Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le scimmie ragno cercano frutti contenenti alcol, secondo una ricerca sulla passione umana per il bere

on nuovo studia suggeriscilo scimmie ragno Cercano regolarmente frutti abbastanza maturi per contenerli alcolche dà peso alla teoria secondo cui l’entusiasmo degli esseri umani per il bere è ereditato dai nostri antenati biologici.

Secondo l’ipotesi della “scimmia ubriaca”, proposta nel 2014 dal biologo di Berkeley Professor Robert Dudley, la nostra attrazione per l’alcol risale a milioni di anni fa, quando i primati scoprirono che l’odore dell’etanolo li portava a maturare, fermentare e frutti nutrienti.

Ma sebbene la sua teoria fosse basata sulla conoscenza che alcuni frutti mangiati dai primati avevano una gradazione alcolica fino al 7%, non era in grado di fornire prove sul fatto che scimmie e scimmie cercassero effettivamente il frutto fermentato o digerissero l’alcol.

Ora, tuttavia, un nuovo studio in cui gli scienziati hanno raccolto e scartato la frutta mangiata dalle scimmie ragno dalla mano nera a Panama, suggerisce che in realtà preferiscono la frutta abbastanza matura da contenere etanolo.

I ricercatori hanno scoperto che dai frutti dell’albero del gobo – che gli esseri umani hanno anche usato per migliaia di anni per preparare la bevanda alcolica – le scimmie ragno annusano e ingeriscono abitualmente a concentrazioni di alcol dall’1 al 2 per cento.

Gli scienziati hanno anche prelevato campioni di urina da sei scimmie ragno, cinque delle quali contenevano metaboliti secondari dell’etanolo, il che indica che stavano usando l’alcol come fonte di energia piuttosto che farlo passare attraverso i loro corpi.

“Per la prima volta siamo stati in grado di dimostrare oltre ogni ragionevole dubbio che i primati selvatici, senza l’intervento umano, consumano frutta contenente etanolo”, afferma l’autrice principale dello studio, la dott.ssa Christina Campbell, primatologa della California State University. California nella cresta nord.

READ  Gli umani hanno accelerato l'estinzione del mammut lanoso | Eurasia NNDC | Tecnica

“Questo è solo uno studio e c’è ancora molto da fare, ma sembra che ci possa essere del vero nell’ipotesi della ‘scimmia ubriaca’: che la tendenza degli esseri umani a consumare alcol deriva da una profonda familiarità con i primati. [que comen fruta] L’etanolo che si trova naturalmente nella frutta matura. “

Il professor Dudley, coautore dello studio, pubblicato questo mese sulla rivista Società reale di scienza apertaL’ha definita “prova diretta dell’ipotesi della ‘scimmia ubriaca’”.

“Prima di tutto, c’è etanolo nel cibo che mangiano e mangiano molta frutta. Poi in secondo luogo, l’alcol viene metabolizzato. “Quello che non sappiamo è quanto alcol consumano e quali sono gli effetti fisiologici e comportamentali sono. Ma è una conferma.

Il professor Dudley ha osservato che le scimmie ragno “potrebbero non ubriacarsi, perché le loro viscere si riempiono prima che raggiungano i livelli di zucchero”, ma che l’alcol “fornisce alcuni benefici fisiologici”.

Ha osservato che potrebbe esserci “un beneficio antimicrobico nel cibo che mangiano, o che l’attività di lievito e microbi potrebbe predisporre alla digestione della frutta”, aggiungendo: “Non può essere escluso”.

Il dottor Campbell ha commentato che le scimmie potrebbero aver scelto la frutta con l’alcol perché la frutta fermentata forniva loro più calorie – e quindi più energia – rispetto alla frutta non fermentata.

Secondo il dottor Campbell, questo potrebbe avere un effetto simile sulle decisioni degli antenati umani nella scelta del frutto da mangiare.

“Gli antenati umani potrebbero aver scelto preferenzialmente il frutto carico di etanolo per il consumo, dato che contiene più calorie”, ha aggiunto. “Gli effetti psicologici ed edonistici dell’etanolo possono anche portare a un aumento dei tassi di consumo e all’aumento dell’apporto calorico”.

READ  Zorin OS Lite 16 viene fornito con Xfce 4.16 e supporto flatpak

Oggi, naturalmente, la disponibilità di alcol in forma liquida, senza la polpa che riempie le viscere del frutto fermentato, fa sì che sia facile mangiarlo troppo.

I ricercatori sostengono che il consumo eccessivo di alcol contemporaneo potrebbe derivare da queste antiche associazioni tra etanolo e ricompense alimentari e potrebbe persino aiutare la società ad affrontare le conseguenze negative del consumo di alcol.

“Il consumo eccessivo di alcol, come il diabete e l’obesità, può essere concettualmente considerato una malattia causata dalla sovranutrizione”, afferma lo studio.