Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’economia britannica ha superato i livelli pre-pandemia a novembre

FILE PHOTO: Le persone aspettano in fila al Westminster Bridge per ricevere una dose del vaccino COVID-19 al St Thomas’ Hospital di Londra, Gran Bretagna, il 14 dicembre 2021. REUTERS/Toby Melville

LONDRA (Reuters) – L’economia britannica è cresciuta dello 0,9 per cento a novembre, più del previsto, superando finalmente le sue dimensioni prima che il Paese entrasse nel suo primo blocco COVID-19, l’Office for National Statistics (ONS).

L’Office for National Statistics ha affermato che la quinta economia più grande del mondo è cresciuta dello 0,7% da febbraio 2020.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto una crescita mensile del PIL dello 0,4% per il mese di novembre.

Nonostante l’accelerazione della crescita a novembre, il PIL probabilmente ha subito un duro colpo a dicembre, poiché la variabile omcron del coronavirus ha travolto l’Europa, ed è probabile che la perdita di slancio si estenda fino a gennaio poiché molte aziende hanno segnalato un forte assenteismo dei dipendenti e i consumatori rimangono cauti. Dall’andare alle istituzioni pubbliche.

Tuttavia, le autorità sanitarie ritengono che l’ondata di infezione da Omicron abbia raggiunto il picco nel Regno Unito e gli economisti affermano che il colpo all’economia sarà probabilmente di breve durata, consentendo alla Banca d’Inghilterra di continuare ad aumentare i tassi di interesse.

Secondo l’Office for National Statistics, indipendentemente dalle revisioni dei dati, il PIL era pari o superiore al livello pre-coronavirus nell’ottobre-dicembre dello scorso anno, a condizione che la produzione economica non fosse scesa di oltre lo 0,2% a dicembre.

(Scrittura di William Schomberg e Alistair Smoot; Montaggio di Guy Faulconbridge; Tradotto da Thomas Cobos)