Giugno 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le primarie americane mettono alla prova la forza di Trump

Martedì, gli elettori di diversi stati si recano alle urne per votare in alcune delle più grandi gare del circuito.

Dal Nebraska e dall’Idaho alla Pennsylvania e alla Georgia, i repubblicani hanno attivamente condotto una campagna – o manovrato silenziosamente – contro i candidati di Trump in modi che potrebbero minare la sua influenza nel partito, ha affermato Hill.

In Pennsylvania, Trump ha fatto il suo tanto atteso passo nella corsa al governo appoggiando il senatore Doug Mastriano (a destra), che sostiene le sue false affermazioni secondo cui c’era una diffusa frode elettorale nelle elezioni del 2020.

Mastriano guida l’ex rappresentante Lo Barletta (a destra) di 12 punti e la sua potenziale vittoria cementerà la teoria di Trump secondo cui è il re dell’approvazione.

Questo martedì, nello stesso stato, è stata contestata la gara per il Senato federale tra Mehmet Oz (supportato da Trump), Kathy Barnett e David McCormick per sostituire il senatore Pat Toomey. Oz sarebbe il primo senatore musulmano repubblicano se eletto.

Questo scenario, che presenta gare critiche in Pennsylvania e Carolina del Nord, metterà chiaramente alla prova l’impatto di Trump sugli elettori del GOP, mentre contempla una nuova nomination alla Casa Bianca nel 2024.

Da parte democratica, le primarie del Senato di questo stato mostrano un conflitto tra le ali moderate e liberali dell’ombrello, con il vice governatore della Pennsylvania Jon Fetterman su un percorso più progressista e il rappresentante Conor Lamb che fa una campagna come legislatore pragmatico.

Un’altra primaria seguita da vicino è il Senato della Carolina del Nord, dove il candidato di Trump, Ted Budd, sembra pronto a battere l’ex governatore preferito Pat McCrory per il seggio del senatore repubblicano Richard Burr.

READ  Blinken è arrivato a Panama per partecipare a un incontro regionale sull'immigrazione

Un recente sondaggio di The Hill e Emerson College mostra Budd come il candidato più probabile del Partito Repubblicano a prendere il posto del probabile candidato al Senato Democratico Sherry Beasley a novembre.

Altre primarie che potrebbero interessare sono i Democratici del 5° distretto dell’Oregon, poiché i progressisti cercano di estromettere il moderato Kurt Schrader e il repubblicano dal governatore dell’Idaho, molti dei quali saranno un termometro per verificare se il sostegno di Trump è diminuito negli Stati Uniti. ranghi.

Questo è il primo passo verso le elezioni di metà mandato di novembre in cui Democratici e Repubblicani si batteranno per il controllo del Congresso eleggendo la Camera dei Rappresentanti, un terzo del Senato e altri seggi contestati, compresi i conservatori.

Jcm/libbra