L’Ecuador è in lutto per la festa del suo primo grido di indipendenza

0
2
L’Ecuador è in lutto per la festa del suo primo grido di indipendenza

Solitamente in queste date province, comuni ed enti privati ​​promuovono attività culturali, di intrattenimento e commemorative che quest’anno non si svolgeranno.

Inoltre, il turismo si sentirà più colpito nel contesto di shock e paura diffusi a causa della crescente insicurezza, nonché dello stato di emergenza imposto dal presidente Guillermo Lasso dopo l’attacco al candidato.

Il capo della Federazione nazionale delle camere regionali del turismo, Holbach Monetone, si è chiesto chi verrebbe in uno dei paesi più insicuri dell’America Latina, dove un sindaco o un candidato presidenziale assassinato.

Muñetón ha indicato in un’intervista all’emittente radiofonica Radio Democracia che il settore alberghiero è stato cancellato perché i cittadini preferiscono non uscire di casa e quindi si prevede una recessione del livello dei consumi e un rilancio dell’economia, nel bel mezzo delle vacanze il dieci agosto.

Quel giorno del 1809, un gruppo di creoli di Quito espresse la decisione di istituire un governo indipendente dalla Spagna e il governo sovrano formò una giunta, anche se dopo pochi mesi la città riprese il potere e molti patrioti furono imprigionati e massacrati.

La candidata al seggio presidenziale, Luisa Gonzalez, di Citizen’s Revolution, ha pubblicato giovedì un messaggio sui social network, affermando che questo grido 214 anni fa ci ha aperto la strada alla libertà e oggi risuona con maggiore forza per vivere. Giorni di luce e pace.

Gonzalez ha detto che il nostro Paese deve andare avanti su questa strada, che sono sicuro raggiungeremo insieme.

L’insicurezza era al centro dell’agenda elettorale, ma l’uccisione di Villavicencio mercoledì segna un punto di svolta e illustra ciò che resta della campagna elettorale.

READ  Il ministro britannico annuncia l'intenzione di dimettersi, commenti qualificati sull'Ucraina

Un altro candidato, Yaco Perez, ha invitato i suoi oppositori a sedersi a un tavolo per parlare e concludere un accordo di pace, ma per il momento la sua iniziativa è stata sostenuta solo da Bolivar Armigos, che sarà anche lui al ballottaggio presidenziale il 20 settembre. .

Questo sabato si conclude il decreto di lutto nazionale di Lasso, e domenica 13 agosto si svolgerà il dibattito televisivo tra i candidati alla presidenza.

jha/avr

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here