Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le più grandi entità finanziarie non riescono a raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 mar 2022 – 16:01

Madrid, 25 marzo (EFE). Secondo un rapporto pubblicato venerdì, le 30 maggiori istituzioni finanziarie quotate in borsa del mondo stanno minando i loro obiettivi di bilancio netto continuando a finanziare l’espansione dei combustibili fossili e una spinta per indebolire la politica fiscale sostenibile emergente. Da Climate Research InfluenceMap.

L’analisi mostra che, nonostante un aumento significativo del suo sostegno pubblico all’azione per il clima, il settore finanziario è “riluttante” a introdurre politiche significative per escludere i combustibili fossili e ha concesso almeno 740 miliardi di dollari di finanziamento al settore della produzione di combustibili fossili negli ultimi due anni.

Pertanto, almeno 697 miliardi di dollari sono stati stanziati per la produzione di petrolio e gas, inclusi 145 miliardi di dollari a cinque delle più grandi compagnie petrolifere e del gas quotate in borsa, ExxonMobil, Chevron, Shell, TotalEnergies e BP. Tutti hanno in programma di continuare l’esplorazione e lo sviluppo. .

Fino a 42.000 milioni di dollari sono stati destinati alla produzione di carbone, di cui 17.500 milioni accumulati hanno contribuito alla multinazionale Glencore da 21 istituzioni con attività bancaria su 27.

L’impatto “significativo” economico e politico

Il principale analista di InfluenceMap e autore del rapporto, Eden Coates, ha affermato che queste istituzioni finanziarie globali stanno avendo un impatto economico e politico significativo e ritardano le azioni necessarie per rispondere alla crisi climatica.

Secondo Coates, c’è uno scollamento significativo tra ciò che dicono sul cambiamento climatico e ciò che fanno effettivamente, in particolare quando si tratta di opporsi ai tentativi dei politici di allineare la regolamentazione finanziaria con gli obiettivi climatici.

READ  Stati Uniti: il fattorino di Amazon con una donna nel camion lancia un video virale nnda nnrt | storie

“Se sono seriamente intenzionati a raggiungere i loro obiettivi a somma zero, dovrebbero fissare obiettivi a breve termine specifici e attuabili in tutti gli aspetti delle loro operazioni”, ha affermato Coats.

Delle trenta istituzioni finanziarie, il rapporto ha esaminato le attività di prestito aziendale, sottoscrizione di azioni e obbligazioni e gestione patrimoniale nel 2020 e nel 2021 e in che modo queste attività si allineano con i rapporti sul clima, le loro politiche e obblighi.

Ha anche analizzato il proprio lavoro di lobbying sul clima e sulla politica fiscale sostenibile, sia direttamente che indirettamente attraverso le associazioni di settore.

Le società analizzate sono JP Morgan, Bank of America, Wells Fargo, Ping An Group, Citigroup, HSBC, BNP Paribas, Allianz, BlackRock, Mitsubishi UFJ Financial, Santander, AXA, Crédit Agricole, Sumitomo Mitsui Financial Group e Royal Bank of Canada, Goldman Sachs, TD Bank, Mizuho Financial Group, Morgan Stanley, UBS, Société Générale, Deutsche Bank, Barclays, Itaú Unibanco, ING, Lloyds Banking Group, Commonwealth Bank of Australia, Scotiabank, Banco Bradesco e Credit Suisse.

Non agire

Tutti loro, ad eccezione del gruppo cinese Ping An, hanno aderito alla Glasgow Finance Alliance for Net Zero (GFANZ), che li impegna a fissare grandi obiettivi di decarbonizzazione per il 2030 e raggiungere lo zero netto entro il 2050.

Ciò è in linea con la guida scientifica dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) e dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), che hanno affermato che è necessaria una rapida eliminazione dell’esplorazione e della produzione di combustibili fossili per frenare il riscaldamento globale.

Tuttavia, solo 11 istituzioni finanziarie hanno fissato obiettivi climatici concreti per il 2030 in più settori.

Il rapporto rivela che le 30 istituzioni finanziarie sono ancora membri di associazioni di settore che hanno costantemente spinto per indebolire le principali politiche di finanza sostenibile nell’Unione Europea, nel Regno Unito e negli Stati Uniti, richiedendo trasparenza sul finanziamento di attività dannose per l’ambiente. , compresi i combustibili fossili.

READ  Il nuovo chip per il mining di Bitcoin di Intel, Blockscale ASIC, arriverà imminentemente

Solo pochi, in particolare BNP Paribas, AXA e Allianz, si impegnano positivamente a favore della finanza sostenibile.

Il rapporto conclude che le istituzioni finanziarie “rimangono riluttanti a introdurre politiche significative per escludere i combustibili fossili” e che le loro armi bancarie e di asset management “rimangono molto attive nel finanziamento di carbone, petrolio e gas”. EFE

rgd / generale

© EFE 2022. La ridistribuzione e la ritrasmissione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il preventivo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.