Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le principali figure che hanno negato che Trump abbia ora fatto un passo indietro per darle voce

¡Colgad A Mike Pence! Questo era uno degli slogan delle orde di sostenitori Donald Trump Il 6 gennaio hanno preso d’assalto il Campidoglio per impedire a Joe Biden di essere dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali. Gli aggressori volevano giustiziare il vicepresidente per essersi rifiutato di rispettare una legge classifica Il suo capo ha rifiutato e ha annullato il risultato elettorale. e intelligenza segreta La polizia ha dovuto evacuare Pence e la sua famiglia La Camera del Senato dove ha visto la sua vita in pericolo. Bene, ora l’ex comandante in seconda di Trump sta minimizzando i fatti, incolpando i media di averli esagerati per aver “distratto” il pubblico dai problemi di Biden e affermando che lui e Trump hanno davvero fatto pace…, e tali sono gli amici.


Leggi anche

Fernando Garcia

Come si spiega questa torsione o capriola di un centesimo? C’è unanimità nell’interpretazione. Chi era il fedelissimo secondo uomo dell’ex presidente ma in quel fatidico 6 gennaio è diventato il grande traditore Che ha ignorato l’appello del golpista di sfidare il processo elettorale, così come la costituzione e il buon senso, ora sta cercando di mantenere le sue aspettative per una possibile partecipazione alle prossime elezioni statunitensi. A tal fine sta cercando di adeguarsi non solo a Trump ma soprattutto all’ampia base elettorale che mantiene.

MRX01.  Washington (USA), 10/09/2018.  - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump parla con l'ambasciatore delle Nazioni Unite Nikki Haley durante l'incontro tenutosi nell'Ufficio ovale della Casa Bianca, Washington, USA, il 9 ottobre 2018. Trump lo ha confermato.  Haley lascerà l'incarico a fine anno, decisione che, secondo lo stesso presidente, lo aveva informato diversi mesi fa.  EFE / Michael Reynolds

Trump e il suo ambasciatore alle Nazioni Unite, Nikki Haley, nel 2018 alla Casa Bianca

Michael Reynolds/Effie

Durante un’intervista amichevole sulla rete televisiva conservatrice Volpe Lunedì, Pence ha risposto a una domanda sulla sua attuale relazione con l’ex presidente: “Guarda, non puoi passare quasi cinque anni in un fosso politico con qualcuno senza sviluppare un forte rapporto con loro”. Ha aggiunto che, giorni dopo il 6 gennaio, lui e il presidente si sono seduti e hanno parlato di tutto. “Ci siamo separati amichevolmente e da allora abbiamo parlato più volte”.

READ  L'UE chiede una nuova legislazione nello scandalo Pandora's Papers - Prensa Latina

Il secondo lealista dell’ex presidente e poi “traditore” accusa i media di aver esagerato il colpo di stato in Campidoglio.

Per quanto riguarda l’attacco al Congresso stessoPence ha sottolineato che era chiaro che “i media vogliono distogliere l’attenzione” per quanto riguarda “l’agenda fallita dell’amministrazione Biden”, che si è concentrata su “un giorno di gennaio”. Un giorno di gennaio – non di più – cerca di “indebolire il carattere e le intenzioni dei 74 milioni di americani che credono che possiamo essere di nuovo forti e prosperi, dopo aver sostenuto la nostra amministrazione nel 2016 e nel 2020”.


Leggi anche

Fernando Garcia

Diane da New York per il gruppo

Una volta trasmesse le dichiarazioni dell’ex vicepresidente, la maggior parte della televisione e della stampa del paese gli sono saltati addosso per una tumultuosa ritirata. “Pence ha appena detto qualcosa di totalmente ridicolo”, hanno commentato, “Pence vuole disperatamente dimostrare di essere un uomo forte, ma non può negare che il suo servizio a Trump lo ha trasformato in un codardo in lacrime”. Washington Post Editorialista Paul Waldman e Greg Sargent.

Le foto inedite dell'attacco al Campidoglio mostrano come Pence è stato salvato dalla folla

Foto dell’attacco al Campidoglio durante l’evacuazione di Mike Pence

Youtube

Le difficoltà a sfuggire al potere sfrenato di Trump e la possibilità sempre più credibile che tenti di ricandidarsi nel 2024 spiegherebbero anche il drastico cambiamento di posizione dell’eminente repubblicana Nikki Haley, dimessa nel 2018, quando non aveva servito due in ufficio. Come ambasciatore di Trump alle Nazioni Unite a causa di divergenze con lui. Otto mesi prima, giorni dopo l’attacco al Campidoglio, l’ex governatore della Carolina del Sud aveva annunciato di non credere che l’ex presidente sarebbe rimasto una figura dominante nel Partito Repubblicano o avrebbe cercato la rielezione. Ebbene, secondo lei, è andato “troppo lontano” e ha perso “tutti gli ingredienti della vita politica”.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità ringrazia Cuba per l'interesse nella lotta al Corona virus

Haley ha detto a febbraio che l’ex presidente non aveva futuro; Ora afferma che il Partito Repubblicano ha bisogno di lui

Martedì scorso, in un’intervista a Il giornale di Wall Street Haley è tornata al centro e ha detto che noi del Partito Repubblicano “abbiamo bisogno di Trump”. Ha anche indicato che prima della sua candidatura alle elezioni presidenziali del 2024, si sarebbe consultata con lui e ha confermato che i due erano “amici”. Haley ha cercato di trovare un difficile equilibrio riguardo alle accuse di “furto elettorale” dell’ex presidente dicendo che a suo parere “c’è stata frode ma non abbastanza”. Tutto giocoleria dialettica. Un giro è forse meno sorprendente di un giro di un centesimo, ma con gli stessi rischi di svelamento. In questo caso la coesione è dislocata.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il vicepresidente Mike Pence e i leader religiosi eseguono una preghiera durante la firma di una dichiarazione nell'Ufficio Ovale della Casa Bianca il 1 settembre 2017, a Washington, DC.  Il presidente Trump ha firmato un proclama che dichiara domenica giornata nazionale di preghiera per le persone colpite dall'uragano Harvey.  (Foto di Alex Wong/Getty Images)

Trump, il vicepresidente Mike Pence e i leader religiosi pregano durante la firma di una dichiarazione nello Studio Ovale della Casa Bianca il 1 settembre 2017.

Alex Wong/Getty Images