Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le pale a vento possono essere riciclate e persino trasformate in caramelle e pannolini

Gli scienziati della Michigan State University affermano di aver trovato un modo per riciclare le pale delle turbine eoliche in orsetti gommosi, pannolini e altri oggetti di uso quotidiano..

Le pale delle turbine eoliche in fibra di vetro sono difficili da riutilizzare e molte finiscono nelle discariche alla fine del loro ciclo di vita, portando a uno sforzo concertato per trovare il modo di riciclarle.

Ma gli scienziati dello Stato del Michigan affermano di aver creato un nuovo tipo di resina per turbine che può essere continuamente riformulata in nuove pale o altri materiali, come plastica, fanali posteriori delle auto, ripiani della cucina e persino pannolini e caramelle.

I ricercatori hanno sviluppato un tipo di resina termoindurente che può fondere alla fine del suo ciclo di utilizzo ed essere “usata più e più volte in un ciclo infinito”, secondo John DorganPh.D., ricercatore presso la Michigan State University.

nuova resina

Dorgan, presentando il lavoro alla riunione dell’American Chemical Society del 2022, afferma che la nuova resina era abbastanza forte e durevole da essere utilizzata nelle turbine e nelle automobili, ma poteva anche essere applicata a una varietà di altri oggetti di uso quotidiano.

Dopo aver combinato la resina con diversi tipi di minerali, i ricercatori hanno prodotto una pietra coltivata che potrebbe essere utilizzata in cucine e bagni. Il team è stato anche in grado di produrre un composto nutritivo dalla resina disciolta che, una volta purificato, può essere utilizzato nelle bevande sportive e nei dessert. “Abbiamo recuperato il lattato di potassio nella dieta e l’abbiamo usato per fare caramelle gommose, che ho mangiato”, dice Dorgan.

READ  L'87% dei leader della sostenibilità e dell'IA ritiene che l'IA sia una componente essenziale nella lotta al cambiamento climatico

Chi è preoccupato di mangiare una barretta di cioccolato da una pala di turbina non è necessario. “Un atomo di carbonio derivato da una pianta, come il mais o l’erba, non è diverso da un atomo di carbonio derivato da combustibili fossili”, afferma Dorgan. “Questo fa tutto parte del ciclo globale del carbonio e abbiamo dimostrato che possiamo passare dalla biomassa sul campo alla plastica durevole e tornare al cibo”.

La ricerca potrebbe aiutare ad affrontare il persistente problema dei rifiuti di un’economia basata sull’energia rinnovabile, tra le aspettative globali che 40 milioni di tonnellate di rifiuti di pale eoliche potrebbero finire nelle discariche entro la metà del secolo.

“La bellezza del nostro sistema di resina è che alla fine del suo ciclo di utilizzo, possiamo dissolverlo e questo lo libera dalla matrice in cui si trova in modo che possa essere utilizzato più e più volte”, afferma Dorgan. Conclude: “Questo è l’obiettivo dell’economia circolare”.