Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ELN consegna una persona detenuta al CICR in Colombia

BOGOTA, 6 aprile (Prensa Latina) L’Esercito di Liberazione Nazionale Colombiano (ELN) ha consegnato oggi una persona che era in suo potere al Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) in una zona rurale di Cauca.

“Siamo lieti di confermare di aver concluso con successo questo rilascio. Partecipiamo come mediatori neutrali, imparziali e indipendenti, proprio come facciamo in ogni lavoro che svolgiamo”, ha affermato Kian Abbassian, capo della sottodelegazione del CICR a Cali.

Ha sottolineato che apprezzano che questo rilascio possa essere effettuato in conformità con questi principi umanitari.

Secondo il Comitato Internazionale della Croce Rossa, la persona è stata valutata dagli operatori sanitari di questa organizzazione e ha deciso che era in buona salute per lasciare la zona.

“Le comunità armate e gli attori possono avere piena certezza che il nostro lavoro risponde a interessi puramente umanitari, con l’unico scopo di alleviare le sofferenze delle persone colpite da conflitti armati e violenze”, ha aggiunto Abbassian.

Da parte sua Lorenzo Caravi, capo della delegazione del CICR in Colombia, ha affermato che “il dialogo bilaterale e riservato che abbiamo con tutti gli attori armati è fondamentale per il nostro lavoro umanitario, perché ci permette di raggiungere le zone più colpite dai conflitti armati .”

In questo Paese, “il panorama umanitario è complesso e ciò pone maggiori sfide al nostro lavoro. Continuiamo il nostro impegno assoluto nei confronti delle vittime e delle comunità”.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha affermato che la missione è stata supportata da un rappresentante di un comitato umanitario a Cauca.

Nel 2021 il CICR ha facilitato il rilascio di 27 persone detenute da gruppi armati.

READ  #PandoraPapers: Panama, spaventata dalla nuova inchiesta internazionale sulle società offshore

“La fiducia che le comunità e le parti interessate hanno riposto in noi affinché queste persone superino i momenti difficili della loro vita è un motivo per continuare a svolgere la nostra missione umanitaria in Colombia”, ha concluso Caravi.

jha / otf