nuove chiavi per la logistica della moda, sponsorizzato da Districenter.

Leggi Modaes 44

La festa è finita

Solo per abbonati premium

“Dallo scoppio dell’epidemia, tutto è accelerato”, ha riassunto Antonio Pascual, COO di Mango, rilevando che negli ultimi anni la maggior parte delle aziende, in particolare della moda, si è spostata da giusto in tempo per me nel caso in cui. “Ma questa continuità deve anche essere garantita”, ha aggiunto, facendo eco all’importanza che le interruzioni della catena di approvvigionamento hanno attribuito alla logistica e alle operazioni.

La moda è stata spiegata on demand e conoscendo il numero di prodotti da presentare durante la conversazione come una delle soluzioni alla situazione attuale del settore. Carla Valls, Direttore della Comunicazione di Misako, ha riassunto così: “La moda su richiesta È un’alternativa”, perché il cliente deve attendere la realizzazione del prodotto e “questo rallenta l’accelerazione del settore”, ha aggiunto. Alejandro Porras, fondatore e CEO di Alohas calzature, la cui attività si basa su un -demand model, ha spiegato che il problema con questo modello è che “c’è poca o nessuna tecnologia per supportarlo.

Il grandi datiI partecipanti alla riunione hanno convenuto che una delle chiavi“Aiuta a confermare che ciò che viene prodotto viene venduto e a gestire l’inventario”, ha affermato Elena Salazar, direttrice della gestione digitale, logistica e dell’inventario di El Ganso.

READ  Nasce Enviroscale, la prima bilancia per misurare la sostenibilità energetica

Per affrontare questo problema, Juan Moreira, CEO di Brownie, ha sottolineato che “i fornitori di cortocircuito devono essere ben selezionati per migliorare la velocità delle consegne” Per Rocca, CEO della società di logistica Districenter e fondatore di Geever, specializzata nella distribuzione dell’ultimo miglio, ha osservato che fornire informazioni al cliente durante l’intero processo “trasmette un maggiore senso di velocità”. “L’importante è essere molto coerenti con il messaggio inviato e l’offerta fatta”, ha aggiunto il manager.

Rispondere agli interessi del cliente è stato anche un altro punto da cui è derivata la discussione. Paco Sanchez, Direttore Generale di Lola Casademunt, ha notato durante il pranzo, spiegando che “ci sono clienti che acquistano da Hermès e aspettano sei mesi per il loro prodotto e altri che acquistano da Shein perché cercano prezzo e immediatezza”, osservando che “le aziende sono ciò che offrono al cliente.

In questo senso, la flessibilità è una delle chiavi. “Nei tessuti per la casa giochiamo un vantaggio perché non lo è moda veloce Jordi Codone ha detto:, CEO di Textura, spiegando che “dobbiamo sempre anticipare i cambiamenti e la domanda dei consumatori”. L’amministratore delegato di Mascaró, Lluís Pascual, è d’accordo, aggiungendo che “prima c’erano prodotti la cui scadenza era di undici anni e ora molti di loro non raggiungono nemmeno i diciassette mesi”. Tuttavia, i partecipanti alla riunione hanno convenuto che non tutte le aziende sono pronte a cambiare il modello. Non tutti i clienti lo accettano”, ha affermato Alex Dimas, direttore generale di Javier Simorra.

I proventi furono anche altri eroi del dibattito Eppure negli ultimi mesi aziende come Zara, Boohoo o Zalando hanno implementato misure di riscossione delle entrate. Pascual ha affermato che questa decisione aveva senso “se il cliente acquista sempre per restituire”. “Devi pagare per il servizio”, ha aggiunto il dirigente. Roca ha anche contribuito al fatto che questa azione “ha senso, poiché si tratta di cercare l’efficienza in un processo reversibile in modo che la gestione operativa non sia costosa”.

READ  L'hamburger Aldi che trionfa tra i vegetariani