Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le valute e le azioni latinoamericane avanzano, il dollaro perde lustro a causa dell’aumento della propensione al rischio di Reuters

©Reuters. FILE FOTO: Banconote cilene da 1,000, 5,000, 10,000 e 20,000 pesos e monete (LR) da 100 e 500 pesos sono visibili in questa illustrazione, 16 agosto 2016. REUTERS/Rodrigo Garrido/Illustration/File Image

Di Nelson Bocanegra

BOGOTO (Reuters) – La maggior parte dei mercati valutari e azionari dell’America Latina ha esteso i guadagni mercoledì, sostenuti da un dollaro più debole e da una maggiore propensione per gli asset rischiosi, tra le aspettative che la fine sia molto vicina all’aggiustamento monetario negli Stati Uniti.

* Inoltre, il prezzo globale del greggio è aumentato di quasi il 3% – un’importante fonte di valuta estera per molti paesi della regione – dopo che i dati hanno mostrato un calo maggiore del previsto nelle scorte di greggio degli Stati Uniti.

* Per Ricardo Evangelista, analista senior di ActivTrades, è improbabile che il dominio del dollaro quest’anno si estenda fino al 2023.

“I mercati hanno scontato l’aggressivo inasprimento della politica monetaria della Fed e si prevede che la banca centrale allenterà il ritmo nel nuovo anno man mano che l’inflazione negli Stati Uniti inizia a stabilizzarsi”, afferma il rapporto.

* “In questo contesto, mentre altre grandi banche centrali continuano a lottare per contenere l’aumento dei prezzi al consumo e probabilmente continueranno ad aumentare i tassi di interesse dopo il cambio della Fed, la supremazia del dollaro potrebbe svanire il prossimo anno.”

* Il peso cileno ha guidato i guadagni, salendo dell’1,44% a 873,20/873,50 unità per dollaro, in mezzo a un aumento del prezzo del principale carico del paese. Per quanto riguarda il mercato azionario, l’indice IPSA ha rinunciato ai guadagni della prima ora e ha chiuso in ribasso dello 0,34%, a 5.269,70 punti.

READ  Il grande acquisto statunitense di Iberdrola è appeso a un filo | comp

Il real brasiliano ha cancellato i ribassi iniziali e ha chiuso la seduta invariato a 5,2045 unità per dollaro. Mentre l’indice azionario ha aggiunto lo 0,62% a 107.524,07 punti in una sessione volatile, poiché gli investitori hanno preso atto di un emendamento costituzionale per esentare dal tetto di spesa.

* Ha chiuso in rialzo dello 0,49%, a 19,6468 unità rispetto al dollaro, e il principale indice azionario, che comprende le 35 società più liquide del mercato locale, è salito dello 0,66%, a 50.451,46 punti.

* La valuta peruviana, il sol, è salita dello 0,42% a 3,81/3,814 unità per dollaro. Nel frattempo, l’indice principale della Borsa di Lima ha perso lo 0,35%, a 551,59 punti.

* Al contrario, il peso colombiano ha annullato i suoi guadagni iniziali e ha chiuso con un calo marginale dello 0,06% a 4.772,40 unità per dollaro dopo tre giorni di rialzi. Mentre sul mercato azionario, l’indice di riferimento MSCI COLCAP è salito dell’1,17% a 1.241,96 punti.

* In Argentina, il principale indice argentino è avanzato del 4,36%, a 179.851,91 unità come chiusura temporanea con i titoli dei servizi e dell’energia, dopo aver toccato il massimo storico della giornata a 180.652,44 punti.

(Segnalazione di Nelson Bocanegra; Segnalazione aggiuntiva di Froilán Romero a Santiago e Hernan Nessi a Buenos Aires. Montaggio di Marion Giraldo)