Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’economia giapponese si riprende dallo shock del Covid, ma il rallentamento globale mette in ombra le previsioni di Reuters

© Reuters. File foto di un uomo che fa shopping in un negozio di abbigliamento nel quartiere dello shopping di Ameyoko a Tokyo, in Giappone. 27 giugno 2022. (Reuters) / Kim Kyung-Hoon

Scritto da Laika Kihara e Tetsushi Kajimoto

TOKYO (Reuters) – L’economia giapponese è cresciuta per il terzo trimestre consecutivo grazie ai forti consumi privati, come hanno mostrato lunedì i dati del periodo aprile-giugno, segno che il Paese si sta finalmente riprendendo dalla recessione causata dal coronavirus.

Tuttavia, le prospettive rimangono incerte a causa della recrudescenza delle infezioni da COVID-19, del rallentamento della crescita globale, dei vincoli di offerta e dell’aumento dei prezzi delle materie prime, che fanno aumentare il costo della vita delle case.

Il prodotto interno lordo (PIL) della terza economia mondiale è cresciuto del 2,2% annuo nel secondo trimestre, accelerando l’aumento dello 0,1% registrato nel periodo gennaio-marzo, secondo i dati del governo. La crescita è stata inferiore all’aspettativa media del mercato del 2,5%.

La crescita è stata in gran parte trainata da un aumento dell’1,1% dei consumi privati, che rappresentano più della metà del prodotto interno lordo del Giappone, secondo i dati. Ma l’aumento è stato inferiore alle aspettative del mercato dell’1,3%.

La spesa in conto capitale è aumentata dell’1,4%, al di sopra dell’aspettativa media del mercato di un’espansione dello 0,9%, secondo i dati. La domanda esterna non ha aggiunto né sottratto crescita al PIL, a fronte di un contributo previsto di 0,1 punti.

Il Giappone è rimasto indietro rispetto ad altre grandi economie nel riprendersi completamente dalla pandemia a causa della debolezza dei consumi, in parte dovuta alle restrizioni all’attività che sono arrivate a marzo.

READ  La guerra in Ucraina taglia i profitti di Alphabet, la società madre di Google | internazionale | Notizia

Ciò ha messo fuori gioco la BoJ nella fase di stretta monetaria globale che si sta verificando in molte economie a causa dell’aumento dell’inflazione.

Le autorità prevedono che la domanda di consumo repressa continuerà fino a quando i salari non aumenteranno abbastanza da compensare l’aumento del costo della vita. Tuttavia, gli analisti non sanno se le aziende aumenteranno i salari tra i rischi di un rallentamento della domanda globale.

(Rapporto aggiuntivo di Cantaro Comilla, editore spagnolo di Carlos Serrano)