Dicembre 7, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le obbligazioni determineranno il corso del mercato ribassista delle azioni

Bloomberg Il mercato ribassista delle azioni statunitensi potrebbe raggiungere la fine del primo trimestre (aggiustamento per tassi di interesse elevati) e molti investitori stanno aspettando il secondo trimestre (aggiustamento per guadagni inferiori).

Ha senso, e questa incertezza potrebbe portare a qualche convincente rally a breve termine nel mercato azionario malconcio.

Ovviamente, il sell-off delle azioni nei primi 10 mesi del 2022 è stato principalmente determinato dall’aumento dei rendimenti dei Treasury, con i buoni del Tesoro a 10 anni che sono saliti al 4,23% giovedì, il livello più alto dal 2008. E come abbiamo appreso nel Rating 101, il balzo dei tassi L’assenza di rischio aumenta il costo del capitale per le società e aumenta l’attrattiva relativa delle obbligazioni sovrane rispetto alle azioni. Gli investitori si rifiutano di pagare lo stesso importo per gli stessi flussi di cassa e il rapporto prezzo/utili si sta riducendo. Ecco come i rapporti prezzo-utili a termine seguono i rendimenti dei Treasury a 10 anni finora nel 2022:

Se i rendimenti aumentano, il prezzo della redditività scenderà naturalmente, ma il rapporto di rischio delle obbligazioni sovrane non è così negativo come lo era pochi mesi fa. I rendimenti si stanno già avvicinando a livelli coerenti con una politica monetaria relativamente aggressiva. In altre parole, i rapporti P/E potrebbero stabilizzarsi presto, basandosi esclusivamente sui tassi di interesse.

Questo introduce il secondo capitolo del mercato ribassista: la crescita.

Nel complesso, Wall Street ha apportato modeste revisioni al ribasso delle sue previsioni sugli utili quest’anno. Nonostante tutta l’isteria da recessione, le previsioni sugli utili per il 2023 sono inferiori del 2% rispetto a dove hanno iniziato l’anno. Certo, il dato principale è stato sostenuto dai guadagni energetici e gli analisti sono stati più prudenti riguardo ai consumatori discrezionali delle aziende a rischio. Ma una recessione media fa scendere gli utili globali del 31%, aspettative medie in un sondaggio Bloomberg Per gli economisti ora, le probabilità di uno nei prossimi 12 mesi sono del 60%.

READ  Gli utili del Grupo Bimbo sono aumentati dell'11,9% nel terzo trimestre | Aziende messicane

Allora perché gli analisti non dovrebbero essere più ribassisti nelle loro previsioni sugli utili?

Una ragione ovvia è che i dati concreti non hanno dato loro motivo per farlo. Le vendite al dettaglio hanno per lo più continuato a crescere o, nel peggiore dei casi, hanno ristagnato in termini nominali e la disoccupazione rimane molto bassa. Nel frattempo, gli utili del terzo trimestre sembrano pronti a confermare il dinamismo dell’economia.

I consumatori sono chiaramente stanchi dell’inflazione, ma continuano a spendere e sostenere i profitti aziendali. Inizialmente, hanno potuto sfruttare le ingenti riserve di cassa che si erano accumulate durante la pandemia di Covid-19. Recentemente, hanno mantenuto il loro stile di vita ricorrendo al credito. Questo non può andare avanti per sempre e probabilmente abbiamo raggiunto un punto di svolta, mi ha detto Scott Brave, capo economista di Morning Consult in una conversazione mercoledì. Ma ciò non è ancora evidente nei dati concreti e, anche in questo caso, sembrerebbe un graduale deterioramento della spesa reale, non un crollo.

Al ritmo attuale, l’economia potrebbe continuare a inviare segnali contrastanti nel 2023. Economia BloombergCiò predice una recessione, non aspettatevi che inizi prima del terzo trimestre del prossimo anno. I modelli sono spesso imprecisi quando si tratta di tempismo, ma in media cose come questa richiedono tempo per diventare serie, afferma il capo economista di Bloomberg Negli Stati Uniti, Anna Wong. L’economista osserva che la domanda è leggermente rimbalzata negli ultimi mesi.

In effetti, la lunga strada da percorrere è evidente nell’indice economico settimanale della Federal Reserve di New York, un barometro dell’attività economica reale misurata dal tasso di crescita di quattro trimestri e basato su dati ad alta frequenza. Indica che l’economia è ancora fredda dopo la straordinaria dinamica di riapertura dalla pandemia di Covid-19. L’esercizio approssimativo della linea di tendenza indica che se il rallentamento continua al ritmo attuale, l’indice non flirterà in territorio negativo fino a marzo o aprile.

READ  Planeta Huerto misura l'impatto delle sue spedizioni di e-commerce per compensare le emissioni - El Mercantil
L'indice della Fed di New York indica che l'economia potrebbe impiegare del tempo per fermarsi.  dd

Quindi eccoci qui: il primo capitolo di un mercato ribassista potrebbe essere terminato, fintanto che l’inflazione inizierà a comportarsi in linea con le aspettative della Fed e i trader non troveranno molti catalizzatori a breve termine per alzare il sipario su un mercato ribassista. Capitolo II. I tori che si incrociano sono fortunati.

Naturalmente, questo sfondo è terreno fertile per rialzi a breve termine, ed è esattamente ciò che i mercati statunitensi hanno visto, a partire dall’inspiegabile rialzo del 2,6% dell’S&P 500 la scorsa settimana, in un solo giorno. L’inflazione ha raggiunto il livello più alto degli ultimi quattro decenni. Dai minimi di giovedì ai massimi di martedì, le azioni sono aumentate fino al 7,8% e diversi strateghi hanno sostenuto ulteriori guadagni:

  • Michael J. Wilson, stratega di Morgan Stanley, ha scritto questa settimana che un rialzo del mercato ribassista potrebbe spingere l’indice S&P 500 fino a 4.000 punti e che non escluderebbe un salto più grande a 4.150 punti.
  • È stato possibile un rimbalzo significativo dal mercato ribassista, ha affermato Nicholas Colas, co-fondatore di DataTrek Research, ma “è importante che i tassi di interesse scendano da qui per supportare qualsiasi movimento sostenuto al rialzo da parte delle grandi società statunitensi”.

Questo punto sulla specie sembra cruciale. Con tutte le correnti trasversali nell’economia, è concepibile che i rendimenti obbligazionari possano diminuire per un po’. Ma con la Fed impegnata a frenare tassi elevati e volatili, è probabile che i responsabili politici mantengano una soglia minima sotto i rendimenti obbligazionari fino a quando l’inflazione non sembrerà sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo della Fed del 2%*, cosa che potrebbe richiedere mesi prima che si concretizzi. dati, anche negli scenari più ottimistici.

READ  Dov'è il vero rischio per il mercato?

Nel frattempo, la crescita e l’attività dei consumatori non sono un buon punto di partenza per i rialzisti. Potrebbero non confermare le narrazioni ribassiste di nessuno per il prossimo futuro, ma qualsiasi segno di forza in questi indicatori incoraggerà i falchi della Fed a fare di più. Pertanto, nel breve termine, il destino delle azioni resta interamente nelle mani della politica monetaria e del mercato obbligazionario. Indipendentemente dal fatto che il secondo atto del mercato ribassista si concretizzi o meno, la rottura può essere drammatica quasi quanto il gioco.

* Economia Bloomberg Si aspetta un tasso finale del 5%, ma osserva che anche un tasso finale del 6% potrebbe essere possibile se la Federal Reserve avesse bisogno di rivedere le sue stime sul tasso naturale di disoccupazione o se la produttività diminuisse.

Maggiori informazioni su Bloomberg.com