Giugno 6, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ECLAC chiede un’azione coraggiosa per realizzare l’Agenda 2030 (+ foto)

Immagini: CECLA

Il segretario esecutivo della Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi (Cibal), José Manuel Salazar Zerinach, ha avvertito che il 75 per cento degli obiettivi fissati dalle Nazioni Unite rischia di non essere raggiunto, a meno che non vengano intraprese azioni determinate per tornare. sulla pista giusta.

“Sono necessarie azioni particolarmente audaci, innovative, stimolanti e trasformative. Altrimenti, attraverseremo un nuovo decennio perduto”, ha affermato Salazar Zerinachs.

Il vice segretario generale delle Nazioni Unite, Amina Mohammed, ha sollecitato il rafforzamento della cooperazione e l’accelerazione del percorso per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e ha sottolineato l’importanza di investire nello sviluppo sostenibile.

Nel frattempo, il ministro degli Esteri argentino, Santiago Cafiero, il cui paese detiene la presidenza della Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi per il biennio 2022-2024, ha chiesto la progettazione di un piano globale per accelerare l’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Ha dichiarato che l’attuazione di questa agenda deve essere mantenuta come un impegno incrollabile per tutti, senza lasciare indietro nessuno.

Partecipando all’evento, Deborah Rivas, viceministro cubano del commercio estero e degli investimenti esteri, ha avvertito che i paesi più vulnerabili, compresi i piccoli stati insulari in via di sviluppo nei Caraibi, meritano un trattamento speciale e preferenziale per raggiungere gli SDG.

Ha sottolineato che queste economie, che dipendono dal settore esterno, hanno pienamente ricevuto gli effetti della pandemia di Covid-19 su commercio, turismo e investimenti, che sono le principali fonti di finanziamento per l’attuazione dell’Agenda 2030.

Inoltre, la regione caraibica è particolarmente colpita dagli effetti del cambiamento climatico, anche se contribuisce meno al riscaldamento globale e al degrado ambientale, ha affermato.

READ  Tra disaccordi e tiepidi accordi, si è conclusa la COP 26

Nel 2015, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha fissato 17 obiettivi di sviluppo sostenibile che devono essere raggiunti entro sette anni, tra cui l’eliminazione della povertà e della fame, la salute e il benessere, l’istruzione di qualità, l’uguaglianza di genere e il lavoro dignitoso.

Durante il giovedì, gli obiettivi relativi all’acqua pulita e ai servizi igienico-sanitari saranno affrontati nei programmi di lavoro; energia pulita ed economica; Industria, innovazione, infrastrutture, città e comunità sostenibili.

jha/macchina