Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti aumentano nonostante i prezzi più alti

New York (AFP) – Gli americani hanno continuato a spendere a un ritmo sostenuto a settembre, anche se hanno dovuto affrontare l’impatto dell’aumento dei prezzi di generi alimentari, parcheggi e ristoranti, poiché il crollo delle catene di approvvigionamento globali ha rallentato il flusso delle merci.

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha riferito venerdì che le vendite al dettaglio sono aumentate dello 0,7% a settembre, un numero destagionalizzato, rispetto al mese precedente.

Il numero è stato più forte del previsto. Tuttavia, permangono preoccupazioni sulla resilienza degli acquirenti se i prezzi continuano a salire e le carenze portano alla frustrazione con l’avvicinarsi della stagione cruciale delle vacanze.

La spesa dei consumatori rappresenta circa il 70% di tutte le attività economiche del Paese e una ripresa sostenibile dopo la recessione causata dalla pandemia richiederà la sua attività.

Tuttavia, non ci sono prove che gli americani abbiano problemi a recuperare le loro spese. Il suo consumo il mese scorso è aumentato su tutta la linea, dai negozi di abbigliamento, articoli sportivi e giocattoli alle automobili.

“Vengono per godersi l’esperienza con le loro famiglie, qualcosa che non sono stati in grado di fare da molto tempo”, ha affermato Tiffany Markowski, direttore delle comunicazioni di Camp, una piccola catena di negozi di giocattoli.

Parte dell’aumento della spesa dei consumatori è il risultato diretto dell’aumento dei prezzi. Un gallone di benzina oggi costa un dollaro in più rispetto all’anno scorso, quindi in molti casi gli americani non comprano di più, ma pagano di più.

Il governo federale ha riferito questa settimana che i prezzi pagati dai consumatori statunitensi sono aumentati dello 0,4% a settembre e del 5,4% negli ultimi 12 mesi, raggiungendo il ritmo più veloce dal 2008. Tutto è cambiato. I più costosi: gas, mobili, automobili, negozi di alimentari o visite al ristorante.

READ  Ecco come iscriversi ai 30.000 posti aperti da Sena per conoscere la sicurezza informatica

“I consumatori statunitensi hanno ancora molto nel serbatoio nonostante alcuni articoli più costosi e difficili da trovare”, ha scritto Sal Guateri, capo economista e direttore di BMO Capital Markets, in un rapporto pubblicato venerdì.

___

Il giornalista dell’Associated Press Chris Rogaber ha contribuito a questo rapporto.