mercoledì, Giugno 19, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Le radici del disastro del Rio Grande do Sul

Un uomo cammina davanti allo stadio della squadra di calcio Gremio domenica 5 maggio 2024 a Porto Alegre (Brasile). Foto: EFE/Isaac Fontana.

di Andrea LambesUniversità Federale di San Paolo, e Vittorio Marchesinisimadin

La trasformazione della città brasiliana di Porto Alegre in un centro economico e finanziario regionale – e dello stato di Rio Grande do Sul in una zona dedicata all’agrobusiness – è un riflesso del modello di sviluppo insostenibile, che Noemi Klein Si chiama “capitalismo dei disastri”.

Alla fine dello scorso anno sulla rivista scientifica AtmosferaAlcuni ricercatori brasiliani hanno pubblicato un importante studio sulle caratteristiche del modello atmosferico che ha preceduto i disastri sociali e ambientali nel sud del Brasile.

Foto aerea di una fabbrica di automobili danneggiata dall’alluvione a Porto Alegre. Mercoledì l’Associazione brasiliana dei produttori di automobili ha espresso preoccupazione per il potenziale impatto delle inondazioni nello stato di Rio Grande do Sul sulla catena di produzione, con alcune fabbriche di componenti già paralizzate e altre che affrontano difficoltà logistiche. Foto: EFE/Isaac Fontana.

L’articolo presenta modelli statisticamente robusti con cui prevedere gli effetti del passaggio di perturbazioni (sistemi frontali) sul territorio della regione meridionale del Brasile e del Rio Grande do Sul, associati all’accelerazione e all’intensificazione dei cambiamenti climatici. Frequenza e magnitudo degli eventi meteorologici estremi.

Lo studio ha analizzato anche le aree più a rischio nel Rio Grande do Sul tra il 2016 e il 2020. La distribuzione spaziale dei comuni mostra che le zone più colpite sono la costa catarinense e la regione centro-orientale. Circa il 64,1% dei disastri registrati dal Centro nazionale per il monitoraggio e l’allarme dei disastri naturali (Simaden) erano di natura idrologica, il che conferma quanto affermato nel rapporto del Centro nazionale per il monitoraggio e l’allarme dei disastri naturali (Simaden) Atlante digitale dei disastri in Brasile.

Sott’acqua: il disastro climatico che ha sommerso il Rio Grande del Sur

L’acqua e il clima non sono da biasimare

L’acqua non riesce a uscire a Porto Alegre, come quando hai bisogno di vomitare a causa di un’indigestione e cerchi di contenere il processo naturale che ti porta a svuotare lo stomaco. Per comprendere il recente disastro nella regione, questa metafora banale è molto utile.

READ  Notizie, votazioni e altro da California, Florida e Texas

Studi correlati La dimensione sociale e ambientale dei disastri Lo chiariscono da decenni La pioggia non è da biasimare: Rivela solo l’insostenibilità della gestione politica ed economica del territorio a causa delle pressioni legate all’urbanizzazione, come la speculazione immobiliare e la deforestazione.

Nel caso del Rio Grande do Sul, ad esempio, Istituto Generale di Medicina Legale Il Ministero di Stato ha avvertito il 16 dicembre 2022 che le aree colpite dalla deforestazione illegale sono cresciute del 187% in tre anni.

Sviluppo urbano insostenibile

Un uomo rimuove il fango che ha allagato la sua casa dopo l'esondazione del fiume Tacuari, a Cruzeiro do Sul, nello stato di Rio Grande do Sul.  Foto: EFE/Sebastião Moreira.
Un uomo rimuove il fango che ha allagato la sua casa dopo l’esondazione del fiume Tacuari, a Cruzeiro do Sul, nello stato di Rio Grande do Sul. Foto: EFE/Sebastião Moreira.

Lui Piano generale per lo sviluppo urbano ambientale (PDDUA) a Porto Alegre affronta il modo in cui il comune può promuovere la sostenibilità controllando la densificazione attraverso livelli massimi di densità per ciascuna vasta area e unità di strutturazione urbana. Tuttavia, l’obiettivo di internazionalizzare la città e marketing Lo sviluppo urbano ha prodotto uno sviluppo urbano completamente insostenibile.

I “predatori di città” svolgono un ruolo centrale all’interno della società Modello di sviluppo finanziario Ciò incoraggia la costruzione di edifici indisciplinati che aumentano la temperatura, inquinano visivamente la città, compromettono il tessuto urbano, abbattono alberi e distruggono il patrimonio architettonico.

La logica economica prevale sul diritto di esistere nella trasformazione urbana in America Latina: le aree di interesse vengono abbandonate o lasciate marcire, affinché il capitale finanziario, con il sostegno dei governi locali, possa impossessarsi delle aree centrali e peri-centrali.

Ne consegue quanto sopra I promotori raggiungono le zone vicine al centro. Queste aree sono definite dal mercato e dallo Stato come aree degradate e marginali, e le popolazioni povere e vulnerabili vengono spinte verso aree più marginali con elevati rischi ambientali.

Giornale brasiliano Folha de San Paolo Lo ha sottolineato l’8 maggio Il governatore Eduardo Leite ha cambiato quasi 500 norme ambientali Nel 2019 a beneficio degli interessi finanziari del settore edile, senza dibattito pubblico o consultazione della società civile.

Il capitalismo dei disastri è evidente a Porto Alegre

Una delle maggiori sfide nella ricostruzione del Rio Grande do Sul è non farsi guidare dagli stessi modelli di sviluppo che hanno creato condizioni di insostenibilità e rischio di catastrofi. Come potranno i processi di ricostruzione e recupero riuscire a ridurre l’insostenibilità ambientale, la pianificazione territoriale e il recupero sociale e ambientale del bacino, nonché la disuguaglianza di reddito, potere politico e condizioni di vulnerabilità sociale?

Nel contesto dell’America Latina, esempi di questa logica sono stati individuati in ricerca Sulla catastrofe legata al terremoto del Cile nel 2010 e nella regione montuosa di Rio de Janeiro nel 2011.

Una forma di capitalismo dei disastri è il sovraccarico dei servizi di emergenza a favore di aziende vicine ai gruppi politici al potere, come il governo. Casi di corruzione denunciati durante il disastro del 2011 nel quartiere Serrana di Rio de Janeiro. Oppure classificando le aree urbane come “zone a rischio” per confiscare le proprietà dei poveri durante la risposta e la ricostruzione, per poi, anni dopo, sbloccarle per utilizzarle per costruire altri progetti di interesse per i gruppi politici al potere.

Una foto scattata con un drone mostra un ciclista che attraversa il ponte dopo l’inondazione causata dallo straripamento del fiume Tacuari l’8 maggio 2024, nella città di Lajedo, nello stato di Rio Grande do Sul. Foto: EFE/Sebastião Moreira.

Ricostruire le condizioni per altri disastri o aree che potrebbero durare tutta la vita?

Le conclusioni di questo articolo sottolineano tre appelli urgenti. A cominciare dalla mancanza di visione e di dibattito pubblico sulla ricostruzione post-disastro in Brasile. Il processo di ricostruzione rischia di essere guidato riproducendo la stessa logica del capitalismo dei disastri.

In secondo luogo, il modello di crescita economica catastrofica è il vero fattore di rischio. I precedenti disastri, sia in Brasile che in altre parti del mondo, hanno rivelato che il processo di ricostruzione è caratterizzato dal predominio di gruppi politicamente ed economicamente potenti, che utilizzano il “governo di emergenza” e uno “stato generale di disastro” per imporre l’ordine. Massimizza le tue possibilità di vincita e di profitto.

Infine, sono allarmanti i fatti che spostano l’attenzione dallo stato di emergenza alle reali responsabilità nel produrre una regione vasta e insostenibile sotto diversi punti di vista. Tuttavia, le notizie continuano a dare la colpa solo alla pioggia.

Una vista dal satellite di osservazione Landsat 8 della NASA del centro allagato di Porto Alegre il 9 maggio 2024. Le acque hanno inondato il quartiere storico, chiuso l’aeroporto internazionale, spazzato via i principali stadi e lasciato molte strade impraticabili. Immagine: EFE/OLI (Operational Earth Imager)/NASA.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Conversazione, Qui.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles