Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’economia latinoamericana e caraibica rallenterà nel 2022, tra incongruenze e costi della pandemia

Una minore crescita globale significherà una minore domanda esterna e una minore crescita del commercio mondiale, che avrà un impatto diretto sulle economie latinoamericane. Foto: Unctad.

L’America Latina e i Caraibi rallenteranno al 2,1% nel suo tasso di crescita economica nel 2022, dopo una crescita media del 6,2% nel 2021.Secondo le nuove previsioni pubblicate mercoledì dalla Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi, che mettono in evidenza le asimmetrie tra paesi sviluppati e in via di sviluppo e le sfide per far fronte ai costi della pandemia di COVID-19.

Nel rapporto annuale “Primary Equilibrium for the Economies of Latin America and the Caribbean 2021”, diffuso in una conferenza stampa virtuale da Città del Messico, ECLAC avverte che il rallentamento si verifica nel contesto di una significativa disuguaglianza tra paesi sviluppati ed emergenti e nello sviluppo in la capacità di attuare politiche fiscali, sociali, monetarie, sanitarie e di immunizzazione per una ripresa sostenibile dalla crisi causata dall’attuale pandemia.

L’inflazione elevata, la gestione del debito, i problemi strutturali di bassi investimenti e produttività, la povertà e la disuguaglianza sono le principali sfide alla crescita e alla creazione di posti di lavoro nella regione, afferma l’ECLAC.

Nel rapporto, l’ECLAC chiede l’agevolazione del finanziamento internazionale e chiede una maggiore integrazione regionale e una vaccinazione continua contro il COVID-19.

“Stiamo affrontando un periodo di tremenda incertezza in cui le disparità si stanno aggravando e Sperimenteremo una crescita più bassa, sia nel PIL che nel commercio. Avremo un contesto meno favorevole per la regione con meno spazio fiscale e pressioni inflazionisticheha detto il segretario esecutivo delle Nazioni Unite, Alicia Barcena.

Secondo il rapporto, la regione sta affrontando un anno 2022 molto complesso: la persistenza e l’incertezza dell’evoluzione dell’epidemia, un forte rallentamento della crescita, un calo degli investimenti e della produttività, una lenta ripresa del lavoro, il persistere degli effetti sociali di la crisi e la mancanza di finanze pubbliche. Spazio, aumenti delle pressioni inflazionistiche e squilibri fiscali.

I motori economici della regione funzioneranno male quest’anno. La Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi stima che il Brasile, la più grande economia, crescerà solo dello 0,5% in meno. Il Messico segnerà +2,9%; Colombia + 3,7%, Cile + 1,9%.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità conferma che "la variante omicron non cambia la natura della sfida che dobbiamo affrontare"

La crescita media prevista del 2,1% mostra differenze tra paesi e sottoregioni: I Caraibi cresceranno del 6,1% (esclusa la Guyana), l’America Centrale crescerà del 4,5% e il Sud America crescerà dell’1,4%. Nel 2021 la regione ha mostrato una crescita superiore alle attese, con una media del 6,2%, grazie alla base di confronto più bassa formata dal 2020, all’aumento della mobilità e ad un contesto esterno favorevole.

Barcena ha notato che parte dell’orizzonte nuvoloso è dovuto al fatto che I mercati del lavoro non si sono ripresi dal colpo dell’emergenza sanitaria.

“L’epidemia ha avuto un impatto molto forte Non ufficialeChe dovrebbe aumentare con impatti sociali devastanti”, rilevando che ciò si manifesta chiaramente nella vulnerabilità di alcuni settori della popolazione, come le donne.

Nonostante le battute d’arresto, l’ECLAC prevede un leggero miglioramento dei livelli di povertà e povertà estrema, con una diminuzione dell’1,5% della povertà e dello 0,7% della povertà estrema.

Lo studio attribuisce la complessa realtà della regione nel 2022 a persistenza della pandemia e incertezza sul suo sviluppo; Forte rallentamento della crescita globale. Continui bassi investimenti e produttività e lenta ripresa dell’occupazione; I continui effetti sociali della crisi. minimo spazio finanziario; Crescenti pressioni inflazionistiche e squilibri fiscali.

Una minore crescita globale significherà una minore domanda esterna e una minore crescita del commercio mondiale, che avrà un impatto diretto sulle economie latinoamericane.

per quanto riguarda Quanto ai prezzi delle materie prime da cui dipende gran parte del PIL regionale dalle sue esportazioni, le aspettative indicano un calo o, nella migliore delle ipotesi, di mantenersi sui livelli del 2021, senza aumentare.

Per lo stesso motivo, la Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi rileva che la ripresa dei paesi della regione dipenderà soprattutto dalla domanda interna, che nel 2021 ha visto una ripresa con maggiori consumi trainati dal sostegno monetario attuato da governi per superare l’emergenza sanitaria. E conversioni che sono cresciute del 30%.

READ  Fauci mette in guardia contro il compiacimento per il virus che riempirà gli ospedali

“Stiamo proponendo di mantenere le misure di trasporto e altre forme di sostegno mentre si creano posti di lavoro”, ha affermato Barcena.

Ha sottolineato che per controllare l’inflazione e non fermare la crescita, le autorità monetarie devono utilizzare tutti gli strumenti di cui dispongono, al di là del tasso di interesse. Ha anche chiesto l’aumento dei livelli di riscossione e il miglioramento della struttura fiscale.

“Il previsto rallentamento nella regione nel 2022, insieme ai problemi strutturali di bassi investimenti e produttività, povertà e disuguaglianza, richiedono che il rilancio della crescita sia un elemento chiave delle politiche, affrontando al contempo le pressioni inflazionistiche e i rischi macrofinanziari”, ha affermato Alicia Barcena. .

sulla vaccinazione covid, Parsina ha sollecitato la continuazione delle campagne di immunizzazione come pilastri della ripresa economica, facendo appello ai paesi ricchi, che avevano il monopolio sulla maggior parte dei vaccini prodotti, a condividerli con i paesi emergenti e in via di sviluppo, dove non potevano accedervi.

La Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi ha osservato che la vaccinazione non solo ha un impatto sul controllo dell’epidemia, ma riduce anche le possibilità di ulteriori mutazioni del coronavirus e ha avvertito che se la copertura vaccinale non sarà aumentata in tutti i paesi, la ripresa globale sarà non essere sostenibile. .

È chiaro che oltre alle politiche nazionali, è necessario il sostegno internazionale, Confermato Barcena.

Chiediamo alla comunità internazionale di facilitare e migliorare l’accesso ai finanziamenti nella regione. Finanziamenti a condizioni più favorevoli, si spera a condizioni agevolate. È una delle questioni su cui insiste ECLAC: maggiore ridistribuzione della liquidità e, per inciso, maggiore ridistribuzione della concentrazione di ricchezza e reddito a livello globale”, Egli ha detto.

READ  Prima carestia per cambiamento climatico dichiarata in Madagascar

Riteneva che un modo per raggiungere questo obiettivo sarebbe imporre una tassa globale compresa tra il 15% e il 25% sulle grandi società multinazionali.

“Ci sono molte cose da fare e molte di esse passano attraverso gli sforzi nazionali da parte degli stati, delle autorità, ma anche di Uno status multilaterale migliore, un migliore processo di cooperazione, una maggiore unità nella regione, una maggiore integrazione, che è una delle carenze che dobbiamo affrontare in America Latina e nei Caraibi.

“L’integrazione regionale può essere un enorme fattore trainante, abbiamo visto che nelle vaccinazioni lo vediamo nelle operazioni CELAC, ma dobbiamo raggiungerlo anche a livello subregionale”, ha affermato il segretario esecutivo del Cepal.

Secondo Barcena, La regione ha un compito eccezionale, “che è una maggiore integrazione regionale e resilienza, perché ci saranno interruzioni nelle catene di approvvigionamento. La vicinanza geografica dovrebbe aiutarci ad aumentare la resilienza in America Latina e nei Caraibi”.

(Con informazioni dalle Nazioni Unite e dalla Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi)